Discussione:
Roberto Albanesi e la dieta Italiana [x-post]
(troppo vecchio per rispondere)
ReMatto
2004-05-17 00:14:46 UTC
Permalink
http://www.albanesi.it/Alimentazione/Dtmenu.htm

cosa ne pensate della sua formula per la dieta perfetta?
qualcuno ha letto il suo libro "il manuale completo dell'alimentazione - la
dieta italiana"?
sembra interessante.

atendo commenti costruttivi.
ciao
ReMatto
2004-05-17 10:40:18 UTC
Permalink
Post by ReMatto
http://www.albanesi.it/Alimentazione/Dtmenu.htm
cosa ne pensate della sua formula per la dieta perfetta?
qualcuno ha letto il suo libro "il manuale completo dell'alimentazione - la
dieta italiana"?
sembra interessante.
atendo commenti costruttivi.
ciao
aggiungo questo link, dove ci sono interessanti considerazioni dell'autore
per calcolare il fabbisogno di proteine, carboidrati di un soggetto.
la cosa un po' preoccupante è che, sempre secondo Albanesi, un soggeto
sedentario non può avere una dieta bilanciata o almeno è quello che mi
sembra di aver capito....
ReMatto
2004-05-17 10:43:40 UTC
Permalink
Post by ReMatto
aggiungo questo link, dove ci sono interessanti considerazioni dell'autore
per calcolare il fabbisogno di proteine, carboidrati di un soggetto.
la cosa un po' preoccupante è che, sempre secondo Albanesi, un soggeto
sedentario non può avere una dieta bilanciata o almeno è quello che mi
sembra di aver capito....
manca il link:
http://www.albanesi.it/Dietologia/dietaitalianateoria.htm

scusate....
Andrea Tibaldi
2004-05-17 13:06:29 UTC
Permalink
Post by ReMatto
Post by ReMatto
http://www.albanesi.it/Alimentazione/Dtmenu.htm
aggiungo questo link, dove ci sono interessanti considerazioni dell'autore
per calcolare il fabbisogno di proteine, carboidrati di un soggetto.
la cosa un po' preoccupante è che, sempre secondo Albanesi, un soggeto
sedentario non può avere una dieta bilanciata o almeno è quello che mi
sembra di aver capito....
Secondo Albanesi (e pure secondo me) alimentazione sana e sport sono due
concetti inscindibili. Tradotto in pratica è molto difficile seguire una
alimentazione sana (ovvero mentenere il peso forma) senza praticare sport a
un livello sufficientemente intenso, e viceversa non si può sperare di
mangiare quello che si vuole recuperando con lo sport.
Il problema per un sedentario è mantenere il peso forma senza fare la fame,
o continuando a godere del piacere della buona tavola.

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
ReMatto
2004-05-17 14:33:24 UTC
Permalink
Da dietologo ti rispondo che una persona che liquida la dieta mediterranea
perchè "ortoressica" fa solo sorridere.
Ho la netta sensazione inoltre, che il sig. Albanesi non abbia idea di
cosa
sia la dieta mediterranea, visto il resto delle cose che scrive.
Si faccia piuttosto un viaggetto all'INRAN a ritirare una copia delle
"Linee
guida dell'alimentazione italiana-Anno 2003", è gratis.
ho rifatto il crosspost.

tra le diete in circolazione, mi sembra molto vicina al profilo della
mediterranea.
c'è solo una riduzione del fabbisogno calorico giornaliero, sottraendo
queste calorie appunto dai carboidrati.
troppi forse oggi per un sedentario e magari più adatti ad un persona che ha
un'attività fisica maggiore (pochi oggi).
quello che non ho mai capito e che nessuno spiega è come si arriva alle
proporzioni:

60-25-15 della mediterranea (C-G-P)
50-30-20 della dieta di Albanesi
50-35-25 consigliati da Tibaldi

come ci si arriva???

Partire da un calcolo del fabbisogno minimo proteico e da un fabbisogno
minimo di glucidi come fa albanesi mi sembra esatto, ma manca il fabbisogno
minimo dei grassi.
è giusto stabilire qual è il minimo delle proteine, il minimo dei
carboidrati, ma raggiungere il totale dell'introito calorico attraverso
l'assunzione dei grassi mi sembra un po' semplicistico.



dando per scontato che le formule siano esatte e comunemente accettate da
tutti, si dovrebbe procede al calolo del:

fabbisogno proteico giornaliero: 1 * kili peso ideale (e già qui, il
peso ideale è un concetto abbastanza astratto)
(piccola nota per chi desidera aumentare la massa magra: il fabbisogno
oscilla da 1.5 a 2g per chilo di peso a seconda delle fonti)
fabbisogno di carbo giornaliero: 2.6 * kili peso ideale (è la prima
volta che leggo questa formula, dove l'ha trovata albanesi?)
fabbisogno di grassi: ???? quanti ne deve assumere come minimo il corpo???
nessuno lo dice...
fabbisogno calorico giornaliero: che non è dato dalla sommatoria dei 3
precedenti fabbisogni, ma si procede tramite tabelle e soprattutto
dall'esperienza fatta provando vari regimi.
ora uno deve impostare una dieta assicurandosi un introito calorico che
soddisfi il suo fabbisogno giornaliero se vuole mantenere il prorpio peso,
aumentarlo leggermente se deve aumentare di massa muscolare e invece
diminuirlo se vuole perdere grasso.
nel far questo bisogna sempre tenere presente quali sono i fabbisogni minimi
e aggiustare le proporzioni tra carbo, grassi e proteine.
un'altra domanda è: se devo dimagrire, da dove tolgo le calorie?
se sono un sedentario, i carboidrati mi servono a poco e sono più pericolosi
dei grassi per aumentare di peso. mi limito a poco più del necessario ed il
resto delle calorie me le procuro dai grassi?

faccio un esempio pratico:
sono un sedentario di 76 kg con circa 15 kg di grasso. peso ideale:68 kg.
fabbisogno proteico: 1 * 68 = 68 g = 272 kcal arrotondiamo a 280 kcal
fabbisogno min. carbo: 2.6 * 68 = 176.8 g = 707.2 kcal tenendo presente che
è il minimo arrotondiamo a 800
fabbisogno min di grassi: non si sa ???
fabbisogno calorico giornaliero: dalle tabelle circa 2100 calorie.
troviamo i grassi necessari per "aggiustare" la dieta: 2100 - 800-280= 1020
kcal fornite dai grassi.
le proporzioni della dieta trovata sono le seguenti:
38-49-13 (C-G-P).
chi probabilmente segue diete ad alto contenuto di grassi e basso contenuto
di carboidrati, troverà questa dieta fattibile e giusta, ma è veramente
così? e se aumentassimo il dosaggio dei carboidrati (utilizzando alimenti
integrali) e se diminuissimo il dosaggio dei grassi?

tutto quello che ho scritto magari è una marea di fesserie, ma sono
ragionamenti che faccio leggendo qua e la informazioni sull'alimentazione.
trovo veramente assurdo che arrivati al 2004 non ci sia ancora una linea
guida valida per mangiare correttamente.
sicuramente qualcuno mi dirà: "no, una dieta giusta esiste ed è la
mediterranea, l'italiana, la metabolica, la zona o... ecc ecc..."
mi sta bene. ma motiviamo queste affermazioni!
la mediterranea ha le proporzioni 60-15-25 sia che si voglia dimagrire, sia
che si voglia aumentare di massa. perchè?
l'italiana ha diminuito le dosi dei carboidrati ritoccando inevitabilemte le
proporzioni (50-20-30). e perchè non 45-15-30? da dove nascono queste
proporzioni?
la metabolica propone un regime di carboidrati troppo al di sotto delle
reali esigenze del corpo e afferma che assumendo grassi per via orale allora
il corpo diventa una "macchina brucia grassi", ma è realmente dimostrato??
la zona semplicemente propone un regime calorico per i sedentari troppo
basso, da fame...

dico solo ancora una cosa:
AIUTO!!!
leo - owoelwo
2004-05-17 15:23:00 UTC
Permalink
Ciao,
Post by ReMatto
50-35-25 consigliati da Tibaldi
?????
io propongo il modulo 5-5-5 di oronzo cana'

Leo
ReMatto
2004-05-17 18:59:47 UTC
Permalink
Post by leo - owoelwo
Ciao,
Post by ReMatto
50-35-25 consigliati da Tibaldi
?????
io propongo il modulo 5-5-5 di oronzo cana'
LOL...
ho sbagliato a scrivere 50-15-35 (C-P-G)
sicuramente si saranno altri errori; non ho riletto prima di inviare... :-)
AlessandrO
2004-05-17 17:33:39 UTC
Permalink
Post by ReMatto
ho rifatto il crosspost.
il crosspost è male

molto meglio il follow-up, impostato su it.salute.alimentazione
Andrea Tibaldi
2004-05-18 06:02:31 UTC
Permalink
Post by ReMatto
quello che non ho mai capito e che nessuno spiega è come si arriva alle
60-25-15 della mediterranea (C-G-P)
50-30-20 della dieta di Albanesi
50-35-25 consigliati da Tibaldi
come ci si arriva???
La mediterranea ci arriva per analogia con gli abitanti delle coste del
meridione (poco scientifico), io faccio un ragionamento
http://www.cibo360.it/alimentazione/dietologia/dieta_ideale/ripartizione.htm
che mi porta a concludere che:

1) tutte e tre le ripartizioni rientrano in un range gestibile
dall'organismo
2) delle tre, quella della dieta mediterranea è la più sbilanciata a favore
dei carbo (meglio le altre due)
3) l'alimentazione non è solo ripartizione dei macronutrienti, e poi
parliamoci chiaro, non è che tutti i giorni bisogna stare lì con la
calcolatrice, una volta imparato si va a occhio. Quindi un 5-10% di
differenza è assolutamente gestibile (e quindi Albanesi e Tibaldi
praticamente si equivalgono).

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Post by ReMatto
Partire da un calcolo del fabbisogno minimo proteico e da un fabbisogno
minimo di glucidi come fa albanesi mi sembra esatto, ma manca il fabbisogno
minimo dei grassi.
è giusto stabilire qual è il minimo delle proteine, il minimo dei
carboidrati, ma raggiungere il totale dell'introito calorico attraverso
l'assunzione dei grassi mi sembra un po' semplicistico.
dando per scontato che le formule siano esatte e comunemente accettate da
fabbisogno proteico giornaliero: 1 * kili peso ideale (e già qui, il
peso ideale è un concetto abbastanza astratto)
(piccola nota per chi desidera aumentare la massa magra: il fabbisogno
oscilla da 1.5 a 2g per chilo di peso a seconda delle fonti)
fabbisogno di carbo giornaliero: 2.6 * kili peso ideale (è la prima
volta che leggo questa formula, dove l'ha trovata albanesi?)
fabbisogno di grassi: ???? quanti ne deve assumere come minimo il corpo???
nessuno lo dice...
fabbisogno calorico giornaliero: che non è dato dalla sommatoria dei 3
precedenti fabbisogni, ma si procede tramite tabelle e soprattutto
dall'esperienza fatta provando vari regimi.
ora uno deve impostare una dieta assicurandosi un introito calorico che
soddisfi il suo fabbisogno giornaliero se vuole mantenere il prorpio peso,
aumentarlo leggermente se deve aumentare di massa muscolare e invece
diminuirlo se vuole perdere grasso.
nel far questo bisogna sempre tenere presente quali sono i fabbisogni minimi
e aggiustare le proporzioni tra carbo, grassi e proteine.
un'altra domanda è: se devo dimagrire, da dove tolgo le calorie?
se sono un sedentario, i carboidrati mi servono a poco e sono più pericolosi
dei grassi per aumentare di peso. mi limito a poco più del necessario ed il
resto delle calorie me le procuro dai grassi?
sono un sedentario di 76 kg con circa 15 kg di grasso. peso ideale:68 kg.
fabbisogno proteico: 1 * 68 = 68 g = 272 kcal arrotondiamo a 280 kcal
fabbisogno min. carbo: 2.6 * 68 = 176.8 g = 707.2 kcal tenendo presente che
è il minimo arrotondiamo a 800
fabbisogno min di grassi: non si sa ???
fabbisogno calorico giornaliero: dalle tabelle circa 2100 calorie.
troviamo i grassi necessari per "aggiustare" la dieta: 2100 - 800-280= 1020
kcal fornite dai grassi.
38-49-13 (C-G-P).
chi probabilmente segue diete ad alto contenuto di grassi e basso contenuto
di carboidrati, troverà questa dieta fattibile e giusta, ma è veramente
così? e se aumentassimo il dosaggio dei carboidrati (utilizzando alimenti
integrali) e se diminuissimo il dosaggio dei grassi?
tutto quello che ho scritto magari è una marea di fesserie, ma sono
ragionamenti che faccio leggendo qua e la informazioni sull'alimentazione.
trovo veramente assurdo che arrivati al 2004 non ci sia ancora una linea
guida valida per mangiare correttamente.
sicuramente qualcuno mi dirà: "no, una dieta giusta esiste ed è la
mediterranea, l'italiana, la metabolica, la zona o... ecc ecc..."
mi sta bene. ma motiviamo queste affermazioni!
la mediterranea ha le proporzioni 60-15-25 sia che si voglia dimagrire, sia
che si voglia aumentare di massa. perchè?
l'italiana ha diminuito le dosi dei carboidrati ritoccando inevitabilemte le
proporzioni (50-20-30). e perchè non 45-15-30? da dove nascono queste
proporzioni?
la metabolica propone un regime di carboidrati troppo al di sotto delle
reali esigenze del corpo e afferma che assumendo grassi per via orale allora
il corpo diventa una "macchina brucia grassi", ma è realmente dimostrato??
la zona semplicemente propone un regime calorico per i sedentari troppo
basso, da fame...
AIUTO!!!
ReMatto
2004-05-18 11:54:33 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Post by ReMatto
quello che non ho mai capito e che nessuno spiega è come si arriva alle
60-25-15 della mediterranea (C-G-P)
50-30-20 della dieta di Albanesi
50-35-25 consigliati da Tibaldi
come ci si arriva???
La mediterranea ci arriva per analogia con gli abitanti delle coste del
meridione (poco scientifico), io faccio un ragionamento
http://www.cibo360.it/alimentazione/dietologia/dieta_ideale/ripartizione.htm
1) tutte e tre le ripartizioni rientrano in un range gestibile
dall'organismo
2) delle tre, quella della dieta mediterranea è la più sbilanciata a favore
dei carbo (meglio le altre due)
3) l'alimentazione non è solo ripartizione dei macronutrienti, e poi
parliamoci chiaro, non è che tutti i giorni bisogna stare lì con la
calcolatrice, una volta imparato si va a occhio. Quindi un 5-10% di
differenza è assolutamente gestibile (e quindi Albanesi e Tibaldi
praticamente si equivalgono).
Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
ho letto con attenzione la parte dedicata alla dietologia del sito cibo360.it.
alcune cose non sono sufficientemente chiare e non vorrei fossero estrapolate da luoghi comuni.
c'è scritto:

"Un essere umano di 70 kg ha bisogno ogni giorno di:
- una quantità di energia (espressa in kcal) necessaria per il mantenimento del peso forma;
- 180 grammi di glucosio per il sistema nervoso centrale (cervello incluso) e per i gobuli rossi;
- almeno 10 grammi di grassi, di cui 6 grammi di acidi grassi essenziali;
- un grammo di proteine di qualità media o alta per chilo di peso corporeo;
- 13 vitamine;
- 20 o 21 minerali"

180 g di glucosio sono il frutto della formula: peso ideale * 2,6.
la quantità proteica per un sedentario è ormai comunemente accettata da tutti.
quello che è poco chiaro è soprattutto da dove arrivano questi 10 g di grassi. un uomo di 60 kg od un altro di 90 kg (una specie di vikingo, non un ciccione) hanno bisogno dello stesso quantitativo?
stesso ragionamento per le vitamine e i minerali.

più avanti si legge che la quantità minima dei grassi essenziali è:

"- omega 6: il 6% del fabbisogno calorico giornaliero;
- omega 3: l'1.5% del fabbisogno calorico giornaliero;
Quindi un soggetto con un consumo calorico 1800 kcal al giorno dovrà assumere 12 gr di omega 6 e 3 gr di omega 3 al giorno."

che è in contrapposizione con:

"un uomo di 70 kg (il peso ci serve solo per ricavare le proteine, pari a un grammo per chilo di peso corporeo), e supponiamo che il suo fabbisogno calorico sia di 2000 kcal al giorno.
Per determinare la ripartizione di carboidrati, proteine e grassi della nostra dieta partiamo sempre da ciò di cui il nostro organismo ha bisogno.
Come già accennato in precedenza, il nostro individuo ha bisogno di:

- 180 grammi di carboidrati, pari a 180 x 4 = 720 kcal;
- almeno 10 grammi di grassi"

solo 10 g? ma non dovrebbero essere almeno 16/17 g al giorno? e poi se consideriamo che parliamo solo di omega 3 e omega 6, la quantità dovrebbe essere ben superiore. ma quanto? con le proteine si è stabilita la formula 1 * kg peso tenendo presente che non tutte le proteine sono uguali ed alcune hanno uno spettro aminoacidico migliore. se per esempio ci si nutrisse solamente di proteine animali, 1g per kilo di peso sarebbe eccessivo. la formula empiricamente tiene conto di questo. e per i grassi? non c'è nessuna formuletta?


un'ultima domanda.
a questo indirizzo http://www.cibo360.it/alimentazione/dietologia/dieta_ideale/ripartizione.htm vengono definite le partizioni dei macronutrimenti con un calcolo abbastanza semplice. innanzi tutto c'è un errore di calcolo ininfluente, ma ti riporto il testo con le correzioni:

"Supponiamo di ottenere 900 kcal solamente utilizzando grassi, ottenendo una dieta così composta:

Proteine 70 grammi pari al 14%;
Carboidrati: 180 grammi pari al 36%;
Grassi: 100 grammi (900 kcal) + 10 g (precedentemente calcolati come minimi per un uomo di 70 kg) = 110 g pari al 49,5%;
È interessante notare che partendo dai bisogni dell'organismo, anche facendo la scelta estrema di raggiungere il fabbisogno calorico giornaliero solo con i grassi, non otteniamo una dieta così squilibrata.
Passando all'estremo opposto, scegliendo di ottenere le 900 kcal solo da carboidrati, si otterrebbe:

Proteine 70 grammi pari al 14%;
Carboidrati: 180 g (precedentemente calcolati come minimi per un uomo di 70 kg) + 225 g (900 kcal) = 405 g pari al 81%;
Grassi: 10 grammi pari al 4,5%;"

gli errori commessi nel testo originale sono stati corretti e facendo ora una bella media delle percentuali:
Proteine: 14%
Carboidrati: 58,5%
Grassi: 27%
si scopre che le partizioni della mediterranea (15-60-30) entrano in un "range" non solo accettato, ma addirittura vicino all'ottimale.
questo significa che la dieta mediterranea spogliata del calcolo un po' eccessivo delle calorie, è ottima in forma leggermente meno calorica, ma costante nelle proporzioni per il sedentario "moderno".
ovviamente le percentuali possono essere modificate in favore dei grassi per le persone più sedentarie e in favore dei carboidrati per le persone più attive, ma tuttavia il modello mediterraneo rimane ancora un riferimento. sbaglio?
unico difetto mi sembra essere quello poca considerazione che c'è nel modello mediterraneo nei confronti di alcuni alimenti ricchi di omega 3 e omega 6.

in definitiva:
1) qual è la formula empirica per stabilire il fabbisono minimo di gr. di grassi al iorno?
2) la ripartizione mediterranea è ancora la più vicina all'ideale?

grazie e scusate per l'eccessiva lunghezza del post.
Andrea Tibaldi
2004-05-18 13:29:32 UTC
Permalink
Grazie per le correzioni.
solo 10 g? ma non dovrebbero essere almeno 16/17 g al giorno? e poi se consideriamo che parliamo > solo di omega 3 e omega 6, la quantità dovrebbe essere ben superiore. ma quanto? con le proteine si è > stabilita la formula 1 * kg peso tenendo presente che non tutte le proteine sono uguali ed alcune hanno
uno spettro aminoacidico migliore. se per esempio ci si nutrisse solamente di proteine animali, 1g per
kilo di peso sarebbe eccessivo. la formula empiricamente tiene conto di questo. e per i grassi? non c'è
nessuna formuletta?
Per i grassi esistono quantità minime diverse a seconda delle fonti. 10 g per i LARN sono più che sufficienti, per la FAO sono il minimo, 16-17 possiamo considerarli come ottimali, ma superiori al minimo... Il discorso non è così semplice come le proteine, sui grassi c'è ancora da studiare molto. Considera che i sintomi pesanti di carenza dei grassi essenziali si manifestano solo con assunzioni vicine allo zero.
Proteine: 14%
Carboidrati: 58,5%
Grassi: 27%
si scopre che le partizioni della mediterranea (15-60-30) entrano in un "range" non solo accettato, ma
addirittura vicino all'ottimale.
questo significa che la dieta mediterranea spogliata del calcolo un po' eccessivo delle calorie, è ottima in
forma leggermente meno calorica, ma costante nelle proporzioni per il sedentario "moderno".
Se leggi in fondo a quella pagina dico che un sedentario farebbe meglio a mangiare più grassi e in generale a seguire una dieta con alimenti molto sazianti (viste le poche calorie che può permettersi). Inoltre un sedentario consuma soprattutto grassi (attività sempre blande), se cammini per un'ora consumi l'80% di grassi, quindi il giusto mezzo non è la media tra carbo e grassi, per un sedentario.
quello che è poco chiaro è soprattutto da dove arrivano questi 10 g di grassi. un uomo di 60 kg od un
altro di 90 kg (una specie di vikingo, non un ciccione) hanno bisogno dello stesso quantitativo?
stesso ragionamento per le vitamine e i minerali.
Per i grassi fatti due conti con i LARN per gli omega 3 e 6, vedrai che 10 g è un valore che torna.
Il discorso ovviamente è basato su un uomo di 70 kg, mentre per vitamine e minerali esistono valori minimi che non dipendono dal peso del soggetto. Ma comunque più sei grosso più calorie mangi, più minerali e vitamine assumi, a parità di altre condizioni.

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Post by ReMatto
quello che non ho mai capito e che nessuno spiega è come si arriva alle
60-25-15 della mediterranea (C-G-P)
50-30-20 della dieta di Albanesi
50-35-25 consigliati da Tibaldi
come ci si arriva???
La mediterranea ci arriva per analogia con gli abitanti delle coste del
meridione (poco scientifico), io faccio un ragionamento
http://www.cibo360.it/alimentazione/dietologia/dieta_ideale/ripartizione.htm
1) tutte e tre le ripartizioni rientrano in un range gestibile
dall'organismo
2) delle tre, quella della dieta mediterranea è la più sbilanciata a favore
dei carbo (meglio le altre due)
3) l'alimentazione non è solo ripartizione dei macronutrienti, e poi
parliamoci chiaro, non è che tutti i giorni bisogna stare lì con la
calcolatrice, una volta imparato si va a occhio. Quindi un 5-10% di
differenza è assolutamente gestibile (e quindi Albanesi e Tibaldi
praticamente si equivalgono).
Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
ho letto con attenzione la parte dedicata alla dietologia del sito cibo360.it.
alcune cose non sono sufficientemente chiare e non vorrei fossero estrapolate da luoghi comuni.
c'è scritto:

"Un essere umano di 70 kg ha bisogno ogni giorno di:
- una quantità di energia (espressa in kcal) necessaria per il mantenimento del peso forma;
- 180 grammi di glucosio per il sistema nervoso centrale (cervello incluso) e per i gobuli rossi;
- almeno 10 grammi di grassi, di cui 6 grammi di acidi grassi essenziali;
- un grammo di proteine di qualità media o alta per chilo di peso corporeo;
- 13 vitamine;
- 20 o 21 minerali"

180 g di glucosio sono il frutto della formula: peso ideale * 2,6.
la quantità proteica per un sedentario è ormai comunemente accettata da tutti.
quello che è poco chiaro è soprattutto da dove arrivano questi 10 g di grassi. un uomo di 60 kg od un altro di 90 kg (una specie di vikingo, non un ciccione) hanno bisogno dello stesso quantitativo?
stesso ragionamento per le vitamine e i minerali.

più avanti si legge che la quantità minima dei grassi essenziali è:

"- omega 6: il 6% del fabbisogno calorico giornaliero;
- omega 3: l'1.5% del fabbisogno calorico giornaliero;
Quindi un soggetto con un consumo calorico 1800 kcal al giorno dovrà assumere 12 gr di omega 6 e 3 gr di omega 3 al giorno."

che è in contrapposizione con:

"un uomo di 70 kg (il peso ci serve solo per ricavare le proteine, pari a un grammo per chilo di peso corporeo), e supponiamo che il suo fabbisogno calorico sia di 2000 kcal al giorno.
Per determinare la ripartizione di carboidrati, proteine e grassi della nostra dieta partiamo sempre da ciò di cui il nostro organismo ha bisogno.
Come già accennato in precedenza, il nostro individuo ha bisogno di:

- 180 grammi di carboidrati, pari a 180 x 4 = 720 kcal;
- almeno 10 grammi di grassi"

solo 10 g? ma non dovrebbero essere almeno 16/17 g al giorno? e poi se consideriamo che parliamo solo di omega 3 e omega 6, la quantità dovrebbe essere ben superiore. ma quanto? con le proteine si è stabilita la formula 1 * kg peso tenendo presente che non tutte le proteine sono uguali ed alcune hanno uno spettro aminoacidico migliore. se per esempio ci si nutrisse solamente di proteine animali, 1g per kilo di peso sarebbe eccessivo. la formula empiricamente tiene conto di questo. e per i grassi? non c'è nessuna formuletta?


un'ultima domanda.
a questo indirizzo http://www.cibo360.it/alimentazione/dietologia/dieta_ideale/ripartizione.htm vengono definite le partizioni dei macronutrimenti con un calcolo abbastanza semplice. innanzi tutto c'è un errore di calcolo ininfluente, ma ti riporto il testo con le correzioni:

"Supponiamo di ottenere 900 kcal solamente utilizzando grassi, ottenendo una dieta così composta:

Proteine 70 grammi pari al 14%;
Carboidrati: 180 grammi pari al 36%;
Grassi: 100 grammi (900 kcal) + 10 g (precedentemente calcolati come minimi per un uomo di 70 kg) = 110 g pari al 49,5%;
È interessante notare che partendo dai bisogni dell'organismo, anche facendo la scelta estrema di raggiungere il fabbisogno calorico giornaliero solo con i grassi, non otteniamo una dieta così squilibrata.
Passando all'estremo opposto, scegliendo di ottenere le 900 kcal solo da carboidrati, si otterrebbe:

Proteine 70 grammi pari al 14%;
Carboidrati: 180 g (precedentemente calcolati come minimi per un uomo di 70 kg) + 225 g (900 kcal) = 405 g pari al 81%;
Grassi: 10 grammi pari al 4,5%;"

gli errori commessi nel testo originale sono stati corretti e facendo ora una bella media delle percentuali:
Proteine: 14%
Carboidrati: 58,5%
Grassi: 27%
si scopre che le partizioni della mediterranea (15-60-30) entrano in un "range" non solo accettato, ma addirittura vicino all'ottimale.
questo significa che la dieta mediterranea spogliata del calcolo un po' eccessivo delle calorie, è ottima in forma leggermente meno calorica, ma costante nelle proporzioni per il sedentario "moderno".
ovviamente le percentuali possono essere modificate in favore dei grassi per le persone più sedentarie e in favore dei carboidrati per le persone più attive, ma tuttavia il modello mediterraneo rimane ancora un riferimento. sbaglio?
unico difetto mi sembra essere quello poca considerazione che c'è nel modello mediterraneo nei confronti di alcuni alimenti ricchi di omega 3 e omega 6.

in definitiva:
1) qual è la formula empirica per stabilire il fabbisono minimo di gr. di grassi al iorno?
2) la ripartizione mediterranea è ancora la più vicina all'ideale?

grazie e scusate per l'eccessiva lunghezza del post.
AlessandrO
2004-05-18 14:41:16 UTC
Permalink
andate al diavolo voi, albanesi, la mediterranea, i vostri post in html ed
il crosspost

Continua a leggere su narkive:
Loading...