Discussione:
Arriva in Italia il "Metodo Montignac": perdere peso mangiando(LUNGHETTO).Voi che ne pensate?
(troppo vecchio per rispondere)
Solitario Uno
2004-04-21 19:51:52 UTC
Permalink
Di Italiasalute.it

Arriva anche in Italia un nuovo modo di intendere la dieta. Che si tratti di
una novità è evidente anche dal fatto che l'autore non ha dato il nome di
"dieta" ma di "metodo" alla ricetta proposta per perdere e mantenere il
perso. A proporlo è il nutrizionista francese Michel Montignac, ex obeso e
figlio di genitori obesi.
Contrario alle diete tradizionali, che ''nel 95% dei casi'' falliscono
perche' la persona recupera i chili persi appena riprende a mangiare
normalmente, Montignac si e' convinto che non esista alcun legame tra
obesita' e calorie. Gli studi epidemiologici, ricorda infatti lo
specialista, hanno paradossalmente dimostrato che i casi di obesita' nei
Paesi industrializzati sono quadruplicati in 40 anni benche' nello stesso
periodo il consumo medio quotidiano di calorie si sia ridotto del 35%. Nel
volume arrivato in Italia vengono illustrati i cibi ideali per colazione,
pranzo e cena, con consigli per ricevimenti e spuntini e sulle bevande
ammesse o da evitare. Un capitolo a parte e' riservato all'alimentazione dei
bambini e di chi pratica sport. In chiusura, infine, le ricette piu' giuste
per dimagrire mangiando.
Il principio base della teoria Montignac consiste nel controllo degli
zuccheri assunti, da scegliere in base all'indice glicemico, e nel
programmare due fasi: dimagrimento e mantenimento.
Il nuovo metodo si concretizza in un'alimentazione tendenzialmente basata
sulla frutta e la verdura a volontà e sulla riduzione degli alimenti
contenenti zucchero e carboidrati ad alto indice glicemico.
La dieta prevede inoltre una limitazione in quantità dei carboidrati e una
particolare attenzione alla scelta del tipo di carboidrati ed alla loro
associazione con gli altri alimenti: evitare di associare i carboidrati ai
grassi nello stesso pasto, ed evitare i carboidrati con elevato indice
glicemico e preferire quelli con basso indice glicemico tra un pasto e
l'altro, come ad esempio il pane integrale. Montignac ad esempio consiglia
di consumare cioccolata con un'alta percentuale di cacao per sopperire al
desiderio di alimenti dolci e di evitare ad esempio frutta secca, l'uva e le
banane per il contenuto elevato di zuccheri.
Come molte altre diete, il successo dipende anche dai nomi famosi delle
persone che l'hanno provata e che poi ne hanno parlato.

Il metodo consiste in un programma suddiviso in due fasi:

Fase 1 - La fase del dimagrimento da seguire fino a che non si è raggiunto
il peso ideale

Fase 2 - La fase di mantenimento che si può seguire per il resto della vita
per mantenere il peso corporeo raggiunto

Ciò che differenzia il metodo Montignac dalle altre diete è il fatto che si
abbandona la bilancia: non ci sono alimenti da assumere espressi in grammi,
bensì è utilizzata una scala che misura per ogni cibo l'indice glicemico,
per cui per i carboidrati si distinguono quelli 'buoni' da quelli 'cattivi'.

Ad esempio, ecco una lista dei carboidrati 'cattivi' con relativo indice
glicemico, secondo Montignac:

Malto (birra) - 110
Glucosio - 100
Patate cotte - 95
Hamburger - 85
Zucchero (saccarosio) - 70
Mais - 70
Riso a grana lunga - 60
Banane - 60

I carboidrati a basso indice glicemico sono invece ad esempio:

Riso integrale - 50
Patate dolci - 50
Fiocchi d'avena - 40
Pane di segale - 40
Carote - 30
Latticini - 30
Lenticchie - 22
Albicocche fresche - 15
Verdura verde < 15


Nella fase 1, sostanzialmente sono previsti tre pasti al giorno più uno
spuntino. Si tratta di pasti che includono grassi e proteine, ma i
carboidrati devono avere un indice glicemico compreso tra 0 e 35.
Nella fase 2, è previsto che ci si limiti a mangiare gli alimenti con indice
glicemico compreso tra 0 e 50, in modo da mantenere il peso corporeo. Per le
persone con problemi di pressione alta e al sistema cardiocircolatorio è
anche raccomandato di consumare alimenti a basso contenuto di grassi e
colesterolo.
Mangiando alimenti freschi e preparati in casa con la nostra cucina, secondo
Montignac, siamo in grado di assumere tutte le vitamine, i minerali e gli
oligoelementi di cui il nostro corpo ha bisogno, e nel suo libro fornisce
tutte le indicazioni su come preparare i piatti coerenti con le sue
indicazioni. La mancanza nell'alimentazione di tali componenti può essere
pericolosa, ma se assunti attraverso integratori sintetici essi non sono
facilmente assorbibili dall'intestino per cui è meglio puntare su
un'alimentazione sana ed equilibrata che li contenga. Tuttavia, secondo
Montignac il lievito di birra e il germe di grano andrebbero aggiunti
all'alimentazione quotidiana.
Montignac mette alla gogna zucchero e dolcificanti artificiali definendoli
addirittura un 'veleno'. Essi nel lungo termine possono infatti alterare il
metabolismo. Montignac consiglia l'utilizzo del fruttosio, in quanto può
essere considerato un dolcificante naturale, ed ha un indice glicemico 20.
Grazie a Montignac lo chef Paul Bocuse e' dimagrito 26 chili, l'attore
Gerard Depardieu ne ha persi 19 e lo stilista Christian Lacroix 12. Hanno
raggiunto e mantenuto il peso forma grazie al "Metodo Montignac" anche la
cantante Kylie Minogue, l'attore Rowan Sebastian Atkinson (in arte Mr. Bean)
e la Regina Beatrice d'Olanda. Montignac ora svela ora i suoi segreti anche
in Italia. La prima traduzione italiana del suo best seller ''Dimagrire per
sempre mangiando normalmente'', edita da Hobby Work Publishing e presentata
oggi a Milano, sara' nelle librerie della penisola a fine mese insieme alla
versione ridotta ''Essential Montignac - Dimagrire per sempre mangiando
normalmente'', unita dvd e cd audio dimostrativi. ''Stop ai regimi
ipocalorici inutili e penalizzanti'', e' il motto dello specialista
'anti-dieta'. Nato nel 1944 nella Francia centro-occidentale, ha lottato
fino alla soglia dei 40 anni contro i chili di troppo, con rinunce e
sacrifici che non riuscivano a garantirgli risultati duraturi. La svolta nel
1980. Assunto da una multinazionale farmaceutica, Montignac accede a
informazioni che lo portano a formulare il suo metodo. Una tecnica
innovativa (diversa dalla dieta dissociata, dalla dieta Atkins e dalla dieta
Zona) che l'esperto ha sperimentato in prima persona, dimagrendo 14 chili in
soli tre mesi. Da allora una lunga serie di pubblicazioni su come perdere
peso senza soffrire, mantenendo i traguardi raggiunti e prevenendo diabete e
malattie cardiovascolari.

Una tabella utile per avere un'idea dell'indice glicemico (sul glucosio) di
alcuni alimenti:

Albicocca 32.1
Albicocche fresche 57
Albicocche sciroppate 64
All-Brain 43.8
Ananas 68.6
Arancia 46.0
Banana 56.2
Barbabietole 64
Barretta (caramello) Mars Twix Cookie 43
Barrette di Muesli 63.5
Bastoncini di pesce 38
Biscotti all'avena 55
Biscotti di Frumento 73.0
Biscotti di grano 70
Biscotto di pasta-frolla 66.4
Brodo di fagioli di Lima 36
Cappellini 46.7
Carota 73.7
Ceci con curry inscatolati 41
Ceci neri 43
Ceci in scatola 42
Ceci verdi(mung beans) 38
Cheerios 74
Chicchi di grano 41
Cialda 76
Cialda di cono gelato 79.6
Ciambella salata 84.7
Ciambellone 65
Ciliegie 23.4
Cioccolato 51.1
Cioccolato al Latte, non dolcificato 35.8
Cioccolata Mars (colomba) 44
Cocomero 67.9
Cocktail di frutta 55
Corn chips 74
Cornetti (croissant) 70.1
Cornflakes 86.9
Cous-cous 67.9
Crackers 74.5
Crema di Frumento 73.0
Crema di grano 70
Croissant 67
Crusca di Riso 19.7
Crusca d'avena 55
Digestivi 59
Dolce alla banana senza zucchero 55
Dolci di riso 77
Fagioli bianchi 38
Fagioli Cannellini 29.2
Fagioli cotti, in scatola 48
Fagioli dall'occhio nero 41
Fagioli di Soia 18.3
Fagioli marroni Messicani 38
Fagioli Pinto, in scatola 45
Fagioli romani 46
Fagioli Rossi 19.7
Fagioli secchi 70
Fanta 70.8
Farina di grano saraceno (Buckwheat) 55
Farina gialla (polenta) 69
Farinata di Fiocchi d'Avena 63.5
Farro 56
Focaccia 54
Focaccine 62
Frittelle 69
Fruttosio puro 23.4
Funghi 15.3
Fusilli di grano duro 43
Gallette d'Avena 57.7
Gelato 63.5
Gelato, scremato 50
Glucosio 100.0
Gnocchi 69.4
Grano a cottura rapida 54
Grano Saraceno 56.9
Grano sminuzzato 69
Grano soffiato 74
Kelloggs' All Bran Fruit 'n Oats 39
Kellogg's Special-K 56.2
Kiwi 54.8
Latte al cioccolato e zucchero 34
Latte di Soia 31.4
Latte intero 28.5
Latte magro 33.6
Latte parz. Scremato 31.4
Latte + budino + amido + zucchero 43
Lattosio 47.5
Lattuga 15.3
Lenticchie Rosse 26.3
Lenticchie Verdi 30.7
Lenticchie verdi, in scatola 52
Limone 15.3
Linguine 47.5
Maccheroni 46.7
Maccheroni e formaggio 64
Mais dolce 55
Maltodestrine 100.0
Maltosio 109.5
Mango 58.4
Mela 39.4
Melone 65
Melone (detto anche Popone) 75.2
Miele 75.9
Miele di bosco, sugar bag 43
Minestra di pomodoro 38
Muesli 58.4
Nocciole 70.1
Noccioline 15.3
Orzo 35.8
Orzo spezzettato 50
Pagnotta di frutti 47
Pan di Spagna 48.2
Pane ai cereali 48
Pane alla crusca d'avena 48
Pane Bagel bianco 72
Pane bianco 73.0
Pane bianco alta % di fibre 68
Pane bianco farina 00 69
Pane di farina di segale 64
Pane bianco senza glutine 90
Pane di farina d'orzo 67
Pane di Frumento senza glutine 94.2
Pane lievitato 53
Pane di semi d'avena 65
Pane di Segale 51.8
Pane d'Orzo 40.2
Pane francese, baguette 95
Panino integrale di grano 74
Pasta di riso, brown 92
Pastina Star 39.4
Passato di patate 70
Passato di piselli 60
Pasticcini 59
Patata crisps 54
Patata dolce 54
Patata novella 57
Patate al forno 88.3
Patate al microonde 85.4
Patate al vapore 67.9
Patate bollite e passate 73
Patate comuni bollite 58.4
Patate dolci 56.2
Patate fritte 78.1
Patate novelle 59.1
Patatine fritte (tipo PAI, San Carlo) 90.5
Pera fresca 38.7
Pere in Scatola 46.0
Pesca fresca 43.8
Pesche in Scatola 48.9
Piselli bolliti 32.9
Piselli giganti secchi 39
Piselli secchi 23.4
Piselli Verdi 49.6
Pizza Margherita 62.8
Polenta di mais 40
Polpa di Pomodoro 39.4
Pomodoro grande intero 15.3
Pompelmo 26.3
Popcorn 57.7
Porridge di mais, grezzo 71
Porridge di mais raffinato 74
Porridge farina d'avena 61
Prugna 39
Purea di patate 73.0
Ravioli 40.9
Ravioli di carne grano duro, 39
Riso bianco, bassa % di amido 88
Riso bianco, alti amidi 60.6
Riso bianco, bassi amidi 92.0
Riso Brown 55
Riso Bubbles 90
Riso Calrose 87
Riso Chex 89
Riso integrale 59.1
Riso integrale (brown) 57.7
Riso istantaneo bollito 6 min 90
Riso Mahatma Premium 66
Riso parboiled, alti amidi 50.4
Riso parboiled, bassi amidi 90.5
Riso Pedle 76
Riso rapido bollito per 1 minuto 47.5
Riso rapido bollito per 6 minuti 93.4
Riso soffiato 93.4
Riso Sunbrown rapido
Saccarosio 67.2
Sciroppo di mais alta % di fruttosio 62
Segale 35.0
Semolino 68.6
Spaghetti, bianchi 41
Spaghetti cotti 5 min 36
Spaghetti crudi 38.7
Spaghetti cotti al dente 56.9
Spaghetti arricchiti di proteine 27.7
Spaghetti grano duro 55
Spaghetti, integrali 37
Special K 54
Succo d'Ananas 48.2
Succo d'Arancia 54.0
Succo di Mela 42.3
Succo di Pompelmo 50.4
Taco 68
Tavolette di 106.6
Torta soffice (tipo plum cake) 46
Tortellini 51.8
Tortellini al formaggio 50
Uva 48.2
Uva passa 66.4
Uva Sultanina 58.4
Wafer alla vaniglia 80.3
Yogurt Magro 14.6
Yogurt 36
Yogurt magro alla frutta 34.3
Vermicelli 35
Zucca 78.1
Zucchero di Canna 67.2
Zuppa di Lenticchie in scatola 46.0
Zuppa di fagioli neri 64
Zuppa di Piselli 62.8
Zuppa di piselli verdi in scatola 66


Per ulteriori notizie consulta Italiasalute.it
MARA
2004-04-21 20:33:30 UTC
Permalink
Post by Solitario Uno
Di Italiasalute.it
Arriva anche in Italia un nuovo modo di intendere la dieta. Che si tratti di
una novità è evidente anche dal fatto che l'autore non ha dato il nome di
"dieta" ma di "metodo" alla ricetta proposta per perdere e mantenere il
perso. A proporlo è il nutrizionista francese Michel Montignac, ex obeso e
figlio di genitori obesi.
Contrario alle diete tradizionali, che ''nel 95% dei casi'' falliscono
perche' la persona recupera i chili persi appena riprende a mangiare
normalmente,
Questo avviene quando si e' seguita una low carb.
Se invece la dieta e' stata abbastanza equilibrata i kg non si riacquistano,
a meno che la persona in questione non ricominci ad abbuffarsi...ma allora
non e' colpa delle diete.



Montignac si e' convinto che non esista alcun legame tra
Post by Solitario Uno
obesita' e calorie. Gli studi epidemiologici, ricorda infatti lo
specialista, hanno paradossalmente dimostrato che i casi di obesita' nei
Paesi industrializzati sono quadruplicati in 40 anni benche' nello stesso
periodo il consumo medio quotidiano di calorie si sia ridotto del 35%.
Eh, ma si e' ridotta dell'80% anche l'attivita' fisica.
Oggi sono pochi quelli che vanno a zappare.
E comunque i muratori che hanno fatto i lavori di casa mia l'anno scorso
erano tutti magri, guarda caso, e mangiavano panini enormi imbottiti di
qualsiasi cosa+birra...un'accoppiata micidiale, ma...magri tutti.
Post by Solitario Uno
Il principio base della teoria Montignac consiste...
Comunque non vedo la novita', e' simile a tante diete.
Post by Solitario Uno
Ciò che differenzia il metodo Montignac dalle altre diete è il fatto che si
abbandona la bilancia: non ci sono alimenti da assumere espressi in grammi,
Mi dispiace, ma ho smesso di credere alla befana in eta' molto tenera.
Sicuramente abbandonare la bilancia significa sperare nel buonsenso di chi
sta mangiando, ossia sperare che alla fine uno dopo 2 o 3 arance sia sazio e
si fermi.
Prova a mangiare 2 kg di frutta e ci vediamo...
Per le
Post by Solitario Uno
persone con problemi di pressione alta e al sistema cardiocircolatorio è
anche raccomandato di consumare alimenti a basso contenuto di grassi e
colesterolo.
OK!
Post by Solitario Uno
Mangiando alimenti freschi e preparati in casa con la nostra cucina, secondo
Montignac, siamo in grado di assumere tutte le vitamine, i minerali e gli
oligoelementi di cui il nostro corpo ha bisogno, e nel suo libro fornisce
tutte le indicazioni su come preparare i piatti coerenti con le sue
indicazioni. La mancanza nell'alimentazione di tali componenti può essere
pericolosa, ma se assunti attraverso integratori sintetici essi non sono
facilmente assorbibili dall'intestino
Anche qui ok.


Dimagrire per sempre mangiando
Post by Solitario Uno
normalmente'', unita dvd e cd audio dimostrativi. ''Stop ai regimi
ipocalorici inutili e penalizzanti'', e' il motto dello specialista
'anti-dieta'.
Ripeto:alla fine anche la sua e' una dieta ipocalorica, perche' elimina
questo, elimina quello, ha eliminato tutti i cibi ipercalorici .
Jean-Louis
2004-04-21 20:39:50 UTC
Permalink
"Solitario Uno" <***@uno.is> ha scritto nel messaggio news:c66jcq$ai8$***@lacerta.tiscalinet.it...

- snip -

Beh, è esattamente la mia dieta (anche se questo Montignac non lo
conoscevo).
Post by Solitario Uno
Montignac si e' convinto che non esista alcun legame tra
obesita' e calorie.
sulla frutta e la verdura a volontà e sulla riduzione degli alimenti
contenenti zucchero e carboidrati ad alto indice glicemico.
evitare di associare i carboidrati ai
grassi nello stesso pasto,
Sia ben chiaro, questo è uno dei tanti metodi possibili, ma non è IL
metodo.


Ciao
Teopas
2004-04-22 10:58:17 UTC
Permalink
"Solitario Uno" <***@uno.is> ha scritto nel messaggio news:c66jcq$ai8$***@lacerta.tiscalinet.it...

---cut---

sì, ok, ma tutte 'ste novità eclatanti dove sono?
siamo ancora a controllare l' indice glicemico, a sostituire allo zucchero
il fruttosio e a ridurre i carbo mangiando + frutta e verdura... la storia
della bilancia è una manovra di marketing e niente +... mah, vedremo...

ciao
teopas
Topo Gigio
2004-04-22 18:30:01 UTC
Permalink
Post by Solitario Uno
evitare di associare i carboidrati ai
grassi nello stesso pasto,
ecco il suo segreto, infatti non associare carbo e grassi fa veramente
dimagrire
Post by Solitario Uno
ed evitare i carboidrati con elevato indice
glicemico e preferire quelli con basso indice glicemico tra un pasto e
l'altro,
questo è solo fumo negli occhi, l'indice glicemico è inutile
Post by Solitario Uno
Montignac ad esempio consiglia.......
.........è solo un truffatore come Atkins e Sears,
Jean-Louis
2004-04-23 06:50:16 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
Post by Solitario Uno
ed evitare i carboidrati con elevato indice
glicemico e preferire quelli con basso indice glicemico tra un pasto e
l'altro,
questo è solo fumo negli occhi, l'indice glicemico è inutile
A me non sembra solo fumo negli occhi, se consideri che:

Tot calorie con Alto IG
- Anabolismo:
Glicemia +++
Lipogenesi +++
- Catabolismo:
Consumo calorie da glucosio ematico +
Consumo calorie da lipolisi +++

Tot calorie con Basso IG
- Anabolismo:
Glicemia +
Lipogenesi +
- Catabolismo:
Consumo calorie da glucosio ematico ++++
Consumo calorie da lipolisi +

Ovviamente è solo una tabella teorica, ma i processi sono sostanzialmente
questi; come potrai vedere i processi metabolici sono gli stessi ma
quantitativamente diversi (con basso IG la lipogenesi è ridotta ed è
favorito il consumo diretto del glucosio ematico reso disponibile
gradualmente).

Pensaci
Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Topo Gigio
2004-04-23 17:45:42 UTC
Permalink
Post by Jean-Louis
Ovviamente è solo una tabella teorica, ma i processi sono sostanzialmente
questi; come potrai vedere i processi metabolici sono gli stessi ma
quantitativamente diversi (con basso IG la lipogenesi è ridotta ed è
favorito il consumo diretto del glucosio ematico reso disponibile
gradualmente).
l'indice glicemico non serve a niente perché nell'alimentazione normale si
mescola tutto. Una patata lessa ha un indice glicemico altissimo, ma basta
condirla un po' e mangiarla insieme ad altri cibi per annullare l'effetto
dell'indice.
Montignac dice che le calorie non significano nulla e poi usa l'indice
glicemico che serve anche a meno.
Jean-Louis
2004-04-23 19:19:20 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
l'indice glicemico non serve a niente perché nell'alimentazione normale si
mescola tutto.
allora come mai prima hai scritto:
"ecco il suo segreto, infatti non associare carbo e grassi fa veramente
dimagrire"
Post by Topo Gigio
Una patata lessa ha un indice glicemico altissimo, ma basta
condirla un po' e mangiarla insieme ad altri cibi per annullare l'effetto
dell'indice.
Mangia tot carbo ad alto ig con determinati cibi, poi
mangia tot carbo ad basso ig con gli stessi cibi di prima;
nel secondo caso hai ottenuto comunque una risposta glicemica più
favorevole per il controllo del peso.
Post by Topo Gigio
Montignac dice che le calorie non significano nulla e poi usa l'indice
glicemico che serve anche a meno.
Infatti l'idice glicemico di per sè non è indicativo, ma da considerare
per il ben piu' importante dato del "carico glicemico" (che tu conoscerai,
vero?)

Vedo che fai tanto lo sbruffone qui sul ng, ma non hai speso una parola
per commentare la mia "tabella metabolica" di prima.

Ciao.
Topo Gigio
2004-04-23 19:48:06 UTC
Permalink
Post by Jean-Louis
Vedo che fai tanto lo sbruffone qui sul ng, ma non hai speso una parola
per commentare la mia "tabella metabolica" di prima.
se la applichi ai cibi con alto indice glicemico stai attento quando mangi
le cipolle cotte, le carote, i sedani e i pomodori
Jean-Louis
2004-04-23 19:49:39 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
Post by Jean-Louis
Vedo che fai tanto lo sbruffone qui sul ng, ma non hai speso una parola
per commentare la mia "tabella metabolica" di prima.
se la applichi ai cibi con alto indice glicemico stai attento quando mangi
le cipolle cotte, le carote, i sedani e i pomodori
Ora invece vedo che ignori il significato di carico glicemico.
Topo Gigio
2004-04-23 20:13:11 UTC
Permalink
Post by Jean-Louis
Ora invece vedo che ignori il significato di carico glicemico.
ma 'sto Montignac parla di indice o di carico?
Comunque è indifferente, l'unico trucco è non mangiare cibi ricchi di carbo
e grassi , perché fanno ingrassare e questo il caro Montignac lo sa bene.
L'uso di indici, tabelle e formule matematiche varie, servono solo per
adescare stupidi che gli credono.
Jean-Louis
2004-04-23 20:31:56 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
Comunque è indifferente, l'unico trucco è non mangiare cibi ricchi di carbo
e grassi
L'uso di indici, tabelle e formule matematiche varie, servono solo per
adescare stupidi che gli credono.
ok, penso che con queste incredibili rivelazione tu ti sia meritato
pienamente il titolo di:

"GURU DEL NG"

bravo, continua a studiare cmq che ne hai bisogno... và!
GP
2004-04-23 22:12:23 UTC
Permalink
Post by Jean-Louis
Post by Topo Gigio
Comunque è indifferente, l'unico trucco è non mangiare cibi ricchi di
carbo
Post by Topo Gigio
e grassi
L'uso di indici, tabelle e formule matematiche varie, servono solo per
adescare stupidi che gli credono.
ok, penso che con queste incredibili rivelazione tu ti sia meritato
"GURU DEL NG"
bravo, continua a studiare cmq che ne hai bisogno... và!
Basta prenderlo per quello che è:
un volgare topastro!
:-))

Ciao!
Gianni
Jean-Louis
2004-04-23 22:42:28 UTC
Permalink
Post by GP
Ciao!
Gianni
Petrucci?
come mai hai cambiato nick?
GP
2004-04-24 20:19:30 UTC
Permalink
Post by Jean-Louis
Post by GP
Ciao!
Gianni
Petrucci?
Si!
Post by Jean-Louis
come mai hai cambiato nick?
:-)
quello è il mio nome vero, non un nick.
Quando mi iscrissi non avevo capito che quello era il nome che sarebbe
apparso...
Non ho cambiato, quando rispondo da casa spunta questo...

Ciao!
Gianni
Günther Baur
2004-04-24 21:30:00 UTC
Permalink
Post by Jean-Louis
ok, penso che con queste incredibili rivelazione tu ti sia meritato
"GURU DEL NG"
bravo, continua a studiare cmq che ne hai bisogno... và!
Tu, caro Jean-Louis, perché non ci parli delle medicine e delle
terapie di cui ha bisogno oggi il sig. Montignac, perché non ci
spieghi il fatto che le persone sono dimagrite un po si ma si sono
cmq. tutte fermate al di sopra del "peso standard".

Sono d'accordo con il topolino da te maltrattato che contare le
calorie, l'indice glicemico e altri parametri inventati dai biochimici
ha poco senso, quando poi ci si ingozza di cibo cotto.....

Roba da pazzi veramente!!
Ciao Gunther
Topo Gigio
2004-04-25 09:29:11 UTC
Permalink
Post by Jean-Louis
Ora invece vedo che ignori il significato di carico glicemico.
ne l'indice ne il carico glicemico riescono a dare la misura esatta della
capacità ingrassante di un cibo, ad esempio il miele ha un carico glicemico
molto alto ma viene usato sin dalla preistoria e, se mangiato da solo, non è
mai stato accusato di ingrassare.

Secondo me la capacità ingrassante di un cibo è indicata dal rialzo costante
della glicemia per molto tempo dopo il pasto, se un cibo del genere contiene
contemporaneamente alte percentuali di carbo insieme a grassi, si ha un
pompaggio dei grassi alimentari negli adipociti.

Molte persone hanno notato che la pizza sembra mantenere la loro glicemia
alta più a lungo che un altro cibo. Mentre la ragione per la quale succede
rimane un mistero, questa credenza popolare ha ora una conferma scientifica.
Ahern et al. hanno confrontato su pazienti insulino dipendenti l'effetto di
un pasto a base di pizza con quello prodotto da un pasto che contiene cibi
ad alto indice glicemico. Hanno scoperto che sebbene inizialmente
l'incremento della glicemia era simile per i due pasti, l'IG ha continuato a
salire ed è aumentato significativamente dalle 4 alle 9 ore successive dopo
la pizza, diversamente che per il pasto di controllo. Un effetto simile lo
danno anche la focaccia salata, biscotti, crackers, cornetti, merendine,
pane allo strutto, fritti, patatine, pasticceria.
Gianni Petrucci
2004-04-25 16:20:57 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
Post by Jean-Louis
Ora invece vedo che ignori il significato di carico glicemico.
ne l'indice ne il carico glicemico riescono a dare la misura esatta della
capacità ingrassante di un cibo, ad esempio il miele ha un carico glicemico
molto alto ma viene usato sin dalla preistoria e, se mangiato da solo, non è
mai stato accusato di ingrassare.
Tranne che nel caso del tuo parente, l'Orso Yoghi.
Ma che stronzate dici!
Chi mai al mondo, tranne Yoghi, si ingozza di miele fino ad
ingrassare?

Non fai altro che ripetere che bisogna dissociare i grassi dai
carboidrati, perchè i secondi alzano la glicemia, poi dici che
l'indice glicemico delle patate non serve perchè tanto le condisci.
E CON COSA LE CONDISCI? Con lo zucchero?

Allora, perchè anche se condisci le verdure con tanto bell'olio non ti
fanno ingrassare più di tanto, mentre le patate al forno ti mandano
KO?

Eh topastro? Perchè hanno un carico glicemico elevato.
L'indice glicemico e il carico glicemico sono due parametri indicativi
molto utili.
Post by Topo Gigio
Secondo me la capacità ingrassante di un cibo è indicata dal rialzo costante
della glicemia per molto tempo dopo il pasto, se un cibo del genere contiene
contemporaneamente alte percentuali di carbo insieme a grassi, si ha un
pompaggio dei grassi alimentari negli adipociti.
Allora, dato che l'indice glicemico a tempo prolungato ancora non è
disponibile, non ti pare indicativo che la pizza abbia comunque un
elevato carico (e indice glicemico)?
Tu stesso, infame topastro, questi concetti che vituperi a
ripetizione, li utilizzi costantemente!
Ciao!
Gianni
Topo Gigio
2004-04-25 21:21:39 UTC
Permalink
Post by Gianni Petrucci
Allora, dato che l'indice glicemico a tempo prolungato ancora non è
disponibile, non ti pare indicativo che la pizza abbia comunque un
elevato carico (e indice glicemico)?
indicativo non è sufficente, mi baso sull'osservazione che esiste certamente
qualche indice, ancora da studiare, che misura la capacità di un cibo di far
ingrassare.
Io dico la mia opinione personale sui cibi ingrassanti perché vedo gente
ingrassare andando al Mac Donald o mangiando merendine, ma non vedo gente
che si abbuffa di zucchero o miele, e secondo tabella questi ultimi sono ad
alto IG.
Dico che è meglio riconoscere i cibi per quello che sono piuttosto che farne
un analisi in termini numerici, soprattutto se tale analisi non rispecchia
gli effetti osservati.
Gianni Petrucci
2004-04-26 11:56:28 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
Post by Gianni Petrucci
Allora, dato che l'indice glicemico a tempo prolungato ancora non è
disponibile, non ti pare indicativo che la pizza abbia comunque un
elevato carico (e indice glicemico)?
indicativo non è sufficente, mi baso sull'osservazione che esiste certamente
qualche indice, ancora da studiare, che misura la capacità di un cibo di far
ingrassare.
Probabilmente il tuo atteggiamento deriva dal fatto che non provieni
dal mondo della tecnica dove moltissime grandezze sono conosciute
mediante "indici" che non permettono di fare un calcolo preciso, ma
consentono delle COMPARAZIONI.
Post by Topo Gigio
Io dico la mia opinione personale sui cibi ingrassanti perché vedo gente
ingrassare andando al Mac Donald o mangiando merendine, ma non vedo gente
che si abbuffa di zucchero o miele, e secondo tabella questi ultimi sono ad
alto IG.
Benissimo, d'ora in poi ci baseremo sulla tua opinione personale sui
cibi ingrassanti per scegliere i cibi da consumare.
Inoltre, secondo il tuo discorso, potrei scegliere di abbuffarmi di
miele e zucchero, visto che, nella tua opinione personale, non fanno
ingrassare...

:-)) gnazz, gnazz!!

Il fatto che lo zucchero e il miele abbiano un indice glicemico
elevato, ma la gente non li consumi da soli in quantità tali da
ingrassare non toglie nulla all'indice glicemico e alla capacità
ingrassanti di tale alimento.

Tra parentesi, io consumavo 50 grammi di miele a colazione. Da quando
ho scoperto l'IG, concetto che sconoscevo, ho smesso di farlo e campo
assai meglio.
Post by Topo Gigio
Dico che è meglio riconoscere i cibi per quello che sono
Scientifico!!!!

Vabbè, ciao
Gianni
Topo Gigio
2004-04-26 13:31:45 UTC
Permalink
Post by Gianni Petrucci
Il fatto che lo zucchero e il miele abbiano un indice glicemico
elevato, ma la gente non li consumi da soli in quantità tali da
ingrassare non toglie nulla all'indice glicemico e alla capacità
ingrassanti di tale alimento.
il riso bollito ha IG molto alto paragonabile al miele, i cinesi mangiano
tre ciotole al giorno di riso bollito scondito e sono tutti magrissimi, come
mai?
Silver
2004-04-26 16:13:58 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
il riso bollito ha IG molto alto paragonabile al miele, i cinesi mangiano
tre ciotole al giorno di riso bollito scondito e sono tutti magrissimi, come
mai?
Le hai viste le loro ciotole quanto sono grandi?
E poi cosa altro mangiano? quasi niente...almeno quelli che sono magri,
perchè dubito che i BB cinesi se ne stiano a mangiare solo riso bollito.
Gianni Petrucci
2004-04-27 11:56:51 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
Post by Gianni Petrucci
Il fatto che lo zucchero e il miele abbiano un indice glicemico
elevato, ma la gente non li consumi da soli in quantità tali da
ingrassare non toglie nulla all'indice glicemico e alla capacità
ingrassanti di tale alimento.
il riso bollito ha IG molto alto paragonabile al miele, i cinesi mangiano
tre ciotole al giorno di riso bollito scondito e sono tutti magrissimi, come
mai?
Ti rispondo col tuo stile, topastro demenziale!!!

:-))

1) le ciotole sono da 50 grammi ciascuna,
2) i cinesi vanno tutti in bicicletta e a piedi, quindi smaltiscono

Guarda invece l'orso yoghi che mangia un favo di miele al giorno ed è
grasso come un maiale!!

Ciao!
Gianni
Topo Gigio
2004-04-27 13:41:07 UTC
Permalink
Post by Gianni Petrucci
1) le ciotole sono da 50 grammi ciascuna,
appunto! mangiando carbo senza grassi aggiunti si soddisfa subito la fame, e
non c'è bisogno di megaporzioni.
Post by Gianni Petrucci
Guarda invece l'orso yoghi che mangia un favo di miele al giorno ed è
grasso come un maiale!!
la fisiologia dell'orso è fatta per accumulare grasso per il letargo, non
può essere paragonata a quella umana
Andrea Tibaldi
2004-04-28 07:49:31 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
Post by Solitario Uno
evitare di associare i carboidrati ai
grassi nello stesso pasto,
ecco il suo segreto, infatti non associare carbo e grassi fa veramente
dimagrire
Guarda che hanno già dimostrato scientificamente che non è vero...

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Topo Gigio
2004-04-28 07:57:18 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Guarda che hanno già dimostrato scientificamente che non è vero...
Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
se sai qualcosa al riguardo ti prego di specificarla.
Dunque : hanno dimostrato che la dieta dissociata tra carbo e grassi non fa
dimagrire.......riferimenti please!
Andrea Tibaldi
2004-04-28 08:43:18 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
Post by Andrea Tibaldi
Guarda che hanno già dimostrato scientificamente che non è vero...
Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
se sai qualcosa al riguardo ti prego di specificarla.
Dunque : hanno dimostrato che la dieta dissociata tra carbo e grassi non fa
dimagrire.......riferimenti please!
Non ricordo la fonte, hanno dato una dieta dissociata a un gruppo, una dieta
non dissociata all'altro, a parità di calorie nessuna differenza di
dimagrimento (e mi sembra anche ovvio che sia così!)
Qui c'è un esperimento di Albanesi,
http://www.albanesi.it/Alimentazione/diete3.htm
ma ricordo che ce n'era uno più famoso, anche pubblicato, ma non saprei dove
andarlo a cercare.

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Andrea Tibaldi
2004-04-28 08:46:11 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
Post by Andrea Tibaldi
Guarda che hanno già dimostrato scientificamente che non è vero...
Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
se sai qualcosa al riguardo ti prego di specificarla.
Scusa, nell'articolo di Albanesi c'è anche lo studio che avevo perso (quello
svizzero).

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Topo Gigio
2004-04-28 09:23:45 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Scusa, nell'articolo di Albanesi c'è anche lo studio che avevo perso (quello
svizzero).
*
SUBJECTS AND DESIGN: 54 obese patients were randomly assigned to receive
diets containing 4.5 MJ/day (1100 kcal/day) composed of either 25% protein,
47% carbohydrates and 25% lipids (dissociated diet) or 25% protein, 42%
carbohydrates and 31% lipids (balanced diet). Consequently, the two diets
were equally low in energy and substrate content (protein, fat and
carbohydrate) but widely differed in substrate distribution throughout the
day.
..................................
CONCLUSION: In summary at identical energy intake and similar substrate
composition, the dissociated (or 'food combining') diet did not bring any
additional loss in weight and body fat.
*
il mio commento è che l'esperimento svizzero non spiega nulla, infatti si
dimagrisce con una qualsiasi dieta ipocalorica, mentre io parlo della dieta
dissociata come un sistema per non ingrassare.
Le miscele tra amido e grassi sono qualcosa di artificiale, non presente in
natura, per le quali il sistema digerente umano non è predisposto. Il
risultato è la persistenza per molto tempo di alta glicemia e alta insulina
dopo l'assunzione del pasto, con effetto ingrassante.
Andrea Tibaldi
2004-04-28 14:57:10 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
il mio commento è che l'esperimento svizzero non spiega nulla, infatti si
dimagrisce con una qualsiasi dieta ipocalorica, mentre io parlo della dieta
dissociata come un sistema per non ingrassare.
Esistono centinaia di metodi per non ingrassare, la dissociata è uno di
quelli stupidi, ma non metto in dubbio che funzioni.
Post by Topo Gigio
Le miscele tra amido e grassi sono qualcosa di artificiale, non presente in
natura, per le quali il sistema digerente umano non è predisposto. Il
risultato è la persistenza per molto tempo di alta glicemia e alta insulina
dopo l'assunzione del pasto, con effetto ingrassante.
Questa invece è proprio una grossa stupidaggine. Migliaia di persone non
seguono la tua dieta e stanno benissimo: non puoi oggettivare una situazione
che funziona su di te.
Facci caso: chissà quante altre "associazioni innaturali" assumi durante la
giornata, perché solo quella amidi-grassi ti indispone?

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Topo Gigio
2004-04-29 08:43:46 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Questa invece è proprio una grossa stupidaggine. Migliaia di persone non
seguono la tua dieta e stanno benissimo: non puoi oggettivare una situazione
che funziona su di te.
Facci caso: chissà quante altre "associazioni innaturali" assumi durante la
giornata, perché solo quella amidi-grassi ti indispone?
milioni di persone nel mondo sono in sovrappeso e col diabete per colpa
degli impasti di farina e grassi, o per i fritti. Mescolare grassi e carbo è
il primo dei segreti del cuoco per far abbuffare.
Andrea Tibaldi
2004-04-29 09:43:36 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
milioni di persone nel mondo sono in sovrappeso e col diabete per colpa
degli impasti di farina e grassi, o per i fritti. Mescolare grassi e carbo è
il primo dei segreti del cuoco per far abbuffare.
Tu esageri. Mescolare troppi grassi e carbo fa ingrassare, nella mia cucina
mescolo sempre grassi e carbo ma in quantità adeguate, e sono in forma
perfetta.
Non puoi estremizzare, è uno degli errori più gravi in alimentazione (vedi
le diete low carb).

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Topo Gigio
2004-04-29 14:49:09 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Tu esageri. Mescolare troppi grassi e carbo fa ingrassare, nella mia cucina
mescolo sempre grassi e carbo ma in quantità adeguate, e sono in forma
perfetta.
si perfetta per ingrassare.
La percentuale ideale di grassi sta tra il 5% e il 10%, sul tipo di
impastare 100g di burro in un kg di farina, con tale impasto si riduce
fortemente l'effetto saziante e l'abbuffata è assicurata, se si aumentano
troppo i grassi si ha un effetto disgustante che limita il pasto.
Silver
2004-04-29 10:34:04 UTC
Permalink
Post by Topo Gigio
milioni di persone nel mondo sono in sovrappeso e col diabete per colpa
degli impasti di farina e grassi, o per i fritti. Mescolare grassi e carbo è
il primo dei segreti del cuoco per far abbuffare.
Il cuoco, prima di pensare agli affari, pensa a cucinare dei piatti gustosi.
La natura ci ha fornito un senso del gusto che ci fa apprezzare molto la
miscela carbo-grassi.

Il diabete non viene solo perchè mangi tanti carbo-->persone che sono sempre
state attente alla propria alimentazione sono risultate diabetiche per cause
genetiche.

Credo che per i diabetici sia assolutamente sconsigliabile una dieta
dissociata, perchè l'assunzione di più sostanze assieme può inibire o
rallentare il rialzamento brusco della glicemia (cosa proprio da evitare nel
loro caso) che si avrebbe con un pasto solo carbo.
Topo Gigio
2004-04-29 14:42:23 UTC
Permalink
Post by Silver
Credo che per i diabetici sia assolutamente sconsigliabile una dieta
dissociata, perchè l'assunzione di più sostanze assieme può inibire o
rallentare il rialzamento brusco della glicemia (cosa proprio da evitare nel
loro caso) che si avrebbe con un pasto solo carbo.
questo è un errore madornale, che fa anche chi è malato di diabete.

In un sito dedicato al diabete ho trovato questa ricetta di pasta fatta in
casa, inutile dire che tale cibo è altamento dannoso per un diabetico
http://www.publinet.it/diabete/indice_ie800.html?clinica/d10.html

Non mi stancherò mai di ripetere che gli impasti di farine e grassi sono un
cibo innaturale, alla base dell'epidemia mondiale di obesità e diabete.
Andrea Tibaldi
2004-04-27 13:48:46 UTC
Permalink
Assioma Montignac: le calorie non servono a nulla.

Metodo Montignac: riduciamo gli alimenti ipercalorici e mangiamo alimenti
sazianti, perché mangiando meno calorie o si muore di fame o si mangiano
alimenti che saziano di più con meno calorie. Perché dimagriamo? Perchè
mangiamo meno calorie. Ma le calorie non servivano a nulla?!?!? Mah...

Ho la vaga impressione che se non la si spara grossa, la notizia
sensazionale, la "scopertona" che va contro ai dottoroni accademici in
camice bianco, non si abbia molto successo, e allora fuoco alle trombe!

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Post by Solitario Uno
Di Italiasalute.it
Arriva anche in Italia un nuovo modo di intendere la dieta. Che si tratti di
una novità è evidente anche dal fatto che l'autore non ha dato il nome di
"dieta" ma di "metodo" alla ricetta proposta per perdere e mantenere il
perso. A proporlo è il nutrizionista francese Michel Montignac, ex obeso e
figlio di genitori obesi.
Contrario alle diete tradizionali, che ''nel 95% dei casi'' falliscono
perche' la persona recupera i chili persi appena riprende a mangiare
normalmente, Montignac si e' convinto che non esista alcun legame tra
obesita' e calorie. Gli studi epidemiologici, ricorda infatti lo
specialista, hanno paradossalmente dimostrato che i casi di obesita' nei
Paesi industrializzati sono quadruplicati in 40 anni benche' nello stesso
periodo il consumo medio quotidiano di calorie si sia ridotto del 35%. Nel
volume arrivato in Italia vengono illustrati i cibi ideali per colazione,
pranzo e cena, con consigli per ricevimenti e spuntini e sulle bevande
ammesse o da evitare. Un capitolo a parte e' riservato all'alimentazione dei
bambini e di chi pratica sport. In chiusura, infine, le ricette piu' giuste
per dimagrire mangiando.
Il principio base della teoria Montignac consiste nel controllo degli
zuccheri assunti, da scegliere in base all'indice glicemico, e nel
programmare due fasi: dimagrimento e mantenimento.
Il nuovo metodo si concretizza in un'alimentazione tendenzialmente basata
sulla frutta e la verdura a volontà e sulla riduzione degli alimenti
contenenti zucchero e carboidrati ad alto indice glicemico.
La dieta prevede inoltre una limitazione in quantità dei carboidrati e una
particolare attenzione alla scelta del tipo di carboidrati ed alla loro
associazione con gli altri alimenti: evitare di associare i carboidrati ai
grassi nello stesso pasto, ed evitare i carboidrati con elevato indice
glicemico e preferire quelli con basso indice glicemico tra un pasto e
l'altro, come ad esempio il pane integrale. Montignac ad esempio consiglia
di consumare cioccolata con un'alta percentuale di cacao per sopperire al
desiderio di alimenti dolci e di evitare ad esempio frutta secca, l'uva e le
banane per il contenuto elevato di zuccheri.
Come molte altre diete, il successo dipende anche dai nomi famosi delle
persone che l'hanno provata e che poi ne hanno parlato.
Fase 1 - La fase del dimagrimento da seguire fino a che non si è raggiunto
il peso ideale
Fase 2 - La fase di mantenimento che si può seguire per il resto della vita
per mantenere il peso corporeo raggiunto
Ciò che differenzia il metodo Montignac dalle altre diete è il fatto che si
abbandona la bilancia: non ci sono alimenti da assumere espressi in grammi,
bensì è utilizzata una scala che misura per ogni cibo l'indice glicemico,
per cui per i carboidrati si distinguono quelli 'buoni' da quelli 'cattivi'.
Ad esempio, ecco una lista dei carboidrati 'cattivi' con relativo indice
Malto (birra) - 110
Glucosio - 100
Patate cotte - 95
Hamburger - 85
Zucchero (saccarosio) - 70
Mais - 70
Riso a grana lunga - 60
Banane - 60
Riso integrale - 50
Patate dolci - 50
Fiocchi d'avena - 40
Pane di segale - 40
Carote - 30
Latticini - 30
Lenticchie - 22
Albicocche fresche - 15
Verdura verde < 15
Nella fase 1, sostanzialmente sono previsti tre pasti al giorno più uno
spuntino. Si tratta di pasti che includono grassi e proteine, ma i
carboidrati devono avere un indice glicemico compreso tra 0 e 35.
Nella fase 2, è previsto che ci si limiti a mangiare gli alimenti con indice
glicemico compreso tra 0 e 50, in modo da mantenere il peso corporeo. Per le
persone con problemi di pressione alta e al sistema cardiocircolatorio è
anche raccomandato di consumare alimenti a basso contenuto di grassi e
colesterolo.
Mangiando alimenti freschi e preparati in casa con la nostra cucina, secondo
Montignac, siamo in grado di assumere tutte le vitamine, i minerali e gli
oligoelementi di cui il nostro corpo ha bisogno, e nel suo libro fornisce
tutte le indicazioni su come preparare i piatti coerenti con le sue
indicazioni. La mancanza nell'alimentazione di tali componenti può essere
pericolosa, ma se assunti attraverso integratori sintetici essi non sono
facilmente assorbibili dall'intestino per cui è meglio puntare su
un'alimentazione sana ed equilibrata che li contenga. Tuttavia, secondo
Montignac il lievito di birra e il germe di grano andrebbero aggiunti
all'alimentazione quotidiana.
Montignac mette alla gogna zucchero e dolcificanti artificiali definendoli
addirittura un 'veleno'. Essi nel lungo termine possono infatti alterare il
metabolismo. Montignac consiglia l'utilizzo del fruttosio, in quanto può
essere considerato un dolcificante naturale, ed ha un indice glicemico 20.
Grazie a Montignac lo chef Paul Bocuse e' dimagrito 26 chili, l'attore
Gerard Depardieu ne ha persi 19 e lo stilista Christian Lacroix 12. Hanno
raggiunto e mantenuto il peso forma grazie al "Metodo Montignac" anche la
cantante Kylie Minogue, l'attore Rowan Sebastian Atkinson (in arte Mr. Bean)
e la Regina Beatrice d'Olanda. Montignac ora svela ora i suoi segreti anche
in Italia. La prima traduzione italiana del suo best seller ''Dimagrire per
sempre mangiando normalmente'', edita da Hobby Work Publishing e presentata
oggi a Milano, sara' nelle librerie della penisola a fine mese insieme alla
versione ridotta ''Essential Montignac - Dimagrire per sempre mangiando
normalmente'', unita dvd e cd audio dimostrativi. ''Stop ai regimi
ipocalorici inutili e penalizzanti'', e' il motto dello specialista
'anti-dieta'. Nato nel 1944 nella Francia centro-occidentale, ha lottato
fino alla soglia dei 40 anni contro i chili di troppo, con rinunce e
sacrifici che non riuscivano a garantirgli risultati duraturi. La svolta nel
1980. Assunto da una multinazionale farmaceutica, Montignac accede a
informazioni che lo portano a formulare il suo metodo. Una tecnica
innovativa (diversa dalla dieta dissociata, dalla dieta Atkins e dalla dieta
Zona) che l'esperto ha sperimentato in prima persona, dimagrendo 14 chili in
soli tre mesi. Da allora una lunga serie di pubblicazioni su come perdere
peso senza soffrire, mantenendo i traguardi raggiunti e prevenendo diabete e
malattie cardiovascolari.
Una tabella utile per avere un'idea dell'indice glicemico (sul glucosio) di
Albicocca 32.1
Albicocche fresche 57
Albicocche sciroppate 64
All-Brain 43.8
Ananas 68.6
Arancia 46.0
Banana 56.2
Barbabietole 64
Barretta (caramello) Mars Twix Cookie 43
Barrette di Muesli 63.5
Bastoncini di pesce 38
Biscotti all'avena 55
Biscotti di Frumento 73.0
Biscotti di grano 70
Biscotto di pasta-frolla 66.4
Brodo di fagioli di Lima 36
Cappellini 46.7
Carota 73.7
Ceci con curry inscatolati 41
Ceci neri 43
Ceci in scatola 42
Ceci verdi(mung beans) 38
Cheerios 74
Chicchi di grano 41
Cialda 76
Cialda di cono gelato 79.6
Ciambella salata 84.7
Ciambellone 65
Ciliegie 23.4
Cioccolato 51.1
Cioccolato al Latte, non dolcificato 35.8
Cioccolata Mars (colomba) 44
Cocomero 67.9
Cocktail di frutta 55
Corn chips 74
Cornetti (croissant) 70.1
Cornflakes 86.9
Cous-cous 67.9
Crackers 74.5
Crema di Frumento 73.0
Crema di grano 70
Croissant 67
Crusca di Riso 19.7
Crusca d'avena 55
Digestivi 59
Dolce alla banana senza zucchero 55
Dolci di riso 77
Fagioli bianchi 38
Fagioli Cannellini 29.2
Fagioli cotti, in scatola 48
Fagioli dall'occhio nero 41
Fagioli di Soia 18.3
Fagioli marroni Messicani 38
Fagioli Pinto, in scatola 45
Fagioli romani 46
Fagioli Rossi 19.7
Fagioli secchi 70
Fanta 70.8
Farina di grano saraceno (Buckwheat) 55
Farina gialla (polenta) 69
Farinata di Fiocchi d'Avena 63.5
Farro 56
Focaccia 54
Focaccine 62
Frittelle 69
Fruttosio puro 23.4
Funghi 15.3
Fusilli di grano duro 43
Gallette d'Avena 57.7
Gelato 63.5
Gelato, scremato 50
Glucosio 100.0
Gnocchi 69.4
Grano a cottura rapida 54
Grano Saraceno 56.9
Grano sminuzzato 69
Grano soffiato 74
Kelloggs' All Bran Fruit 'n Oats 39
Kellogg's Special-K 56.2
Kiwi 54.8
Latte al cioccolato e zucchero 34
Latte di Soia 31.4
Latte intero 28.5
Latte magro 33.6
Latte parz. Scremato 31.4
Latte + budino + amido + zucchero 43
Lattosio 47.5
Lattuga 15.3
Lenticchie Rosse 26.3
Lenticchie Verdi 30.7
Lenticchie verdi, in scatola 52
Limone 15.3
Linguine 47.5
Maccheroni 46.7
Maccheroni e formaggio 64
Mais dolce 55
Maltodestrine 100.0
Maltosio 109.5
Mango 58.4
Mela 39.4
Melone 65
Melone (detto anche Popone) 75.2
Miele 75.9
Miele di bosco, sugar bag 43
Minestra di pomodoro 38
Muesli 58.4
Nocciole 70.1
Noccioline 15.3
Orzo 35.8
Orzo spezzettato 50
Pagnotta di frutti 47
Pan di Spagna 48.2
Pane ai cereali 48
Pane alla crusca d'avena 48
Pane Bagel bianco 72
Pane bianco 73.0
Pane bianco alta % di fibre 68
Pane bianco farina 00 69
Pane di farina di segale 64
Pane bianco senza glutine 90
Pane di farina d'orzo 67
Pane di Frumento senza glutine 94.2
Pane lievitato 53
Pane di semi d'avena 65
Pane di Segale 51.8
Pane d'Orzo 40.2
Pane francese, baguette 95
Panino integrale di grano 74
Pasta di riso, brown 92
Pastina Star 39.4
Passato di patate 70
Passato di piselli 60
Pasticcini 59
Patata crisps 54
Patata dolce 54
Patata novella 57
Patate al forno 88.3
Patate al microonde 85.4
Patate al vapore 67.9
Patate bollite e passate 73
Patate comuni bollite 58.4
Patate dolci 56.2
Patate fritte 78.1
Patate novelle 59.1
Patatine fritte (tipo PAI, San Carlo) 90.5
Pera fresca 38.7
Pere in Scatola 46.0
Pesca fresca 43.8
Pesche in Scatola 48.9
Piselli bolliti 32.9
Piselli giganti secchi 39
Piselli secchi 23.4
Piselli Verdi 49.6
Pizza Margherita 62.8
Polenta di mais 40
Polpa di Pomodoro 39.4
Pomodoro grande intero 15.3
Pompelmo 26.3
Popcorn 57.7
Porridge di mais, grezzo 71
Porridge di mais raffinato 74
Porridge farina d'avena 61
Prugna 39
Purea di patate 73.0
Ravioli 40.9
Ravioli di carne grano duro, 39
Riso bianco, bassa % di amido 88
Riso bianco, alti amidi 60.6
Riso bianco, bassi amidi 92.0
Riso Brown 55
Riso Bubbles 90
Riso Calrose 87
Riso Chex 89
Riso integrale 59.1
Riso integrale (brown) 57.7
Riso istantaneo bollito 6 min 90
Riso Mahatma Premium 66
Riso parboiled, alti amidi 50.4
Riso parboiled, bassi amidi 90.5
Riso Pedle 76
Riso rapido bollito per 1 minuto 47.5
Riso rapido bollito per 6 minuti 93.4
Riso soffiato 93.4
Riso Sunbrown rapido
Saccarosio 67.2
Sciroppo di mais alta % di fruttosio 62
Segale 35.0
Semolino 68.6
Spaghetti, bianchi 41
Spaghetti cotti 5 min 36
Spaghetti crudi 38.7
Spaghetti cotti al dente 56.9
Spaghetti arricchiti di proteine 27.7
Spaghetti grano duro 55
Spaghetti, integrali 37
Special K 54
Succo d'Ananas 48.2
Succo d'Arancia 54.0
Succo di Mela 42.3
Succo di Pompelmo 50.4
Taco 68
Tavolette di 106.6
Torta soffice (tipo plum cake) 46
Tortellini 51.8
Tortellini al formaggio 50
Uva 48.2
Uva passa 66.4
Uva Sultanina 58.4
Wafer alla vaniglia 80.3
Yogurt Magro 14.6
Yogurt 36
Yogurt magro alla frutta 34.3
Vermicelli 35
Zucca 78.1
Zucchero di Canna 67.2
Zuppa di Lenticchie in scatola 46.0
Zuppa di fagioli neri 64
Zuppa di Piselli 62.8
Zuppa di piselli verdi in scatola 66
Per ulteriori notizie consulta Italiasalute.it
Continua a leggere su narkive:
Loading...