Discussione:
Riflessioni sulla dieta di stato
(troppo vecchio per rispondere)
Xlater
2004-09-22 16:01:45 UTC
Permalink
E' normale che uno stato possa desiderare un certo comportamento da un
cittadino, in perfetta buona fede, per il bene comune.

Ricordate gli spot del tizio con la busta della spesa, cui tutti dicevano
"Grazie!"? Lo stato desiderava che i cittadini spendessero di più perché
(in un'ottica che non condivido, ma che è perfettamente in linea con
l'ideologia dell'attuale governo) l'economia del paese può trarre
giovamento da un incremento dei consumi. Lo si fa per il Bene Comune. Di
certo quel comportamento desiderato non risolve il mio problema personale
di mantenere la massima attenzione e la massima oculatezza se voglio
arrivare tranquillo a fine mese. Devo tagliare tutte le spese inutili e
risparmiare tutte le volte che posso. "Ma così crollano i consumi e
l'economia va a pallino!" Cavoli vostri: i soldi sono i miei!

Credo che la "dieta di stato" vada interpretata in ottica analoga. Non
quello che sarebbe meglio per il singolo cittadino mangiare, ma quello che
i cittadini dovrebbero mangiare per il Bene Comune. Il Bene Comune non è
fatto solo di risparmi sulle spese di sanità, ma anche sulla floridezza
delle nostre industrie (quella alimentare, ma anche quella faramceutica).
In fondo che te ne fai tu, singolo cittadino, di un pizzico di resistenza
insulinica in meno, di un po' di adipe in meno, quando nel paese c'è la
recessione, lo stato non è in grado di pagare le pensioni, e i tuoi figli
non trovano lavoro?

Il concetto di fondo è: tu, Cittadino, compra o non comprare quello che
vuoi, probabilmente per il tuo interesse fai benissimo ad essere oculato
negli acquisti, ma io, Stato, devo dare quel certo segnale.
Tu, Cittadino, mangia come ti pare, ma io, Stato, ti devo dire di mangiare
in un certo modo. In fondo lo Stato non obbliga nessuno.

D'altra parte cosa farei io stesso se fossi un pezzo grosso del WHO, e
sapessi che il 70/80% del cibo che viene prodotto nel mondo è costituito
da cereali e derivati? Con quale responsabilità potrei scrivere su un
documento di linee guida mondiale di mangiare pochi carbo e pochi cereali?
Quali sarebbero le conseguenze? Posso sconvolgere l'economia mondiale solo
per migliorare la salute di pochi occidentali privilegiati che
stramangiano, mentre l'80% dell'umanità è denutrita?

Quindi non c'è molto da sorprenderci se scopriamo che tutte queste linee
guida, italiane, americane e/o globali, sono ispirate prima di tutto da
pressanti motivi di opportunità politica ed economica, che hanno gioco
piuttosto facile a piegare alla loro ragione le risultanze della scienza,
sempre incerte e contraddittorie, sempre zeppe di congiuntivi e
condizionali. E non c'è bisogno di immaginare loschi scenari di corruzioni
e concussioni (che pure è difficile illudersi che non esistano), basta
pensare che gli estensori di quei documenti abbiano una loro percezione,
in perfetta buona fede, del Bene Comune.

Quello che sorprende, semmai, è il candore con cui qualche dietista pensi
davvero che tali documenti abbiano un valore scientifico senza il minimo
inquinamento di considerazioni di altro tipo, anche quando è palese e
sotto gli occhi di tutti che ci si ostina ad ignorare una gran parte di
quello che la scienza ha scoperto.

Per questo resto sconcertato quando scopro un dietista che di fronte al
singolo caso del singolo paziente, si ostina a seguire i LARN o il WHO, o
qualche altra indicazione dietetica "di stato". E' esattamente come un
consulente finanziario, che io pago per suggerirmi come gestire i miei
risparmi, e che invece mi consigli "Vai al supermercato e spendi tutto lo
stipendio! Vedrai, ti diranno tutti Grazie!".


Xlater
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Lorenzo®
2004-09-22 20:43:53 UTC
Permalink
"Xlater" <***@hotmail.com> ha scritto nel messaggio

CUT
Post by Xlater
Quello che sorprende, semmai, è il candore con cui qualche dietista pensi
davvero che tali documenti abbiano un valore scientifico senza il minimo
inquinamento di considerazioni di altro tipo, anche quando è palese e
sotto gli occhi di tutti che ci si ostina ad ignorare una gran parte di
quello che la scienza ha scoperto.
Mi tiri sempre in ballo...

Sarà che non hai nessuno con cui confrontarti qui dentro?

In un ottica di prevenzione di raffiche noiose di reply:

"NO COMMENT"
Post by Xlater
Per questo resto sconcertato quando scopro un dietista che di fronte al
singolo caso del singolo paziente, si ostina a seguire i LARN o il WHO, o
qualche altra indicazione dietetica "di stato". E' esattamente come un
consulente finanziario, che io pago per suggerirmi come gestire i miei
risparmi, e che invece mi consigli "Vai al supermercato e spendi tutto lo
stipendio! Vedrai, ti diranno tutti Grazie!".
Mi sarei aspettato qualche elucubrazione più intelligente,
piuttosto che discredito e delazioni gettate qua e la da un ingegnere.

A proposito:

Un uomo vuole cambiare il suo cervello.
Va in una clinica per trapianti di cervello e gli fanno vedere
il catalogo: cervello di matematico 200 Euro al chilo,
cervello di biologo 300 Euro al chilo,
cervello di medico 400 Euro al chilo.
Poi vede: cervello di ingegnere 1.000 Euro al chilo.
Stupito, chiede alla segretaria: "Signorina, perché il cervello di ingegnere
costa così tanto?"
E la segretaria: "Ma lei lo sa quanti ne dobbiamo ammazzare per metterne
insieme almeno un chilo?"
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Massimo B.
2004-09-23 06:24:23 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
E la segretaria: "Ma lei lo sa quanti ne dobbiamo ammazzare per metterne
insieme almeno un chilo?"
90 al giorno!

Numero che recentemente è emerso essere la media giornaliera di persone
uccise dall'incompetenza e dall'inefficienza dei nostri cari medici "made in
italy". E questo numero corrisponde unicamente ai casi che hanno avuto un
seguito in tribunale.
A questi vanno aggiunti quelli che l'hanno "sgamata" ed hanno subito danni
senza lasciarci le penne, e tutti gli altri che costituiscono la maggioranza
silenziosa. Parlo dei poveracci morti per colpa di coloro che dovevano
curarli e per i quali non si conoscerà mai la reale causa del loro decesso.

Questi sono coloro in cui dovremmo sperare per il mantenimento od il
miglioramento della nostra salute, quelli di cui dovremmo ascoltare i
consigli, quelli in cui dovremmo riporre tutta la nostra fiducia. Degli
inutili cialtroni!

C'è solo da sperare di non doverne avere MAI alcun bisogno.

Ciao!!!

Massimo



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Lorenzo®
2004-09-23 12:53:11 UTC
Permalink
"Massimo B."
<***@freemail.it> ha
scritto nel messaggio
Post by Massimo B.
Questi sono coloro in cui dovremmo sperare per il mantenimento od il
miglioramento della nostra salute, quelli di cui dovremmo ascoltare i
consigli, quelli in cui dovremmo riporre tutta la nostra fiducia. Degli
inutili cialtroni!
C'è solo da sperare di non doverne avere MAI alcun bisogno.
Mi aspettavo una battuta sui medici,
magari più recente della mia... ;-)
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Massimo B.
2004-09-23 16:04:02 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
"Massimo B."
scritto nel messaggio
Post by Massimo B.
Questi sono coloro in cui dovremmo sperare per il mantenimento od il
miglioramento della nostra salute, quelli di cui dovremmo ascoltare i
consigli, quelli in cui dovremmo riporre tutta la nostra fiducia. Degli
inutili cialtroni!
C'è solo da sperare di non doverne avere MAI alcun bisogno.
Mi aspettavo una battuta sui medici,
magari più recente della mia... ;-)
Daccordo, rimedio subito. Preferisci quella del Dott. Gargiulo di Elisir che
parlando della termogenesi dice che l'organismo per produrre calore non
utilizza i grassi ma gli zuccheri, oppure quella in cui afferma che le
caramelle zuccherate fanno cariare i denti mentre la pasta no perchè
contiene "zuccheri diversi"? [;-)]

Ciao!!!

Massimo



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Lorenzo®
2004-09-23 20:48:01 UTC
Permalink
"Massimo B."
<***@freemail.it> ha
scritto nel messaggio
Post by Massimo B.
Daccordo, rimedio subito. Preferisci quella del Dott. Gargiulo di Elisir che
parlando della termogenesi dice che l'organismo per produrre calore non
utilizza i grassi ma gli zuccheri,
ROTF


oppure quella in cui afferma che le
Post by Massimo B.
caramelle zuccherate fanno cariare i denti mentre la pasta no perchè
contiene "zuccheri diversi"? [;-)]
Si gli zuccheri "trans"... :-)))
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
rusca_64
2004-09-23 06:36:44 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
Un uomo vuole cambiare il suo cervello.
Va in una clinica per trapianti di cervello e gli fanno vedere
il catalogo: cervello di matematico 200 Euro al chilo,
cervello di biologo 300 Euro al chilo,
cervello di medico 400 Euro al chilo.
Poi vede: cervello di ingegnere 1.000 Euro al chilo.
Stupito, chiede alla segretaria: "Signorina, perché il cervello di ingegnere
costa così tanto?"
E la segretaria: "Ma lei lo sa quanti ne dobbiamo ammazzare per metterne
insieme almeno un chilo?"
Ciao
Lorenzo R.
brutta battuta ,
uno un pochino + spiritoso
potrebbe aggiungere...

ed il cervello di un dietologo di 60 anni ?
1 000 000 euro al kg.
olllllllamadonnnnnnnnna e come mai ?
guardi è na vera occasione
E' nuovo , mai USATO !

naturalmente al posto del cervello di un dietologo
ci si può mettere quello che si vuole.....

credo xò non siano queste le cose che uno si
aspetta su un ng di discussioni

rusca
Lorenzo®
2004-09-23 12:53:10 UTC
Permalink
Post by rusca_64
brutta battuta ,
uno un pochino + spiritoso
potrebbe aggiungere...
ed il cervello di un dietologo di 60 anni ?
1 000 000 euro al kg.
olllllllamadonnnnnnnnna e come mai ?
guardi è na vera occasione
E' nuovo , mai USATO !
naturalmente al posto del cervello di un dietologo
ci si può mettere quello che si vuole.....
Toh, qualcuno di spiritoso c'è qui dentro. :-)
Post by rusca_64
credo xò non siano queste le cose che uno si
aspetta su un ng di discussioni
Certo, come le "seghe mentali" di chi pensa al
complotto internazionale della lobby dei cereali.
Quando ignorantemente non sa che il 70% della produzione statunitense dei
cereali
serve ad alimentare animali per la produzione di carne.

Fossi nella lobby, spingerei al massimo l'utilizzo della carne...
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Xlater
2004-09-23 14:48:42 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
Fossi nella lobby, spingerei al massimo l'utilizzo della carne...
Secondo te guadagno di più quando i miei cereali li vendo come mangime
per il bestiame, o quando li riesco a vendere per l'alimentazione umana?

Se il 30% viene consumato dagli uomini e il 70% dalle bestie, come mi
conviene che cambino queste percentuali? E' meglio spingere in alto il 30%
o il 70%?

X.
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Lorenzo®
2004-09-23 20:48:02 UTC
Permalink
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
Fossi nella lobby, spingerei al massimo l'utilizzo della carne...
Secondo te guadagno di più quando i miei cereali li vendo come mangime
per il bestiame, o quando li riesco a vendere per l'alimentazione umana?
Dipende, non conosco i margini di guadagno.
Tieni conto che per darli alle bestie spendo enormemente meno.
Post by Xlater
Se il 30% viene consumato dagli uomini e il 70% dalle bestie, come mi
conviene che cambino queste percentuali? E' meglio spingere in alto il 30%
o il 70%?
In un ottica aziendale è meglio guadagnare di più,
non importa come e le percentuali.

Resta il fatto, che le multinazionali che producono
cereali vendono il 70% del prodotto per alimentare
animali da macello.
Se domattina diventiamo tutti mangiatori esclusivi di carne,
non piangerebbero poi tanto.

A parte il discorso che non basterebbe la
produzione mondiale di cereali a sfamare gli animali,
per produrre il tenore proteico della carne un animale
mangia ettari di cereali.
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Xlater
2004-09-23 08:20:35 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
Mi tiri sempre in ballo...
Attenzione. Io non ho tirato in ballo *persone*, e nemmeno *categorie*. Ho
criticato certi comportamenti e certi atteggiamenti, cercando di dare
delle motivazioni, condividibili o meno.

Se tu ti riconosci in quei comportamenti e in quegli atteggiamenti, e
quindi non condividi le mie critiche, sei liberissimo di scrivere le tue
controargomentazioni, e altrettanto liberissimo di tenertele per te, se
preferisci. Ma non dire che attacco le persone, perché (a differenza tua)
me ne guardo bene.


Xlater
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Lorenzo®
2004-09-23 12:53:13 UTC
Permalink
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
Mi tiri sempre in ballo...
Attenzione. Io non ho tirato in ballo *persone*, e nemmeno *categorie*. Ho
criticato certi comportamenti e certi atteggiamenti, cercando di dare
delle motivazioni, condividibili o meno.
Ma scusa,
parli di Dietisti sapendo che qui sono l'unico Dietista,
parli di riferimenti ai LARN al WHO ecc.. quando ne abbiammo
discusso su un altro post.
Come ipocritamente puoi pensare che non mi senta tirato in ballo?

E la barzelletta era, per chi ha capito, riferita
a chi tra gli ingegneri si riconosce...

Chi poteva pensare di essere tirato in ballo!?
Post by Xlater
Se tu ti riconosci in quei comportamenti e in quegli atteggiamenti, e
quindi non condividi le mie critiche, sei liberissimo di scrivere le tue
controargomentazioni, e altrettanto liberissimo di tenertele per te, se
preferisci. Ma non dire che attacco le persone, perché (a differenza tua)
me ne guardo bene.
Chiariamo un punto:
Fammi capire con "dietisti candidamente ignoranti", ti riferivi a me?ù

Attendo risposta.
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Xlater
2004-09-23 14:39:51 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
Mi tiri sempre in ballo...
Attenzione. Io non ho tirato in ballo *persone*, e nemmeno *categorie*. Ho
criticato certi comportamenti e certi atteggiamenti, cercando di dare
delle motivazioni, condividibili o meno.
Ma scusa,
parli di Dietisti sapendo che qui sono l'unico Dietista,
parli di riferimenti ai LARN al WHO ecc.. quando ne abbiammo
discusso su un altro post.
Come ipocritamente puoi pensare che non mi senta tirato in ballo?
E la barzelletta era, per chi ha capito, riferita
a chi tra gli ingegneri si riconosce...
Chi poteva pensare di essere tirato in ballo!?
Post by Xlater
Se tu ti riconosci in quei comportamenti e in quegli atteggiamenti, e
quindi non condividi le mie critiche, sei liberissimo di scrivere le tue
controargomentazioni, e altrettanto liberissimo di tenertele per te, se
preferisci. Ma non dire che attacco le persone, perché (a differenza tua)
me ne guardo bene.
Fammi capire con "dietisti candidamente ignoranti", ti riferivi a me?ù
Attendo risposta.
In questo ng è perfettamente lecito discutere dei dietologi, e ci sarà chi
li attacca, chi li difende. Siccome nessuno di noi ne conosce a dozzine,
né tipicamente ha numerose occasioni per confrontarsi con loro, è
abbastanza normale che si sia tutti portati a farci un'idea della
categoria sulla base di quello che scrivi. Non se sei bello o brutto,
simpatico o antipatico, intelligente o poco intelligente; questi sono
attributi della persona Lorenzo, sulla quale non ho nulla da dire. Ma per
capire come un dietista si pone nei confronti della scenza che
rappresenta, della sua ortodossia, delle sue eresie, delle sue evoluzioni
e dei suoi sconvolgimenti.

Probabilmente questo eleggerti come rappresentante non è una operazione
del tutto corretta dal punto di vista statistico. Ma è il massimo che si
può fare in queste condizioni. Ed è anche spontaneo. Sono convinto che
ogni partecipante del ng se dovesse farsi l'immagine mentale di un
crudista, penserebbe a Guenther, e così via.

La conseguenza è che quello che tu scrivi incide sulla mia
rappresentazione mentale del dietista tipo, che finisce inevitabilmente
per assomigliarti. Così quando ritengo che sia il caso di esprimere certe
critiche sul comportamento dei dietisti, o perlomeno di alcuni di essi,
può sembrarti un attacco personale. Ma non lo è. Non ho niente di
personale contro di te e mi guardo bene dal fare attacchi personali con
persone che conosco solamente via newsgroup.

E' probabile che anche a te capiti di costruire il ritratto di una
categoria (per esempio i low carber) sulla base di qualcuno che conosci e
con cui hai avuto modo di scambiare opinioni (per esempio il
sottoscritto). Ma se tu volessi attaccare i low carber sulla base di cose
che ho scritto io, credo proprio che saprei distinguere la differenza tra
una critica su quello che non condividi dell'essere low carber in generale
(e a cui risponderei in questo senso) e un attacco personale che non
riguarda Xlater come low carber, bensì come persona, con il suo lavoro, i
suoi hobbies, i suoi divertimenti, i suoi affetti, ecc. (e in questo caso
sono solito fregarmene, anche se inevitabilmente l'interlocutore perde
qualche punto di stima).

A me sembra che la distinzione sia abbastanza semplice. Tu che ne pensi?


Xlater
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Lorenzo®
2004-09-23 20:48:04 UTC
Permalink
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
Fammi capire con "dietisti candidamente ignoranti", ti riferivi a me?ù
Attendo risposta.
Probabilmente questo eleggerti come rappresentante non è una operazione
del tutto corretta dal punto di vista statistico.
Già.
Post by Xlater
La conseguenza è che quello che tu scrivi incide sulla mia
rappresentazione mentale del dietista tipo, che finisce inevitabilmente
per assomigliarti. Così quando ritengo che sia il caso di esprimere certe
critiche sul comportamento dei dietisti, o perlomeno di alcuni di essi,
può sembrarti un attacco personale. Ma non lo è. Non ho niente di
personale contro di te e mi guardo bene dal fare attacchi personali con
persone che conosco solamente via newsgroup.
Chi ha detto che è un attacco personale,
tu parli in un ottica di categoria e nelle categorie
ci sono i capaci e gli incapaci come gli ignoranti e
gli scienziati.

Se hai un ottica falsata per le tue esperienze personali
o per sentito dire, non puoi pensare che io sia rappresentativo
di una categoria in modo negativo solo perchè ho una
mia idea personale sulla nutrizione (peraltro ampiamente supportata).

Per questo ti ho riportato una barzelletta,
potrei pensarla anch'io in un ottica falsata dalle
mie esperienze personali, ma con le opinioni personali
sulle categorie non ci facciamo un bel nulla.

Tra l'altro, ti faccio notare che trovo strabiliante il modo con cui
ti metti a consigliare i vari frequentatori che chiedono lumi
su diete, hai un atteggiamento molto molto più moderato.

Mentre quando discutiamo vedi o bianco o nero.
Post by Xlater
E' probabile che anche a te capiti di costruire il ritratto di una
categoria (per esempio i low carber) sulla base di qualcuno che conosci e
con cui hai avuto modo di scambiare opinioni (per esempio il
sottoscritto). Ma se tu volessi attaccare i low carber sulla base di cose
che ho scritto io, credo proprio che saprei distinguere la differenza tra
una critica su quello che non condividi dell'essere low carber in generale
(e a cui risponderei in questo senso) e un attacco personale che non
riguarda Xlater come low carber, bensì come persona, con il suo lavoro, i
suoi hobbies, i suoi divertimenti, i suoi affetti, ecc. (e in questo caso
sono solito fregarmene, anche se inevitabilmente l'interlocutore perde
qualche punto di stima).
Renditi conto che questa capacità discriminativa è proprio la tua carenza in
questo thread.
Post by Xlater
A me sembra che la distinzione sia abbastanza semplice. Tu che ne pensi?
Penso che giochi con le parole.

Hai creato una categoria, mi ci hai messo dentro
con le mie idee ed hai aggiunto ignoranza e cialtronaggine.

Adesso cerchi di divagare con il discorso, per far passare
che le tue erano critiche al Dietologo in generale e non
al solo che ti legge qui dentro.

Io potrei fare lo stesso dicendo che molti
ingegneri non conoscono la sintesie creano frasi alla Trappatoni,
non puoi pensare che sia un attacco personale
è semplicemente uno stereotipo che mi sono fatto.
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Xlater
2004-09-24 09:20:43 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
Chi ha detto che è un attacco personale,
tu parli in un ottica di categoria e nelle categorie
ci sono i capaci e gli incapaci come gli ignoranti e
gli scienziati.
Se hai un ottica falsata per le tue esperienze personali
o per sentito dire, non puoi pensare che io sia rappresentativo
di una categoria in modo negativo solo perchè ho una
mia idea personale sulla nutrizione (peraltro ampiamente supportata).
Il punto è proprio questo. Alcune idee tue (ma non solo tue) non le
condivido e pertanto le critico. I ng sono fatti apposta per condividere
informazioni e confrontare idee diverse.

Discutere di quanto tu sia rappresentativo della categoria è marginale. E'
fondamentale invece il fatto che io sto discutendo le idee, non la
persona. Dire: "mi ci metti sempre in mezzo" è fuorviante. Sembra che io
voglia attaccare la persona e non le idee, mentre non c'è nulla di più
lontano dalle mie intenzioni.
Post by Lorenzo®
Per questo ti ho riportato una barzelletta,
potrei pensarla anch'io in un ottica falsata dalle
mie esperienze personali, ma con le opinioni personali
sulle categorie non ci facciamo un bel nulla.
Non vedo perché insisti a parlare di barzellette.
Post by Lorenzo®
Tra l'altro, ti faccio notare che trovo strabiliante il modo con cui
ti metti a consigliare i vari frequentatori che chiedono lumi
su diete, hai un atteggiamento molto molto più moderato.
Mentre quando discutiamo vedi o bianco o nero.
Le idee non si fanno male. Sbatterle le une contro le altre per vedere
cosa resta in piedi è operazione di solito molto proficua. E' chiaro che
di fronte ad una persona vera l'atteggiamento mentale è del tutto diverso.
Post by Lorenzo®
Hai creato una categoria, mi ci hai messo dentro
con le mie idee ed hai aggiunto ignoranza e cialtronaggine.
In cosa si esprimerebbe l'ignoranza e la cialtronaggine, visto che non mi
sembra di aver usato quei termini?
Post by Lorenzo®
Adesso cerchi di divagare con il discorso, per far passare
che le tue erano critiche al Dietologo in generale e non
al solo che ti legge qui dentro.
Erano critiche alle idee, non alla persona.
Post by Lorenzo®
Io potrei fare lo stesso dicendo che molti
ingegneri non conoscono la sintesie creano frasi alla Trappatoni,
non puoi pensare che sia un attacco personale
è semplicemente uno stereotipo che mi sono fatto.
Io ti risponderei che hai perfettamente ragione e che trovo disdicevole
che un ingegnere non sappia mettere quattro parole in croce.
E allora?


Xlater
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Lorenzo®
2004-09-24 14:27:33 UTC
Permalink
Post by Xlater
Il punto è proprio questo. Alcune idee tue (ma non solo tue) non le
condivido e pertanto le critico. I ng sono fatti apposta per condividere
informazioni e confontare idee diverse.
Bene critica le idee e lascia stare le categorie, ma soprattutto
non fare allusioni.
Anzi massacra pure certe categorie, ma non metterci le mie
idee, altrimenti ti invito a discutere direttamente
con me sul mio pensiero.
Occasione tra l'altro preziosa, quanti dietologi ti darebbero retta
altrove?
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
Per questo ti ho riportato una barzelletta,
potrei pensarla anch'io in un ottica falsata dalle
mie esperienze personali, ma con le opinioni personali
sulle categorie non ci facciamo un bel nulla.
Non vedo perché insisti a parlare di barzellette.
E tu a generalizzzare su categorie.
Torna in topic e parla di low carb.
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
Tra l'altro, ti faccio notare che trovo strabiliante il modo con cui
ti metti a consigliare i vari frequentatori che chiedono lumi
su diete, hai un atteggiamento molto molto più moderato.
Mentre quando discutiamo vedi o bianco o nero.
Le idee non si fanno male. Sbatterle le une contro le altre per vedere
cosa resta in piedi è operazione di solito molto proficua. E' chiaro che
di fronte ad una persona vera l'atteggiamento mentale è del tutto diverso.
Non è proficuo una mazza, vedi mai i politici sbattersi in televisione,
la tua spesso diventa polemica.
Soprattutto quando ti ergi postulando
su fantomatici complotti internazionali delle multinazionali legandoli
a dietologi fantoccio in mano al linee guida scritte a quattro mani
con i produttori di pasta.

E poi io che sono una persona finta?
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Marcello C.
2004-09-23 09:04:39 UTC
Permalink
"Lorenzo�" <***@x.it> ha scritto nel messaggio news:dul4d.371546$***@news4.tin.it...

CUT
Post by Lorenzo®
Mi tiri sempre in ballo...
CUT
Post by Lorenzo®
Ciao
Lorenzo R.
http://www.ildietista.it
MIIIIII... che coda di paglia!!!! Guarda come brucia!!!!!!
INCREDIBBBILE!!!!!.....
.
.
.
.
BYE
Marcello
Sculler
2004-09-23 12:09:34 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
Mi tiri sempre in ballo...
Beh, non esattamente... non ha fatto nomi. Anche se parlando di "qualche
dietista" e dei suoi comportamenti criticabili, Xlater si riferisce di
sicuro *anche* a te.
Ma insomma non ti ha propriamente "tirato in ballo".
Post by Lorenzo®
Mi sarei aspettato qualche elucubrazione più intelligente,
Tant'è che per distinguerti ha pensato di ribattere con una barzelletta,
pure vecchia, e "senz'altro" elucubrazione molto intelligente e
pertinente... come la citazione tempo fa del sito di Xlater e il commento a
seguito "guardate quà, ihihih" o roba simile.
Cavolo, queste uscite tolgono punti più del silenzio, IMHO. Poi fai te.

Ciao
--
Sculler, ICQ# 147722075
"Ove c'è molta luce, l'ombra è più cupa"
"Le cose che amiamo, ci modellano"
Wolfgang Goethe
Lorenzo®
2004-09-23 12:53:12 UTC
Permalink
Post by Sculler
Post by Lorenzo®
Mi tiri sempre in ballo...
Beh, non esattamente... non ha fatto nomi. Anche se parlando di "qualche
dietista" e dei suoi comportamenti criticabili, Xlater si riferisce di
sicuro *anche* a te.
Ma insomma non ti ha propriamente "tirato in ballo".
Di un pò, se rispondo con una barzelletta sugli ingegneri
ti senti tirato in ballo?

Non dovresti, qui ci sono 6-7 ingegneri.

Mentre a quanti Dietisti poteva riferire il suo messaggio,
qui dentro...
Post by Sculler
Post by Lorenzo®
Mi sarei aspettato qualche elucubrazione più intelligente,
Tant'è che per distinguerti ha pensato di ribattere con una barzelletta,
pure vecchia, e "senz'altro" elucubrazione molto intelligente e
pertinente... come la citazione tempo fa del sito di Xlater e il commento a
seguito "guardate quà, ihihih" o roba simile.
Cavolo, queste uscite tolgono punti più del silenzio, IMHO. Poi fai te.
Il discorso di Xlater l'ho trovato noioso ed infarcito
di elucrubazioni su complotti internazionali di multinazionali alimentari.

Preferisco quando si mette a commentare articoli pescati qua e
la piuttosto che parlare a livello semipersonale di "Dietisti",
e personale di "obbiettivi del mio sito" e
di prevedere "grasse risate" su quello che penso e faccio.

Per questi motivi, mi metto a questo livello di discussione.
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Sculler
2004-09-23 14:43:02 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
Post by Sculler
Ma insomma non ti ha propriamente "tirato in ballo".
Di un pò, se rispondo con una barzelletta sugli ingegneri
ti senti tirato in ballo?
Boh... Nel senso: ti direi di sì perché (si spera) tra un annetto sarò ing
pure io, ma se quel "sentirsi tirato in ballo" ha anche un minimo senso di
offesa personale o di sentirsi "punzecchiati" ti direi: "che cavolo me ne
frega".

Cioè, non è questo il punto; IO ti ho risposto criticando la barzelletta
perché mi sembrava un mezzo un po' terra terra per replicare; poteva essere
anche sugli architetti.
Post by Lorenzo®
Mentre a quanti Dietisti poteva riferire il suo messaggio,
qui dentro...
Beh... se TU critichi gli ing che si occupano di alimentazione c'è poco da
scegliere... Mentre se uno critica i dietologi/dietisti hai voglia a pescare
nel mucchio... I confini del mondo non sono mica quelli di questo NG: non mi
pare che Calabrese abbia mai scritto qui ;-)
Post by Lorenzo®
Il discorso di Xlater l'ho trovato noioso ed infarcito
di elucrubazioni su complotti internazionali di multinazionali alimentari.
Sì, può essere che ci siano troppe seghe mentali, ma noioso tutto sommato
non era perché era cmq un punto di vista che ha qualche punto non troppo
lontano dal vero IMHO.

Ciao
--
Sculler, ICQ# 147722075
"Ove c'è molta luce, l'ombra è più cupa"
"Le cose che amiamo, ci modellano"
Wolfgang Goethe
Lorenzo®
2004-09-23 20:48:03 UTC
Permalink
Post by Sculler
Post by Lorenzo®
Mentre a quanti Dietisti poteva riferire il suo messaggio,
qui dentro...
Beh... se TU critichi gli ing che si occupano di alimentazione c'è poco da
scegliere... Mentre se uno critica i dietologi/dietisti hai voglia a pescare
nel mucchio... I confini del mondo non sono mica quelli di questo NG: non mi
pare che Calabrese abbia mai scritto qui ;-)
Ma dai, un minimo di decenza, :-) leggi le critiche
e cerca i post in cui discutevo con Xlater.

Che poi lui volesse criticare i pensieri (correttissimo)
lo ha fatto maldestramente e penso intenzionalmente
in modo provocatorio, in quanto non posso pensare
che sia una carenza lessicale... ;-)

In pratica ha creato la categoria di
"candidi cialtroni ignoranti indottrinati e pecorecci"
e mi ci ha (neanche velatamente) messo dentro.

Questo non è criticare i pensieri è semplicemente
un attacco personale.
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Marcello C.
2004-09-23 16:12:24 UTC
Permalink
"Lorenzo�" <***@x.it> ha scritto nel messaggio news:YGz4d.295253$***@news3.tin.it...

CUT
Post by Lorenzo®
Il discorso di Xlater l'ho trovato noioso ed infarcito
di elucrubazioni su complotti internazionali di multinazionali alimentari.
CUT
Post by Lorenzo®
Ciao
Lorenzo R.
http://www.ildietista.it
OT per OT....
Ti faccio qualche domandina: per carità non difendo nessuno, ma secondo te
perché gi integralisti e "al quaeda" ce l'hanno tanto con gli americani?
Secondo te si sono alzati una mattina e hanno detto "diamogli contro gli
americani perché fa figo?"
O c'é qualche motivo che però ancora non ci ha detto nessuno?
Il sistema di controllo delle comunicazioni echelon chi l'ha inventato e
usato anche per fini commerciali (vedi Boeing contro Airbus)?
Quando si ammette che le multinazionali spendono milioni (se non miliardi)
di dollari nella sola pubblicità, secondo te non fanno anche lobby e cercano
di condizionare in qualunque modo i contesti legislativi nazionali?
E in questo non c'entra la ricerca (e quindi la classe medica) e giù tutti a
dire "l'ha detto il dottore"?... Secondo te tutti i ricercatori sono
"neutri"?
Guarda con il tabacco: sta venendo fuori che le multinazionali (a ridaglie)
sapevano tutto sugli effetti della nicotina dagli anni '50, e hanno taciuto
e si sono comportate all'esatto contrario del buonsenso "solo" per aumentare
il consumo di sigarette e quindi i profitti.
La guerra in IRAQ: fini umanitari o petrolio?
L'apertura al WTO della Cina chi l'ha voluto? Chi é che ci guadagna? Io e te
no di sicuro...
Quando dici che non esistono i complotti delle multinazionali pensa meglio
al ruolo che hai TU come ingranaggio ben oliato....
BYE
Marcello
Lorenzo®
2004-09-23 21:07:48 UTC
Permalink
"Marcello C." <***@freemail.it> ha scritto nel messaggio news:ciuslp$lo1$***@lacerta.tiscalinet.it...

CUT
Post by Marcello C.
Quando dici che non esistono i complotti delle multinazionali pensa meglio
al ruolo che hai TU come ingranaggio ben oliato....
Parlando di complotti internazionali, che fanno rima con pippe mentali.

Spostiamoci più in basso, credi che i produttori di cereali
piangano con il 70% della produzione che va a sfamare
animali da macello?

Io vedo più margini per i venditori di carni e grassi.

Che devo pensare che di conseguenza ci sia
la fantomatica lobby delle multinazionali di carne e formaggi,
che sono generalmente molto più costosi ed ad alto margine?

E poi io come ingranaggio che potere ho
sui consumi alimentari della popolazione?

Tutti i medici dicono che fumare fa male,
è limpido e lampante ma con ciò le donne fumano
e stanno raddoppiando i casi di tumore ai polmone.

Quale medico dice che fare attività fisica non faccia
bene, ma quasi nessuno lo fa; ti dico se non ci fossero
problematiche estetiche non penso che più di 1 persona
su 500 si metta a fare attvità.
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Marcello C.
2004-09-24 08:58:23 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
CUT
Post by Marcello C.
Quando dici che non esistono i complotti delle multinazionali pensa meglio
al ruolo che hai TU come ingranaggio ben oliato....
Parlando di complotti internazionali, che fanno rima con pippe mentali.
Non rispondi... leggi almeno? Parli dell'arroganza altrui ma non sei molto
diverso :-(
Post by Lorenzo®
Spostiamoci più in basso, credi che i produttori di cereali
piangano con il 70% della produzione che va a sfamare
animali da macello?
Io vedo più margini per i venditori di carni e grassi.
E' sempre la stessa zuppa: la concorrenza. Secondo te le farine animali chi
le ha inventate? E poi ognuno si ritaglia la sua fetta di mercato: hai mai
visto una pubblicità per mangimi animali? Non decidono gli animali, decide
l'allevatore: quindi lui sceglie quello che costa meno. FINE. Invece i
margini di una merendina? La invento, la pubblicizzo, e se ha successo anche
se ha un costo (relativamente) alto ci faccio dei margini notevolmente
maggiori che non vendere un cereale crudo a una mucca (dove comunque ci
guadagno, of course...).
Post by Lorenzo®
Che devo pensare che di conseguenza ci sia
la fantomatica lobby delle multinazionali di carne e formaggi,
che sono generalmente molto più costosi ed ad alto margine?
E allora perché il grosso della pubblicità viene fatta sui carboidrati? E
poi che cosa pubblicizzi di un petto di pollo? Un petto di pollo é un petto
di pollo; quel poco che si vede punta esclusivamente sulla qualità, non su
fantomatiche proprietà del prodotto in sé (cosa avrà mai di speciale su un
petto di pollo della concorrenza?). Le pubblicità inoltre guarda caso sono
appunto anche qui sui prodotti "lavorati": il tenerone, la cotoletta
impanata... tutti prodotti (dubbi) dove conta l'impressione del valore
aggiunto. Vai a vedere i costi singoli di fettina-uovo-pangrattato e di una
cotoletta già pronta....
E poi secondo te le lobby sulle carni non ci sono? Sei propio ingenuo.
Magari non sono potenti come quelle delle merendine, ma sono sufficienti
negli USA a far passare gli ormoni....
Post by Lorenzo®
E poi io come ingranaggio che potere ho
sui consumi alimentari della popolazione?
Allora la gente da te cosa ci viene a fare?
I dietologi non sono comunque dei riferimenti quando parlano di mangiare?
E poi sei il primo a dire "ho studiato così, ho i tomi, quarant'anni di
studi". Non ti poni nemmeno il problema dell'aggiornamento (problema molto
sentito nella classe medica), dato che non ne hai mai nemmeno accennato.
Però se IO leggo che la teoria del colesterolo é basata su esperimenti sui
conigli se permetti mi incazzo.
E tu invece vai avanti per la tua strada.
Quando quelli come te vanno in televisione a parlare della pasta, non hanno
un potere enorme?
Post by Lorenzo®
Tutti i medici dicono che fumare fa male,
è limpido e lampante ma con ciò le donne fumano
e stanno raddoppiando i casi di tumore ai polmone.
Quale medico dice che fare attività fisica non faccia
bene, ma quasi nessuno lo fa; ti dico se non ci fossero
problematiche estetiche non penso che più di 1 persona
su 500 si metta a fare attvità.
Qui se permetti é un po' diverso: la gente può fumare o non fumare, fare o
non fare ginnastica. Ma DEVE mangiare. E se comunque gli diamo una
informazione errata...

[flame on]
Tra parentesi visto che segnali un sito, ti segnalo delle carenze e
un'errore grossolano (per uno che dovrebbe essere del mestiere).
Partiamo dall'errore: citi "Grassi, oli e condimenti: la margarina contiene
gli stessi grassi (e spesso le stesse calorie) del burro."
Ma quando mai? L'hai letto sui tuoi libroni? Dovesti invece segnalare la
presenza di grassi idrogenati e la loro pericolosità. Molto meglio il
burro!!!!

"Cereali, riso e pasta: i cereali dovrebbero costituire la base di un'
alimentazione naturale e salutare. Per perdere peso occorre però assumere
cereali con moderazione, sostituendoli con frutta e verdura. Preferire il
pane integrale al posto del pane lavorato. La pasta è un cibo che permette
un buon controllo del peso, ma attenzione alle dimensioni delle porzioni e
ai condimenti."

I cereali dovrebbero essere la base, ma bisogna consumarli con moderazione?
Ti decidi?
La pasta è un cibo che permette un buon controllo del peso???? Sei sicuro?
Basta mangiarne poca? Ma va?

"Bevande": segnali la pericolosità delle bevande alcoliche, ma glissi sulle
bevande zuccherate (parli della "cola", come se fosse l'unica; inoltre per
come é scritto sembra che sia la "cola" che fa ingrassare, e non gli
zuccheri; il messaggio che passa é quello).

Per il resto IMHO direi che va bene (come indicazioni generali, ma qui siamo
sul banale), sono le percentuali dei macronutrienti che (sempre IMHO) sono
un po' "datate". E poi questa paranoia sui grassi...
Ma d'altronde, se i tuoi riferimenti sono quelli universitari che hai
studiato tu...
[flame off]
Post by Lorenzo®
--
Ciao
Lorenzo R.
http://www.ildietista.it
BYE
Marcello
Lorenzo®
2004-09-24 14:27:30 UTC
Permalink
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
CUT
Post by Marcello C.
Quando dici che non esistono i complotti delle multinazionali pensa
meglio
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
al ruolo che hai TU come ingranaggio ben oliato....
Parlando di complotti internazionali, che fanno rima con pippe mentali.
Non rispondi... leggi almeno? Parli dell'arroganza altrui ma non sei molto
diverso :-(
Cos'è arroganza non considerare una domanda poco interessante?
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
Spostiamoci più in basso, credi che i produttori di cereali
piangano con il 70% della produzione che va a sfamare
animali da macello?
Io vedo più margini per i venditori di carni e grassi.
E' sempre la stessa zuppa: la concorrenza. Secondo te le farine animali chi
le ha inventate? E poi ognuno si ritaglia la sua fetta di mercato: hai mai
visto una pubblicità per mangimi animali? Non decidono gli animali, decide
l'allevatore: quindi lui sceglie quello che costa meno. FINE. Invece i
margini di una merendina? La invento, la pubblicizzo, e se ha successo anche
se ha un costo (relativamente) alto ci faccio dei margini notevolmente
maggiori che non vendere un cereale crudo a una mucca (dove comunque ci
guadagno, of course...).
Ma conosci i costi di sviluppo di una merendina,
penso che i mangimi abbiano margini più bassi ma
volumi enormemente più alti.
Percui ne tu ne io possiamo smentirci.
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
Che devo pensare che di conseguenza ci sia
la fantomatica lobby delle multinazionali di carne e formaggi,
che sono generalmente molto più costosi ed ad alto margine?
E allora perché il grosso della pubblicità viene fatta sui carboidrati?
Se ne consumano tradizionalmente di più, inoltre più pubblicità
spesso è sinonimo di sofferenza, quale azienda spenderebbe miliardi
con fatturati in crescita, in pubblicità?
Hai notato quanto sta spendendo la Barilla ultimamente in pubblicità?


E
Post by Xlater
poi che cosa pubblicizzi di un petto di pollo? Un petto di pollo é un petto
di pollo; quel poco che si vede punta esclusivamente sulla qualità, non su
fantomatiche proprietà del prodotto in sé (cosa avrà mai di speciale su un
petto di pollo della concorrenza?).
Siamo nel periodo successivo dello scandalo della
mucca pazza, sono schizzati i fatturati delle carni
bianche, percui quale idiota si metterebbe a gettare soldi in pubblicità?

Poi i cereali che fantomatiche qualità vantano,
non mi sembra che la pubblicità spinga nel valore aggiunto.


Le pubblicità inoltre guarda caso sono
Post by Xlater
appunto anche qui sui prodotti "lavorati": il tenerone, la cotoletta
impanata... tutti prodotti (dubbi) dove conta l'impressione del valore
aggiunto. Vai a vedere i costi singoli di fettina-uovo-pangrattato e di una
cotoletta già pronta....
Li il target è chi non ha tempo di cucinare.
Post by Xlater
E poi secondo te le lobby sulle carni non ci sono? Sei propio ingenuo.
Magari non sono potenti come quelle delle merendine, ma sono sufficienti
negli USA a far passare gli ormoni....
Peccato, non hai capito l'ironia.
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
E poi io come ingranaggio che potere ho
sui consumi alimentari della popolazione?
Allora la gente da te cosa ci viene a fare?
Da me non viene nessuno,
lavoro in un altro settore molto più specilistico.
Post by Xlater
I dietologi non sono comunque dei riferimenti quando parlano di mangiare?
In che pianeta?
Guarda magari la gente prendesse alla lettera i consigli medici.

Se poi ti riferisci, , a quei tre quattro poveretti
che fanno passare in televisione allora capisco l'astio di Xlater.
Non puoi prendere come riferimento quelle fonti, hanno 5 minuti
non devono parlare male di prodotti pubblicizzati, devono essere
generici ecc ecc come puoi pensare ingenuamente che si possano anche
lontanamente
qualificare con tre parole tra uno spot e l'altro?

Cambia fonti, già comprarti un libro sarebbe un passo avanti,
se vuoi posso consigliarti sul lato oscuro delle teorie della
mediterranea.
Post by Xlater
E poi sei il primo a dire "ho studiato così, ho i tomi, quarant'anni di
studi". Non ti poni nemmeno il problema dell'aggiornamento (problema molto
sentito nella classe medica), dato che non ne hai mai nemmeno accennato.
Che ne sai cosa faccio io, dimmi ipotizzi per stereotipi anche tu?

Non ti ho detto che ho una moto, per questo pensi che non ne abbia una?

Non ti ho detto che faccio 100 vasche a settimana e 8 Km di corsa
e 4 ore di pesistica, perchè non ti ho detto questo mi pensavi
il dietologo ciccione?
Post by Xlater
Però se IO leggo che la teoria del colesterolo é basata su esperimenti sui
conigli se permetti mi incazzo.
Mi incazzo anch'io se pensi che il discorso si fermi li,
come è fastidioso pensare che con le poche conoscenze che
hai tu e molti altri ti metti a tirare le conclusioni e valutazioni.

La salute è una cosa personale,
percui chi pratica low carb oltre i 6 mesi
è semplicemente una cavia.
Post by Xlater
E tu invece vai avanti per la tua strada.
Quando quelli come te vanno in televisione a parlare della pasta, non hanno
un potere enorme?
Credi?
Non sento mai la gente interessata alla nutrizione,
mentre è molto interessata al chiletto sui fianchi in meno,
roba da medicina estetica.
Post by Xlater
Post by Lorenzo®
Tutti i medici dicono che fumare fa male,
è limpido e lampante ma con ciò le donne fumano
e stanno raddoppiando i casi di tumore ai polmone.
Quale medico dice che fare attività fisica non faccia
bene, ma quasi nessuno lo fa; ti dico se non ci fossero
problematiche estetiche non penso che più di 1 persona
su 500 si metta a fare attvità.
Qui se permetti é un po' diverso: la gente può fumare o non fumare, fare o
non fare ginnastica. Ma DEVE mangiare. E se comunque gli diamo una
informazione errata...
Se parli di alimentazione, spiegami cosa intendi per
informazione errata?
Post by Xlater
[flame on]
FLAME OFF

Come sai bene i flame sono roba da Troll,
percui meglio spegnerli sul nascere.

Comunque come ho detto migliaia di volte
la parte scritta al centro non è mia è da aggiornare
e serve da riempitivo per i link molto più interessanti.
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Marcello C.
2004-09-27 13:21:09 UTC
Permalink
"Lorenzo�" <***@x.it> ha scritto nel messaggio news:m9W4d.240$***@news3.tin.it...
CUT
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Non rispondi... leggi almeno? Parli dell'arroganza altrui ma non sei molto
diverso :-(
Cos'è arroganza non considerare una domanda poco interessante?
Intanto l'educazione a considerare l'interlocutore;
secondo dai l'impressione di non avere uno straccio di opinione su una
questione importante (cosa che invece ritieni "poco interessante");
perlomeno dimostri grossa miopia; :-(

CUT
Post by Lorenzo®
Ma conosci i costi di sviluppo di una merendina,
penso che i mangimi abbiano margini più bassi ma
volumi enormemente più alti.
Percui ne tu ne io possiamo smentirci.
I costi di sviluppo di una merendina? ROTFL
Me li vedo fior di scienziati: magari ci sono, però a cercare di farci
mangiare quancosa che costi poco e renda molto...
E tutti 'sti investimenti in un settore in contrazione?
CUT
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
E allora perché il grosso della pubblicità viene fatta sui carboidrati?
Se ne consumano tradizionalmente di più, inoltre più pubblicità
spesso è sinonimo di sofferenza, quale azienda spenderebbe miliardi
con fatturati in crescita, in pubblicità?
Hai notato quanto sta spendendo la Barilla ultimamente in pubblicità?
Sofferenza? Hai presente i bilanci delle varie Nestlé, Unilever, Danone? La
pubblicità é proprio per attirare il mercato che c'é. Su un mercato in
sofferenza investi tutti quei miliardi? E poi un marketing serio ne crea di
nuovi.
Post by Lorenzo®
E
Post by Marcello C.
poi che cosa pubblicizzi di un petto di pollo? Un petto di pollo é un
petto
Post by Marcello C.
di pollo; quel poco che si vede punta esclusivamente sulla qualità, non su
fantomatiche proprietà del prodotto in sé (cosa avrà mai di speciale su un
petto di pollo della concorrenza?).
Siamo nel periodo successivo dello scandalo della
mucca pazza, sono schizzati i fatturati delle carni
bianche, percui quale idiota si metterebbe a gettare soldi in pubblicità?
:-( Il petto di pollo era un esempio. Sostituisci petto di pollo con
hamburger di manzo se serve a farti capire il concetto.
Post by Lorenzo®
Poi i cereali che fantomatiche qualità vantano,
non mi sembra che la pubblicità spinga nel valore aggiunto.
Infatti le pubblicità non parlano delle "qualità del prodotto" quando si
parla di merendine (o non di quello che uno si aspetta). E poi guai a
parlare del valore aggiunto (che é la maggior parte del valore...) :-(
Come per le cotolette impanate conta il ricarico.
Post by Lorenzo®
Le pubblicità inoltre guarda caso sono
Post by Marcello C.
appunto anche qui sui prodotti "lavorati": il tenerone, la cotoletta
impanata... tutti prodotti (dubbi) dove conta l'impressione del valore
aggiunto. Vai a vedere i costi singoli di fettina-uovo-pangrattato e di
una
Post by Marcello C.
cotoletta già pronta....
Li il target è chi non ha tempo di cucinare.
Intanto la pubblicità non parla di tempo risparmiato.
CMQ allora la mancanza di tempo vale anche per le merendine... Chi ha il
tempo di farsi una torta?
Bisogna ragionare in termini di valide ed economiche alternative (oltre che
sane).
CMQ il top l'ho visto con le torte da cuocere: ma non quelle nella
scatoletta con gli ingredienti (a cui devi sempre aggiungere qualcosa) ma la
busta con l'impasto già pronto da versare nella teglia: orripilante!!!
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
E poi secondo te le lobby sulle carni non ci sono? Sei propio ingenuo.
Magari non sono potenti come quelle delle merendine, ma sono sufficienti
negli USA a far passare gli ormoni....
Peccato, non hai capito l'ironia.
Francamente nella tua risposta originale di ironia ne vedevo poca.
E comunque non é la prima volta che ti rifugi nell'ironia quando nn azzecchi
una risposta.

CUT
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Allora la gente da te cosa ci viene a fare?
Da me non viene nessuno,
lavoro in un altro settore molto più specilistico.
Meno male... :-)
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
I dietologi non sono comunque dei riferimenti quando parlano di mangiare?
In che pianeta?
Guarda magari la gente prendesse alla lettera i consigli medici.
Magari quando ci azzeccano... (qui gli aneddoti si sprecherebbero).
Post by Lorenzo®
Se poi ti riferisci, , a quei tre quattro poveretti
che fanno passare in televisione allora capisco l'astio di Xlater.
Non puoi prendere come riferimento quelle fonti, hanno 5 minuti
non devono parlare male di prodotti pubblicizzati, devono essere
generici ecc ecc come puoi pensare ingenuamente che si possano anche
lontanamente
qualificare con tre parole tra uno spot e l'altro?
Potrei essere d'accordo se nn le sparassero comunque troppo grosse. E poi
nella confusione generale c'é sempre una costante: mangiate pasta!!!
Post by Lorenzo®
Cambia fonti, già comprarti un libro sarebbe un passo avanti,
se vuoi posso consigliarti sul lato oscuro delle teorie della
mediterranea.
Pensa, ne ho già comprati diversi di alimentazione. E comunque esistono le
biblioteche...
Il lato oscuro delle teorie della mediterranea lo conosco già.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
E poi sei il primo a dire "ho studiato così, ho i tomi, quarant'anni di
studi". Non ti poni nemmeno il problema dell'aggiornamento (problema molto
sentito nella classe medica), dato che non ne hai mai nemmeno accennato.
Che ne sai cosa faccio io, dimmi ipotizzi per stereotipi anche tu?
Veramente é così che ti poni tu (sopratutto nei confronti di Xlater); in un
post gli hai rinfacciato proprio questo (io ho studiato di qua e di là; ho i
libri...) Me lo ricordo bene. Aggiornamento nada?
Post by Lorenzo®
Non ti ho detto che ho una moto, per questo pensi che non ne abbia una?
Non ti ho detto che faccio 100 vasche a settimana e 8 Km di corsa
e 4 ore di pesistica, perchè non ti ho detto questo mi pensavi
il dietologo ciccione?
Faccio come fai tu: BLABLABLABLABLA....
C'entra qualcosa con l'alimentazione?
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Però se IO leggo che la teoria del colesterolo é basata su esperimenti sui
conigli se permetti mi incazzo.
Mi incazzo anch'io se pensi che il discorso si fermi li,
come è fastidioso pensare che con le poche conoscenze che
hai tu e molti altri ti metti a tirare le conclusioni e valutazioni.
Adesso gli stereotipi li fai tu: cosa ne sai di quello che faccio io, di
come passo il mio tempo, di quello che leggo, di quanto nuoto o pedalo?
Post by Lorenzo®
La salute è una cosa personale,
percui chi pratica low carb oltre i 6 mesi
è semplicemente una cavia.
Visti i risultati sono fellicissimo di fare da cavia su me stesso.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
E tu invece vai avanti per la tua strada.
Quando quelli come te vanno in televisione a parlare della pasta, non
hanno
Post by Marcello C.
un potere enorme?
Credi?
Non sento mai la gente interessata alla nutrizione,
mentre è molto interessata al chiletto sui fianchi in meno,
roba da medicina estetica.
Anche qui fai finta di non sapere qual'é il messaggio che passa: la pasta
non deve mancare!!!

CUT
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Qui se permetti é un po' diverso: la gente può fumare o non fumare, fare o
non fare ginnastica. Ma DEVE mangiare. E se comunque gli diamo una
informazione errata...
Se parli di alimentazione, spiegami cosa intendi per
informazione errata?
Vedi sopra.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
[flame on]
FLAME OFF
Come sai bene i flame sono roba da Troll,
percui meglio spegnerli sul nascere.
Comunque come ho detto migliaia di volte
la parte scritta al centro non è mia è da aggiornare
e serve da riempitivo per i link molto più interessanti.
Bè, allora consiglia al tuo socio di rimediare il fretta (adesso non
tediarci col fatto che non é un tuo socio, per favore).
Post by Lorenzo®
--
Ciao
Lorenzo R.
http://www.ildietista.it SITO IN AGGIORNAMENTO
CMQ nn ho più voglia di andare avanti in questo thread.
Ti saluto.

BYE
Marcello
Lorenzo®
2004-09-28 12:20:25 UTC
Permalink
Post by Marcello C.
Intanto l'educazione a considerare l'interlocutore;
Ti leggo, ma non rispondo a ciò che non trovo interessante.
Altri lo fanno con me ed io non mi metto a discutere sull'educazione.
Post by Marcello C.
secondo dai l'impressione di non avere uno straccio di opinione su una
questione importante (cosa che invece ritieni "poco interessante");
perlomeno dimostri grossa miopia; :-(
Potrei avere un opinione,
ma non trovo la discussione interessante.
Post by Marcello C.
I costi di sviluppo di una merendina? ROTFL
Me li vedo fior di scienziati: magari ci sono, però a cercare di farci
mangiare quancosa che costi poco e renda molto...
E tutti 'sti investimenti in un settore in contrazione?
Intendo tutto il processo dalla produzione alla commercializzazione.
Post by Marcello C.
Sofferenza? Hai presente i bilanci delle varie Nestlé, Unilever, Danone? La
pubblicità é proprio per attirare il mercato che c'é. Su un mercato in
sofferenza investi tutti quei miliardi? E poi un marketing serio ne crea di
nuovi.
Non conosci molto le logiche aziendali.
Quando un'azienda (seria) non vende investe proprio nel commerciale,
aumenta gli agenti ed investe in pubblicità, sempre meno rischioso e costoso
che proporre nuovi prodotti.
Un marketing serio cerca di prendersi le quote di mercato della concorrenza.
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Li il target è chi non ha tempo di cucinare.
Intanto la pubblicità non parla di tempo risparmiato.
ROTFL
Non guardi la televisione?
...5 minuti solo cinque minuti...
Post by Marcello C.
CMQ il top l'ho visto con le torte da cuocere: ma non quelle nella
scatoletta con gli ingredienti (a cui devi sempre aggiungere qualcosa) ma la
busta con l'impasto già pronto da versare nella teglia: orripilante!!!
Puah
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
E poi secondo te le lobby sulle carni non ci sono? Sei propio ingenuo.
Magari non sono potenti come quelle delle merendine, ma sono sufficienti
negli USA a far passare gli ormoni....
Peccato, non hai capito l'ironia.
Francamente nella tua risposta originale di ironia ne vedevo poca.
E comunque non é la prima volta che ti rifugi nell'ironia quando nn azzecchi
una risposta.
Uso spesso l'ironia nelle risposte, la prossima volta anteporrò (IRONIA ON).
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Allora la gente da te cosa ci viene a fare?
Da me non viene nessuno,
lavoro in un altro settore molto più specilistico.
Meno male... :-)
Meno male cosa?
Intendi che non sono capace o qualificato a fare il dietologo?
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
In che pianeta?
Guarda magari la gente prendesse alla lettera i consigli medici.
Magari quando ci azzeccano... (qui gli aneddoti si sprecherebbero).
Se un giorno dovessi star male, ti consiglio di andare a farti curare
da un tuo collega medico autodidatta.

Se non ti fidi dei medici che cavolo ci vai a fare? (IRONIA OFF)
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Se poi ti riferisci, , a quei tre quattro poveretti
che fanno passare in televisione allora capisco l'astio di Xlater.
Non puoi prendere come riferimento quelle fonti, hanno 5 minuti
non devono parlare male di prodotti pubblicizzati, devono essere
generici ecc ecc come puoi pensare ingenuamente che si possano anche
lontanamente
qualificare con tre parole tra uno spot e l'altro?
Potrei essere d'accordo se nn le sparassero comunque troppo grosse. E poi
nella confusione generale c'é sempre una costante: mangiate pasta!!!
Tu cosa diresti?
Post by Marcello C.
Il lato oscuro delle teorie della mediterranea lo conosco già.
Sicuro?
Post by Marcello C.
Veramente é così che ti poni tu (sopratutto nei confronti di Xlater); in un
post gli hai rinfacciato proprio questo (io ho studiato di qua e di là; ho i
libri...) Me lo ricordo bene. Aggiornamento nada?
Ignori che è obbligatorio come ignori quello che faccio io,
che contatti ho all'Università e con chi collaboro,
come in quale settore mi sto specializzando.
Ho tenuto e tengo corsi per colleghi,
l'aggiornamento tecnico scientifico su alcune metodologie lo faccio io.

Percui le supposizioni tienitele per te
che oltre che essere un dilettante del settore
ti metti a fare supposizioni sulle mie qualifiche professionali
e sui corsi di aggiornamento che dovrei seguire.
Post by Marcello C.
Faccio come fai tu: BLABLABLABLABLA....
C'entra qualcosa con l'alimentazione?
Certo dimostra che non mi conosci e che per
stereotipi mi immagineresti il "medicociccionefumatorebevitoresedentario"
che pontifica sui 50 gr di pasta.
Stereotipo creato da altri e spesso usato per
classificare in modo dispregiativo, facendo di
un erba un fascio, la classe dei nutrizionisti.
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Però se IO leggo che la teoria del colesterolo é basata su esperimenti
sui
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
conigli se permetti mi incazzo.
Mi incazzo anch'io se pensi che il discorso si fermi li,
come è fastidioso pensare che con le poche conoscenze che
hai tu e molti altri ti metti a tirare le conclusioni e valutazioni.
Adesso gli stereotipi li fai tu: cosa ne sai di quello che faccio io, di
come passo il mio tempo, di quello che leggo, di quanto nuoto o pedalo?
Una delle tre:

O è un tentativo maldestro di
gettare fango sugli studi del colesterolo portando ad
esempio un singolo studio su animali, tacendo su tutti gli
altri studi e correlazioni.
(Ipotesi che ne sai qualcosa ma posti cercando il discredito)

Oppure è quello il solo articolo scientifico
sul quale pensi sia basato il consiglio di regolazione
di assunzione di colesterolo.
(ipotesi di semitotale ignoranza della materia)

Oppure non sai nulla di colesterolemia,
scopiazzi da siti low carb pareri altrui,
li posti ad effetto cercando di far intendere
che la sai lunga sulla nutrizione (tra l'altro sei in buona compagnia qui
dentro).
(ipotesi di intelletto in delega)
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
La salute è una cosa personale,
percui chi pratica low carb oltre i 6 mesi
è semplicemente una cavia.
Visti i risultati sono fellicissimo di fare da cavia su me stesso.
Pensa che prima che si scoprisse che il fumo
fosse cancerogeno c'era chi lo usava per
dimagrire ed aumentare la concentrazione.
Post by Marcello C.
Anche qui fai finta di non sapere qual'é il messaggio che passa: la pasta
non deve mancare!!!
Ripeto, tu al posto loro cosa diresti?
Post by Marcello C.
Bè, allora consiglia al tuo socio di rimediare il fretta (adesso non
tediarci col fatto che non é un tuo socio, per favore).
Il mio socio?
Chi Bordin??
Magari lo fosse, non ha scritto nulla con me,
aveva fatto un programma che calcolava il dispendio calorico
in modo piuttosto preciso, ora è off-line.
Post by Marcello C.
CMQ nn ho più voglia di andare avanti in questo thread.
Ti saluto.
Adesso lo scrivi?
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Xlater
2004-09-28 22:36:01 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
Ignori che è obbligatorio come ignori quello che faccio io,
che contatti ho all'Università e con chi collaboro,
come in quale settore mi sto specializzando.
Ho tenuto e tengo corsi per colleghi,
l'aggiornamento tecnico scientifico su alcune metodologie lo faccio io.
Percui le supposizioni tienitele per te
che oltre che essere un dilettante del settore
ti metti a fare supposizioni sulle mie qualifiche professionali
e sui corsi di aggiornamento che dovrei seguire.
Le supposizioni sono basate su quello che scrivi e come scrivi.

Una persona veramente esperta e competente avrebbe un atteggiamento
completamente diverso quando viene coinvolta in una discussione.
Prenderebbe le tesi dell'interlocutore, separando abilmente quello che
è giusto da quello che è dubbio e da quello che è sicuramente
sbagliato, e risponderebbe in modo costruttivo.

Non avrebbe bisogno, come fai tu, di appellarsi ai titoli e ai gradi,
screditare gli interlocutori, entrare nello specifico della vita
privata delle altre persone (lavoro, hobbies, famiglia) senza che
questo c'entri minimamente con la discussione.

Credo che una persona neutrale, che legge il ng, si sia accorta di
come te la svicoli quando sei a corto di argomenti, e di come sembri
molto più motivato a difendere le vecchie impostazioni che a capire
se c'è un'evoluzione e quale sia. Questo atteggiamento vagamente
oscurantista si nota abbastanza.

Non credo che tu appia particolare appeal tra quelli che leggendo il
ng cercano di capire sulla base degli argomenti, e non dei titoli.
Credo che di questi tu ne abbia convinti abbastanza pochi.
Le persone intelligenti non si fanno impressionare dal "lei non sa
chi sono io", che comunque è un atteggiamento che trovo di infima
caratura.

Un newsgroup è una comunità di utenti che si scambia reciprocamente
informazioni e mette a confronto le diverse idee. Personalmente ho
appreso moltissime cose da questo newsgroup, grazie agli interventi
di tutti coloro che segnalavano una notizia, uno studio, un link
ad una pagina web interessante, aggiungendoci i propri commenti e
le proprie conclusioni. Cerco anche io di dare il mio contributo.
Avere un professionista specializzato nella comunità pensavo che
potesse essere una risorsa preziosa. Ma devo dire che il tuo contributo
è stato sempre estremamente modesto, come quantità e come quantità.
Di tanti argomenti che sono stati trattati sul ng, raramente hai
messo una parola, nemmeno per il gusto di dimostrarti nei fatti
l'esperto che dovresti essere. Ti sei concentrato nella tua guerra
personale contro le diete low carb, e contro qualsiasi ipotesi che
potesse mettere in dubbio le tue Sacre Scritture; non ci sarebbe
niente di male in questo, se non fosse che i tuoi contributi sono
sempre stati all'altezza di link al sito di Stephen Barrett, o peggio
ancora. Il valore del tuo contributo è sotto gli occhi di tutti.

Invece di urlare ai quattro venti quanto sei bravo e specializzato,
dimostralo con i fatti. Ne dovresti sapere quanto basta per dire la tua
e mettere a tacere tutti in ognuno dei thread di questo ng.

Il rispetto per le proprie conoscenze si conquista mettendole sul
campo. Non con il "lei non sa chi sono io".


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Lorenzo®
2004-09-30 15:39:47 UTC
Permalink
"Xlater" <***@hotmail.com> ha scritto nel messaggio

Non credo sia necessario un avvocato a Marcello,
inoltre la prolissa paternale falla a tua figlia.

Se hai argomenti di nutrizione postali e non
ravvivare una discussione che è ormai già
OT di per se.
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Marcello C.
2004-09-29 07:29:41 UTC
Permalink
Nonostante abbia scritto che non voglio continuare il thread comunque
qualche dubbio lo volevo chiarire.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Intanto l'educazione a considerare l'interlocutore;
Ti leggo, ma non rispondo a ciò che non trovo interessante.
Altri lo fanno con me ed io non mi metto a discutere sull'educazione.
Il fatto di nn avere l'interlocutore davanti non ti esime dall'evitare
domande scomode o "non interessanti": é come se uno che hai davanti ti fa
una domanda e tu non rispondi (vedi ad es. REPORT con il sottoqualcosa del
ministero alla domanda sui danni del vino: gli era forse venuta una paresi?
:-)
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
secondo dai l'impressione di non avere uno straccio di opinione su una
questione importante (cosa che invece ritieni "poco interessante");
perlomeno dimostri grossa miopia; :-(
Potrei avere un opinione,
ma non trovo la discussione interessante.
Vedi sopra. CMQ mi sto facendo un'idea.
straCUT
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Allora la gente da te cosa ci viene a fare?
Da me non viene nessuno,
lavoro in un altro settore molto più specilistico.
Meno male... :-)
Meno male cosa?
Intendi che non sono capace o qualificato a fare il dietologo?
Permaloso... c'era la faccina :-)
Mi puoi togliere il dubbio di che lavoro fai?

straCUT
Post by Lorenzo®
--
Ciao
Lorenzo R.
http://www.ildietista.it
Lorenzo®
2004-09-30 15:39:48 UTC
Permalink
Post by Marcello C.
Il fatto di nn avere l'interlocutore davanti non ti esime dall'evitare
domande scomode o "non interessanti": é come se uno che hai davanti ti fa
una domanda e tu non rispondi (vedi ad es. REPORT con il sottoqualcosa del
ministero alla domanda sui danni del vino: gli era forse venuta una paresi?
:-)
Beh, questa è una discussione "aperta" e non diretta,
percui pensavo di poter spendere il tempo come meglio credevo,
non che abbia scarsa considerazione del prossimo.
Guarda, ripostami la domanda e farò uno sforzo.
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Allora la gente da te cosa ci viene a fare?
Da me non viene nessuno,
lavoro in un altro settore molto più specilistico.
Meno male... :-)
Meno male cosa?
Intendi che non sono capace o qualificato a fare il dietologo?
Permaloso... c'era la faccina :-)
Mi puoi togliere il dubbio di che lavoro fai?
Si avevo vagamente inteso :-)

Collaboro con una multinazionale che si occupa
di alimentazione infantile e nutrizione artificiale.
Il gruppo di riferimento è www.numico.com
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Marcello C.
2004-10-01 08:39:35 UTC
Permalink
CUT
Post by Lorenzo®
Beh, questa è una discussione "aperta" e non diretta,
percui pensavo di poter spendere il tempo come meglio credevo,
non che abbia scarsa considerazione del prossimo.
Guarda, ripostami la domanda e farò uno sforzo.
Fai uno sforzo in più, vediti i post precedenti...


CUT
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Mi puoi togliere il dubbio di che lavoro fai?
Collaboro con una multinazionale
***@ZZO LO SAPEVO (scusate ma quando ci vuole ci vuole...)
Uno che svicola le domande sulle multinazionali....
Post by Lorenzo®
che si occupa
di alimentazione infantile e nutrizione artificiale.
Il gruppo di riferimento è www.numico.com
E poi scusa, mi vieni a dire (cito parole tue)
"Intendi che non sono capace o qualificato a fare il dietologo?"
Potrai aver studiato, ma se non pratichi...
L'impressione che hai dato inizialmente é che tu facessi il dietologo
(promuovi pure un sito...)
Poi viene fuori che il sito non é tuo (o non tutto almeno), poi che non fai
il dietologo ma fai (anche) corsi,
e alla fine che lavori in una multinazionale.
Scusa, ma il diffidente (o per lo meno sospettoso) sono io.

Poi parliamoci chiaro, siamo sempre lì, uno può essere specializzato quanto
ti pare, ritenersi bravo, anche aggiornato, ma dipende dalle basi, e da dove
reperisce gli "aggiornamenti". Hai conttti con le università? Presumo
italiane. Quanta ricerca si fa in Italia? Hai visto tra i veri riferimenti
agli studi postati dai vari Xlater, GP, e altri (anche tu) UNO studio fatto
in Italia? NADA. Ho paura che l'aggiornamento é a senso unico, e se uno
"devia" lo prendono per pazzo (vedi andazzo corrente). Ribadisco: gli
interessi in ballo sono enormi e tu mi vieni a dire che le multinazionali
non fanno il gioco sporco? Ma fammi il favore!!! Anzi, mi sa che proprio tu
lo sai meglio di tutti.

A proposito della Numico: facendo una semplice ricerca con Google, ho
trovato delle cose interessanti:
a parte l'inserimento della Numico (con le sue sottomarche) nel
provvedimento antitrust sul prezzo del latte in polvere per bambini in
Italia :-((((
(come genitore ringrazio), ce un link al sito

http://www.lavocedeiconigli.it/lista_della_morte.htm

E' un sito che segnala le ditte che fanno esperimenti sugli animali dove
(guarda che caso) la Numico é segnalata per (riporto uno spezzone della
frase):

"...presso la quale erano stati effettuati esperimenti per verificare gli
effetti dei grassi alimentari sui ratti (fonte: EC 63/00, p,17 e
supplemento)"

TOH, che coincidenza!!! Non mi interessa in questa sede il fatto che si
facciano esperimenti sugli animali, quanto che sarebbe interessante proprio
sapere cosa é venuto fuori da quegli studi. Ma scommetto che naturalmente tu
non ne sai niente....
Post by Lorenzo®
--
Ciao
Lorenzo R.
http://www.ildietista.it
Sono tutto orecchi.
BYE
Marcello
Massimo B.
2004-10-01 14:47:30 UTC
Permalink
Post by Marcello C.
Hai visto tra i veri riferimenti
agli studi postati dai vari Xlater, GP, e altri (anche tu) UNO studio fatto
in Italia? NADA.
Come "NADA"? E gli studi del centro oncologico di Aviano che ho postato
svariate volte? [:-)]

Ciao!!!

Massimo

---
Ann Oncol. 1999;10 Suppl 6:61-3.

The role of energy and fat in cancers of the breast and colon-rectum in a
southern European population.

Franceschi S, Favero A.

Servizio di Epidemiologia, Centro di Riferimento Oncologico, Aviano, Italy.
***@ets.it

"CONCLUSIONS: An excess of energy intake, particularly from refined bread
and pasta, can be an unfavourable feature of the Mediterranean diet, in the
presence of a sedentary lifestyle."

---
Int J Cancer. 1997 Jul 3;72(1):56-61.

Food groups and risk of colorectal cancer in Italy.

Franceschi S, Favero A, La Vecchia C, Negri E, Conti E, Montella M, Giacosa
A, Nanni O, Decarli A.

Servizio di Epidemiologia, Centro di Riferimento Oncologico, Aviano (PN),
Italy. ***@ets.it

"Our findings lead us to reconsider the role of starchy foods and refined
sugar in light of recent knowledge on the digestive physiology of
carbohydrates and the insulin/colon cancer hypothesis."
---
Eur J Cancer Prev. 1998 May;7 Suppl 2:S19-23.

Italian study on colorectal cancer with emphasis on influence of cereals.

Franceschi S, Favero A, Parpinel M, Giacosa A, La Vecchia C.
Servizio di Epidemiologia, Centro di Riferimento Oncologico, Aviano (PN),
Italy.

"In view of these findings, current hypotheses on the carcinogenic effects
of refined starchy foods and refined sugar should be revised to take into
account the digestive physiology of carbohydrates and the possible
relationship between insulin and colon cancer. The beneficial influence of
most vegetables is confirmed, and a possible difference between refined and
wholemeal bread is suggested."

---
Adv Exp Med Biol. 1999;472:51-5.

Energy sources and risk of cancer of the breast and colon-rectum in Italy.

Favero A, Parpinel M, Montella M.
Epidemiology Unit, Aviano Cancer Center, Italy.

"High intake of starch led to an increase of cancer risk (odds ratios for an
addition of 100 kcal/day were 1.08 and 1.10 for breast and colorectal cancer
respectively). A positive association was also found for saturated fat (odds
ratios 1.16 for breast and 1.12 for colorectal cancer). High intakes of
polyunsaturated fatty acids (chiefly derived from olive and seed oils) were
protective more markedly for breast cancer. A possible interpretation of the
risk for starch, implies the glycemic overload and hyperinsulinemia due to
the high grade of refinement of cereals (the main source of starch) eaten in
Italy."
---
Lancet. 1996 May 18;347(9012):1351-6.

Intake of macronutrients and risk of breast cancer.

Franceschi S, Favero A, Decarli A, Negri E, La Vecchia C, Ferraroni M, Russo
A, Salvini S, Amadori D, Conti E, et al.
Servizio di Epidemiologia, Centro di Riferimento Oncologico, Aviano, Italy.

"INTERPRETATION: This case-controls study shows that unsaturated fatty acids
protect against breast cancer, possibly because intake of these nutrients is
closely correlated with a high intake of raw vegetables. The findings also
suggest a possible risk in southern European populations, of reliance on a
diet largely based on starch."


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Marcello C.
2004-10-04 08:18:13 UTC
Permalink
"Massimo B."
Post by Massimo B.
Post by Marcello C.
Hai visto tra i veri riferimenti
agli studi postati dai vari Xlater, GP, e altri (anche tu) UNO studio
fatto
Post by Marcello C.
in Italia? NADA.
Come "NADA"? E gli studi del centro oncologico di Aviano che ho postato
svariate volte? [:-)]
Ciao!!!
Massimo
Sorry. E' vero, qualcosa c'é.
BYE
Marcello
Lorenzo®
2004-10-01 16:44:43 UTC
Permalink
Post by Marcello C.
Fai uno sforzo in più, vediti i post precedenti...
Tu scrivevi:

OT per OT....


---Quando si ammette che le multinazionali spendono milioni (se non
miliardi)
---di dollari nella sola pubblicità, secondo te non fanno anche lobby e
cercano
---di condizionare in qualunque modo i contesti legislativi nazionali?

Possibile, ma non vedo il nesso;
al momento le multinazionali più potenti
e lobbystiche (passami il termine) sono le farmaceutiche e le alimentari.
Se il colesterolo alto rende per le farmaceutiche spiegami perchè
dare contro ad alimenti che alzano il colesterolo ematico?


---E in questo non c'entra la ricerca (e quindi la classe medica) e giù
tutti a
---dire "l'ha detto il dottore"?... Secondo te tutti i ricercatori sono
---"neutri"?

Per quanto certa ricerca sia pilotata e qualche revisore non
è da considerare "puro" in linea di masssima la ricerca è
abbastanza svincolata dagli interessi, che poi certe ricerche interne
vengano spinte alla classe medica è un altro discorso.



---Guarda con il tabacco: sta venendo fuori che le multinazionali (a
ridaglie)
---sapevano tutto sugli effetti della nicotina dagli anni '50, e hanno
taciuto
---e si sono comportate all'esatto contrario del buonsenso "solo" per
aumentare
---il consumo di sigarette e quindi i profitti.

Qui la colpa è al 50% tra multinazionali e governo,
la FDA e molti altri enti sapevano da tempo ma gli interessi
economici erano e sono troppo alti.
Ma se parli di ricerca è da molti molti anni che si mette il fumo
come pericoloso per la salute e da molti anni i medici lo dicono.


---La guerra in IRAQ: fini umanitari o petrolio?

Umanitari 5% petrolio 60% reazione cieca di Bush verso l'11 settembre 35%.

---L'apertura al WTO della Cina chi l'ha voluto? Chi é che ci guadagna? Io e
te
---no di sicuro...

Io no, la multinazionale per cui lavoro si stà fregando le mani.
In ogni caso è un grosso mercato per il made in Italy,
se ci aiuta ad uscire dalla crisi ben venga.
Purtroppo gli operai e gli artigiani saranno sacrificati
e dovremmo convertirci alla qualità dei mercati di nicchia ed
ai servizi.
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Collaboro con una multinazionale
Uno che svicola le domande sulle multinazionali....
Già sono qui a complottare,
ROTFL
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
che si occupa
di alimentazione infantile e nutrizione artificiale.
Il gruppo di riferimento è www.numico.com
E poi scusa, mi vieni a dire (cito parole tue)
"Intendi che non sono capace o qualificato a fare il dietologo?"
Potrai aver studiato, ma se non pratichi...
Non pratico a tempo pieno.
Post by Marcello C.
L'impressione che hai dato inizialmente é che tu facessi il dietologo
(promuovi pure un sito...)
Sono dietologo.
Post by Marcello C.
Poi viene fuori che il sito non é tuo (o non tutto almeno),
E mio al 100%, Bordin mi aveva dato un programmino
ed io l'ho messo on-line, nulla di più.

poi che non fai
Post by Marcello C.
il dietologo ma fai (anche) corsi,
certo, insegno metodologie di diagnostica della composizione
corporea, mi interesso di molte cose che c'è di male?
Post by Marcello C.
e alla fine che lavori in una multinazionale.
Scusa, ma il diffidente (o per lo meno sospettoso) sono io.
Di cosa sospetti, delle mie qualifiche?
Oppure credi che sia dalla parte delle multinazionali
alimentari solo perchè ci lavoro, sei un filo prevenuto.
Post by Marcello C.
Poi parliamoci chiaro, siamo sempre lì, uno può essere specializzato quanto
ti pare, ritenersi bravo, anche aggiornato, ma dipende dalle basi, e da dove
reperisce gli "aggiornamenti". Hai conttti con le università?
Si.

Presumo
Post by Marcello C.
italiane.
Già.

Quanta ricerca si fa in Italia?

Poca, mancano i fondi.

Hai visto tra i veri riferimenti
Post by Marcello C.
agli studi postati dai vari Xlater, GP, e altri (anche tu) UNO studio fatto
in Italia?
Quindi sputeresti sopra agli studiosi Italiani perchè non hanno
i mezzi economici per pubblicare o fare ricerca?
Chiedi a GP quanto è facile fare ricerca in Italia.


NADA. Ho paura che l'aggiornamento é a senso unico, e se uno
Post by Marcello C.
"devia" lo prendono per pazzo (vedi andazzo corrente). Ribadisco: gli
interessi in ballo sono enormi e tu mi vieni a dire che le multinazionali
non fanno il gioco sporco? Ma fammi il favore!!! Anzi, mi sa che proprio tu
lo sai meglio di tutti.
Le multinazionali fanno i loro interessi, di giochi sporchi
è pieno il mondo e sono il primo a condannare sia le multinazionali
che gli organismi di controllo compiacenti.
Post by Marcello C.
A proposito della Numico: facendo una semplice ricerca con Google, ho
a parte l'inserimento della Numico (con le sue sottomarche) nel
provvedimento antitrust sul prezzo del latte in polvere per bambini in
Italia :-((((
(come genitore ringrazio), ce un link al sito
Già, e se guardi è il secondo provvedimento che fanno.
Io spero sia condannata nuovamente e che il latte sia venduto a
prezzo europeo, permettimi di sottolieare l'IVA imposta
che è al 10% e non al 4% come molti altri prodotti alimentari.

Ad ogni buon conto è una cosa che riguarda il commerciale,
sarei stato più interessato a qualche provvedimento sulla
qualità o dannosità di alcune tipologie di latte.
Post by Marcello C.
http://www.lavocedeiconigli.it/lista_della_morte.htm
ROTFL
La voce dei conigli, ecco le fonti...
Non era, meglio l'urlo del coniglio?
Post by Marcello C.
E' un sito che segnala le ditte che fanno esperimenti sugli animali dove
(guarda che caso) la Numico é segnalata per (riporto uno spezzone della
"...presso la quale erano stati effettuati esperimenti per verificare gli
effetti dei grassi alimentari sui ratti (fonte: EC 63/00, p,17 e
supplemento)"
TOH, che coincidenza!!! Non mi interessa in questa sede il fatto che si
facciano esperimenti sugli animali, quanto che sarebbe interessante proprio
sapere cosa é venuto fuori da quegli studi. Ma scommetto che naturalmente tu
non ne sai niente....
Scommetti bene, hai idea di quanto è grossa e frammentata una
multinazionale?

"Numico Research comprises over 250 scientists
These scientists operate in four dedicated research
centres in The Netherlands, Germany, UK and Australia."

Io collaboro da vicino con http://www.shsweb.co.uk/
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Xlater
2004-10-04 08:56:48 UTC
Permalink
Post by Lorenzo®
Possibile, ma non vedo il nesso;
al momento le multinazionali più potenti
e lobbystiche (passami il termine) sono le farmaceutiche e le alimentari.
Se il colesterolo alto rende per le farmaceutiche spiegami perchè
dare contro ad alimenti che alzano il colesterolo ematico?
Non è il "colesterolo alto" a rendere, bensì è la "fobia del
colesterolo" a fare profitti per l'una e per l'altra.
E' la fobia del colesterolo a far dichiarare "a rischio" tutti i
soggetti con colesterolo totale maggiore di 200 (un valore medio,
addirittura bassino) traformando così una grandissima quantità di
persone perfettamente sane in pazienti ed acquirenti di farmaci
che abbassano il colesterolo (oltre a causare una marea di effetti
collaterali).

E' la "fobia del colesterolo" a permettere all'industria alimentare
di proporre cibi "a basso contenuto di colesterolo" o "che abbassano
il colesterolo", inducendo i consumatori ad acquistare margarina
invece del burro, surrogati di uova trattati in laboratorio invece
di uova vere e fresche, polpette di soia invece di bistecche, olio
di semi da due lire invece del buon olio EVO. Tutti cibi venduti
spesso a prezzi paragonabili alla loro controparte "vera", ma con
costi di produzione decine e decine di volte inferiori.

Vedi? Non c'è bisogno del colesterolo "alto". Tanto il livello per cui
è alto lo decidono loro. Al resto pensa la pubblicità. Quanta gente
che sta benissimo oggi compra entusiasticamente cibi che "abbassano
il colesterolo", senza sapere che un livello di colesterolo troppo
basso è un pericolo ENORME per la salute?
Quanta gente sa qual è il meccanismo per cui una dieta ricca di
polinsaturi e povera di saturi abbassa il colesterolo? Quanta gente
sa che è tutt'altro che salutare abbassare il colesterolo in quel
modo?

Questa non è solo ignoranza da parte della gente. La gente è stata
sottoposta ad una valanga di informazioni sbagliate e fuorvianti.
Con quale coraggio lo neghi?

E tu come lo chiami questo dare informazioni fasulle ai consumatori,
determinandone i comportamenti nelle scelte, a detrimento della loro
stessa salute? Forse hai ragione, non è un "complotto": è stato fatto
tutto alla luce del sole. Resta il fatto che io la giudico una cosa
vergognosa.

Tu invece minimizzi e di fatto, con il tuo notorio "obiettivo numero
uno" te ne fai complice al 100%.


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Lorenzo®
2004-10-04 09:49:47 UTC
Permalink
"Xlater" <***@hotmail.com> ha scritto nel messaggio

CUT

Sulla disinformazione che crea una buona base di
consumatori pecoroni sono daccordo con te,
come sono daccordo sulla mancanza di informazione
sulla tipologia dei grassi e sulla industrializzazzione delle
produzioni agricole.

Non so se vedi mai la domenica i programmi
che mostrano i lati umani della produzione
alimentare industriale, ti assicuro che dietro è
una situazione ricchissima di sofisticazioni di ogni genere.

Sai che si sofistica con facilità l'olio EVO
sparandoci diluito olio di mandorle e noccioli
di pesche, si deacidifica e si vende ad alto prezzo.

Questo l'avrai già letto:
http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=93
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Marcello C.
2004-10-05 07:31:46 UTC
Permalink
Post by Marcello C.
Post by Marcello C.
Fai uno sforzo in più, vediti i post precedenti...
OT per OT....
---Quando si ammette che le multinazionali spendono milioni (se non
miliardi)
---di dollari nella sola pubblicità, secondo te non fanno anche lobby e
cercano
---di condizionare in qualunque modo i contesti legislativi nazionali?
Possibile, ma non vedo il nesso;
al momento le multinazionali più potenti
e lobbystiche (passami il termine) sono le farmaceutiche e le alimentari.
Se il colesterolo alto rende per le farmaceutiche spiegami perchè
dare contro ad alimenti che alzano il colesterolo ematico?
Non vedi il nesso? Ma porc....
Post by Marcello C.
---E in questo non c'entra la ricerca (e quindi la classe medica) e giù
tutti a
---dire "l'ha detto il dottore"?... Secondo te tutti i ricercatori sono
---"neutri"?
Per quanto certa ricerca sia pilotata e qualche revisore non
è da considerare "puro" in linea di masssima la ricerca è
abbastanza svincolata dagli interessi, che poi certe ricerche interne
vengano spinte alla classe medica è un altro discorso.
E' ovvio che TUTTA la ricerca non é inquinata. A leggere la storia mi Mary
Enig però c'é da riflettere... .
Post by Marcello C.
---Guarda con il tabacco: sta venendo fuori che le multinazionali (a
ridaglie)
---sapevano tutto sugli effetti della nicotina dagli anni '50, e hanno
taciuto
---e si sono comportate all'esatto contrario del buonsenso "solo" per
aumentare
---il consumo di sigarette e quindi i profitti.
Qui la colpa è al 50% tra multinazionali e governo,
la FDA e molti altri enti sapevano da tempo ma gli interessi
economici erano e sono troppo alti.
Ma se parli di ricerca è da molti molti anni che si mette il fumo
come pericoloso per la salute e da molti anni i medici lo dicono.
Come dici tu é "da molti anni", ma che il fumo fa male non é "solo" da molti
anni, é da decenni che qualcuno sapeva.
Post by Marcello C.
---La guerra in IRAQ: fini umanitari o petrolio?
Umanitari 5% petrolio 60% reazione cieca di Bush verso l'11 settembre 35%.
Purtroppo é giusto
Post by Marcello C.
---L'apertura al WTO della Cina chi l'ha voluto? Chi é che ci guadagna? Io e
te
---no di sicuro...
Io no, la multinazionale per cui lavoro si stà fregando le mani.
In ogni caso è un grosso mercato per il made in Italy,
se ci aiuta ad uscire dalla crisi ben venga.
Purtroppo gli operai e gli artigiani saranno sacrificati
e dovremmo convertirci alla qualità dei mercati di nicchia ed
ai servizi.
Certo, basta convertirsi... Ma ti guardi in giro? La gente ha tirato i remi
in barca, ha cominciato a ridurre spese e consumi. Secondo te il futuro é
roseo?
Comunque siamo OT
Post by Marcello C.
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Collaboro con una multinazionale
Uno che svicola le domande sulle multinazionali....
Già sono qui a complottare,
ROTFL
Viste le risposte che dai, una mano lava l'alra....


CUT
Post by Marcello C.
Post by Marcello C.
L'impressione che hai dato inizialmente é che tu facessi il dietologo
(promuovi pure un sito...)
Sono dietologo.
Finalmente...
Post by Marcello C.
Post by Marcello C.
Poi viene fuori che il sito non é tuo (o non tutto almeno),
E mio al 100%, Bordin mi aveva dato un programmino
ed io l'ho messo on-line, nulla di più.
poi che non fai
Post by Marcello C.
il dietologo ma fai (anche) corsi,
certo, insegno metodologie di diagnostica della composizione
corporea, mi interesso di molte cose che c'è di male?
Nulla.
Mi consigli una bilancia impedenziometrica affidabile (se c'é) che misuri la
% di massa grassa?
Ultimamente ne ho viste che misurano anche la % di acqua. Che utilità ha una
misura del genere?
Post by Marcello C.
Post by Marcello C.
e alla fine che lavori in una multinazionale.
Scusa, ma il diffidente (o per lo meno sospettoso) sono io.
Di cosa sospetti, delle mie qualifiche?
No
Post by Marcello C.
Oppure credi che sia dalla parte delle multinazionali
alimentari solo perchè ci lavoro, sei un filo prevenuto.
Posso?

CUT
Post by Marcello C.
Le multinazionali fanno i loro interessi, di giochi sporchi
è pieno il mondo e sono il primo a condannare sia le multinazionali
che gli organismi di controllo compiacenti.
Insomma, complottano o no? E' qui che ti volevo. A Xlater dai del
paranoico... :-(


CUT
Post by Marcello C.
Già, e se guardi è il secondo provvedimento che fanno.
Io spero sia condannata nuovamente e che il latte sia venduto a
prezzo europeo, permettimi di sottolieare l'IVA imposta
che è al 10% e non al 4% come molti altri prodotti alimentari.
La differenza però non é solo il 6%... :-(
Post by Marcello C.
Ad ogni buon conto è una cosa che riguarda il commerciale,
sarei stato più interessato a qualche provvedimento sulla
qualità o dannosità di alcune tipologie di latte.
Ci dai qualche esempio? Così ci regoliamo. :-)
Post by Marcello C.
Post by Marcello C.
http://www.lavocedeiconigli.it/lista_della_morte.htm
ROTFL
La voce dei conigli, ecco le fonti...
Non era, meglio l'urlo del coniglio?
Che ridere, vero?
Post by Marcello C.
Post by Marcello C.
E' un sito che segnala le ditte che fanno esperimenti sugli animali dove
(guarda che caso) la Numico é segnalata per (riporto uno spezzone della
"...presso la quale erano stati effettuati esperimenti per verificare gli
effetti dei grassi alimentari sui ratti (fonte: EC 63/00, p,17 e
supplemento)"
TOH, che coincidenza!!! Non mi interessa in questa sede il fatto che si
facciano esperimenti sugli animali, quanto che sarebbe interessante
proprio
Post by Marcello C.
sapere cosa é venuto fuori da quegli studi. Ma scommetto che
naturalmente
Post by Marcello C.
tu
Post by Marcello C.
non ne sai niente....
Scommetti bene, hai idea di quanto è grossa e frammentata una
multinazionale?
Te la concedo.
Post by Marcello C.
"Numico Research comprises over 250 scientists
These scientists operate in four dedicated research
centres in The Netherlands, Germany, UK and Australia."
Io collaboro da vicino con http://www.shsweb.co.uk/
A proposito, la calcolatrice per il calcolo del BMI non funziona... :-(
Prova a impostare cm (o metri) e kg.
O sbaglio?
Post by Marcello C.
--
Ciao
Lorenzo R.
http://www.ildietista.it
BYE
Marcello
Lorenzo®
2004-10-05 15:35:12 UTC
Permalink
Post by Marcello C.
E' ovvio che TUTTA la ricerca non é inquinata. A leggere la storia mi Mary
Enig però c'é da riflettere... .
Mary Enig è molto abile.
Post by Marcello C.
Come dici tu é "da molti anni", ma che il fumo fa male non é "solo" da molti
anni, é da decenni che qualcuno sapeva.
Prima degli anni 50?
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Collaboro con una multinazionale
Uno che svicola le domande sulle multinazionali....
Già sono qui a complottare,
ROTFL
Viste le risposte che dai, una mano lava l'alra....
Non ho interessi personali.
Post by Marcello C.
Nulla.
Mi consigli una bilancia impedenziometrica affidabile (se c'é) che misuri la
% di massa grassa?
Ultimamente ne ho viste che misurano anche la % di acqua. Che utilità ha una
misura del genere?
In genere le bilance impedenziometriche fanno pena per una serie di motivi:

1 Piedi umidi cambiano i risultati sono più conduttivi
2 calli cambiano i risultati sono meno conduttivi
3 posto che non sia impostato un valore di massa grassa/magra per l'arco
delle gambe (in quanto la strada che percorre è la più breve)
4 superficie di contatto del piede è variabile

La percentuale di acqua è in genere correlata (male) con la valutazione
della massa magra,
massa muscolare + acqua; il problema è la valutazione dell'acqua intra ed
extra cellulare,
ovvero intracellulare è indice di massa muscolare e extra è semplicemente
ritenzione ed
edemi non attivi.

Purtroppo la valutazione dell'idratazione è sempre falsata.

Sono 2 gli impedenzimetri seri in commercio: quello della Akern e quello
della DS medica.
Usano superfici di contatto standard con adesivi e fino a 8 cavi conduttori,
hanno pacchi di validazioni internazionali e si riesce a valutare acqua
intra ed extra cellulare,
massa muscolare e massa grassa, per derivazione il metabolismo basale ed
addirittura
valutazioni segmentali, di un braccio o di una gamba.

Le due aziende hanno un sito.
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Le multinazionali fanno i loro interessi, di giochi sporchi
è pieno il mondo e sono il primo a condannare sia le multinazionali
che gli organismi di controllo compiacenti.
Insomma, complottano o no? E' qui che ti volevo. A Xlater dai del
paranoico... :-(
Complottano ma non credo stiano spingendo i carboidrati in modo
particolare, spingono tutto indifferentemente.
Che parte dei fatturati è legata ad i carboidrati è indubbio ma
complotti di alto livello non credo proprio, ti risottolineo
che il business vero è ora in Cina ed est europa, noi siamo
briciole.
Post by Marcello C.
CUT
Post by Lorenzo®
Già, e se guardi è il secondo provvedimento che fanno.
Io spero sia condannata nuovamente e che il latte sia venduto a
prezzo europeo, permettimi di sottolieare l'IVA imposta
che è al 10% e non al 4% come molti altri prodotti alimentari.
La differenza però non é solo il 6%... :-(
Certo, ma l'ipocrisia dello stato che mangia sopra ad i cittadini che tassa
è di diversi gradi maggiore a quello di multinazionali che fanno i loro
interessi commerciali.
La stessa che permette la vendita e tassa le sigarette.
Un salame od il formaggio sono al 4%, il latte è necessario perchè al 10%?
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
Ad ogni buon conto è una cosa che riguarda il commerciale,
sarei stato più interessato a qualche provvedimento sulla
qualità o dannosità di alcune tipologie di latte.
Ci dai qualche esempio? Così ci regoliamo. :-)
Latte in polvere Nestlè (beba) venduto in belgio contaminato da batterio
(in quanto in polvere non è sterile) muoiono 3 bambini in ospedale.

Latte in polvere di soya remedia in Israele prodotto da Humana
muoino 12 bambini a causa della mancanza di un minerale
non inserito nel latte (ma presente in etichetta!).

Latte Mellin Progress in Italia (non adattato), ovvero è un 100% caseinato
quando il
latte materno ha 40% di sieroproteine e 60% di caseine.
Praticamente il profilo proteico del latte vaccino ed è tra i più cari.

Tutte cose verificabili in rete.
Post by Marcello C.
Post by Lorenzo®
"Numico Research comprises over 250 scientists
These scientists operate in four dedicated research
centres in The Netherlands, Germany, UK and Australia."
Io collaboro da vicino con http://www.shsweb.co.uk/
A proposito, la calcolatrice per il calcolo del BMI non funziona... :-(
Prova a impostare cm (o metri) e kg.
O sbaglio?
Guardo ed aggiusto, ma penso sia un link rotto.
--
Ciao
Lorenzo R.

http://www.ildietista.it
Shadow76
2004-09-22 20:46:42 UTC
Permalink
Post by Xlater
E' normale che uno stato possa desiderare un certo comportamento da un
cittadino, in perfetta buona fede, per il bene comune.
Ricordate gli spot del tizio con la busta della spesa, cui tutti dicevano
"Grazie!"? Lo stato desiderava che i cittadini spendessero di più perché
(in un'ottica che non condivido, ma che è perfettamente in linea con
l'ideologia dell'attuale governo) l'economia del paese può trarre
giovamento da un incremento dei consumi. Lo si fa per il Bene Comune. Di
certo quel comportamento desiderato non risolve il mio problema personale
di mantenere la massima attenzione e la massima oculatezza se voglio
arrivare tranquillo a fine mese. Devo tagliare tutte le spese inutili e
risparmiare tutte le volte che posso. "Ma così crollano i consumi e
l'economia va a pallino!" Cavoli vostri: i soldi sono i miei!
Quoto. Anche perché, se oggi gli italiani consumano di più, ci saranno meno
risparmi per il futuro. Meno risparmi = meno possibilità di investimenti
futuri = un futuro di m***da per i nostri figli. Studiare economia politica
fa bene!
rusca_64
2004-09-23 09:02:23 UTC
Permalink
Post by Xlater
E' normale che uno stato possa desiderare un certo comportamento da un
cittadino, in perfetta buona fede, per il bene comune.
Credo che la "dieta di stato" vada interpretata in ottica analoga. Non
quello che sarebbe meglio per il singolo cittadino mangiare, ma quello che
i cittadini dovrebbero mangiare per il Bene Comune.
io non sarei cosi drastico ,
le tue considerazioni politico sociali possono essere condivisibili ,
sono legittime e hanno un buona base di verità ,
però devi anche capire quale è la cultura alimentare
del popolo italiano.
Facciamo un esempio come a te piace fare ,
se io parlo ad un ignorante di motori posso avere diversi approcci,
ma ad occhio quello che + ha impatto è quello che parte da 0
e cioè cominciare a parlare di differenti motori , spiegare cosa
è un combustione , ecc
poi magari + avanti si comincia a parlare di distribuzione ecc

io credo che l'approccio del ministero sia quello,
se al popolo parli di grassi essenziali , di risposte insuliniche
di glucagone ecc , quante persone pensi capiscano ?

quante persone credono ancora che mangiare mozzarella
corriponda a stare leggeri ? e senza grassi ?

e tu a questi cosa sapresti spiegare ....??
Post by Xlater
Quello che sorprende, semmai, è il candore con cui qualche dietista pensi
davvero che tali documenti abbiano un valore scientifico senza il minimo
inquinamento di considerazioni di altro tipo, anche quando è palese e
sotto gli occhi di tutti che ci si ostina ad ignorare una gran parte di
quello che la scienza ha scoperto.
lo scetticismo nei confronti delle presunte " nuove scoperte scentifiche"
è insito nella natura umana , non tutti hanno il coraggio di seguirle
o la capacità di mettere in discussione tutto quello che hanno imparato

i macigni mentali degli uomini di scenza sono + difficili da rimuovere
di quelli delle persone ignoranti...
Post by Xlater
Xlater
rusca
Marcello C.
2004-09-23 09:32:07 UTC
Permalink
Post by rusca_64
Post by Xlater
E' normale che uno stato possa desiderare un certo comportamento da un
cittadino, in perfetta buona fede, per il bene comune.
Credo che la "dieta di stato" vada interpretata in ottica analoga. Non
quello che sarebbe meglio per il singolo cittadino mangiare, ma quello che
i cittadini dovrebbero mangiare per il Bene Comune.
io non sarei cosi drastico ,
le tue considerazioni politico sociali possono essere condivisibili ,
sono legittime e hanno un buona base di verità ,
però devi anche capire quale è la cultura alimentare
del popolo italiano.
E secondo te la cultura alimentare del cittadino medio é alta? Secondo me
confondi il "mangiare bene" con "la cultura alimentare".
A differza ad es. degli americani, un italiano sa cos'é una schifezza e cosa
no; ma appena appena approfondisci l'argomento di "cos'é una sana
alimentazione" il marasma é più totale.
Post by rusca_64
Facciamo un esempio come a te piace fare ,
se io parlo ad un ignorante di motori posso avere diversi approcci,
ma ad occhio quello che + ha impatto è quello che parte da 0
e cioè cominciare a parlare di differenti motori , spiegare cosa
è un combustione , ecc
poi magari + avanti si comincia a parlare di distribuzione ecc
io credo che l'approccio del ministero sia quello,
se al popolo parli di grassi essenziali , di risposte insuliniche
di glucagone ecc , quante persone pensi capiscano ?
Secondo me nn ci sarebbe bisogno di entrare così nel dettaglio, e le
informazioni si possono dare per gradi (per chi volesse approfondirle).
Sarebbe interessante sapere ad esempio su quali basi certe decisioni vengono
prese. Ci sono fior di istituzioni che DEVONO basarsi su studi seri per
poter aprire bocca o essere presi in considerazione, e poi salta fuori un
governo che senza alcuna giustificazione dà delle linee guida (o le da le
giustificazioni? :-\ )...
CMQ qui se una volta le raccomandazioni dell'USDA con la famigerata piramide
erano "la bibbia", oggi comincia ad esserci una moltitudine di "piramidi",
"raccomandazioni" e "decaloghi"...
Post by rusca_64
quante persone credono ancora che mangiare mozzarella
corriponda a stare leggeri ? e senza grassi ?
Molti, come molti pensano di stanno leggeri quando mangiano "solo" un piatto
di pasta a pranzo e a cena... :-(
Post by rusca_64
e tu a questi cosa sapresti spiegare ....??
Purtroppo é come dice Xlater, il lavaggio del cervallo é stato fatto per 30
anni, e i risultati si vedono... non ci arrivano i dietologi professionisti,
figuriamoci le persone comuni.
Post by rusca_64
Post by Xlater
Quello che sorprende, semmai, è il candore con cui qualche dietista pensi
davvero che tali documenti abbiano un valore scientifico senza il minimo
inquinamento di considerazioni di altro tipo, anche quando è palese e
sotto gli occhi di tutti che ci si ostina ad ignorare una gran parte di
quello che la scienza ha scoperto.
lo scetticismo nei confronti delle presunte " nuove scoperte scentifiche"
è insito nella natura umana , non tutti hanno il coraggio di seguirle
o la capacità di mettere in discussione tutto quello che hanno imparato
Appunto...
Post by rusca_64
i macigni mentali degli uomini di scenza sono + difficili da rimuovere
di quelli delle persone ignoranti...
Si, ma trova un ignorante convinto... secondo me uno l'apertura mentale ce
l'ha, laureato o meno.
Confermo che per uno che ha studiato tanto, é dura rimettere in discussione
(quasi) tutto.
Post by rusca_64
rusca
BYE
Marcello
rusca_64
2004-09-23 10:05:06 UTC
Permalink
Post by Marcello C.
Post by rusca_64
quante persone credono ancora che mangiare mozzarella
corriponda a stare leggeri ? e senza grassi ?
Molti, come molti pensano di stanno leggeri quando mangiano "solo" un piatto
di pasta a pranzo e a cena... :-(
ok , x strade diverse siamo arrivati a dire che la maggior parte
della gente ignora la realtà ,
io questa la chiamo ignoranza , carenza culturale
insomma chiamiamola come si vuole...
Post by Marcello C.
Post by rusca_64
e tu a questi cosa sapresti spiegare ....??
Purtroppo é come dice Xlater, il lavaggio del cervallo é stato fatto per 30
anni, e i risultati si vedono... non ci arrivano i dietologi
professionisti,
Post by Marcello C.
figuriamoci le persone comuni.
appunto...
cioè io volevo dire appunto questo,
a prescindere da quello che si vuole dire ( si pasta no pasta )
è l'approccio che io condivido , cioè un approccio soft
se a uno che mangia tanto e male ( su questo sono s'accordo )
già indirizzalo in questo modo imho va bene
poi ho detto che cmq. mi sembrava un modo
maldestro x corregggere la mediterranea
Post by Marcello C.
BYE
Marcello
ciao
rusca
Xlater
2004-09-23 10:11:13 UTC
Permalink
Post by rusca_64
Facciamo un esempio come a te piace fare ,
se io parlo ad un ignorante di motori posso avere diversi approcci,
ma ad occhio quello che + ha impatto è quello che parte da 0
e cioè cominciare a parlare di differenti motori , spiegare cosa
è un combustione , ecc
poi magari + avanti si comincia a parlare di distribuzione ecc
io credo che l'approccio del ministero sia quello,
se al popolo parli di grassi essenziali , di risposte insuliniche
di glucagone ecc , quante persone pensi capiscano ?
Io credo che se si dicesse chiaro e tondo agli italiani "Mangiate troppi
farinacei, troppi dolci, troppe schifezze industriali" non sarebbe un
messaggio così criptico. Se uno dicesse chiaro e tondo che non c'è alcun
bisogno di mangiare pasta tutti i giorni, soprattutto nelle quantità che
un qualsiasi italiano reputa "normali", si arriverebbe a comprendere senza
grosse difficoltà.

Non è il livello semplificato del messaggio che contesto, è proprio la
sostanza delle indicazioni ad essere totalmente sballata. Almeno dal punto
di vista nutrizionistico. Poi può darsi che per il Bene Comune sia meglio
che la Barilla continui a fatturare e non sia costretta a licenziare
dipendenti...
Post by rusca_64
quante persone credono ancora che mangiare mozzarella
corriponda a stare leggeri ? e senza grassi ?
Io credo che si dovrebbe abolire la parola "leggero" da ogni discorso
nutrizionale. E' una cosa che confonde tanto quanto, e forse più, delle
calorie. In nome della leggerezza ci hanno fatto ingozzare di grassi trans
e oli di semi.
Post by rusca_64
e tu a questi cosa sapresti spiegare ....??
Suvvia! Si può pure insegnare ad un bambino a "comportarsi bene" anche
senza fare un excursus sull'etica nella storia della filosofia.
Post by rusca_64
lo scetticismo nei confronti delle presunte " nuove scoperte scentifiche"
è insito nella natura umana , non tutti hanno il coraggio di seguirle
o la capacità di mettere in discussione tutto quello che hanno imparato
i macigni mentali degli uomini di scenza sono + difficili da rimuovere
di quelli delle persone ignoranti...
Sarà. Ma quando esce fuori qualche nuovo farmaco di dubbia utilità e di
dubbia innocuità (come gli ipocolesterolemizzanti, le c.d. statine) non
intravedo nella classe medica altrettanta inerzia nel rimuovere i macigni
e seguire il tumultuoso progresso della scienza...


Xlater
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
rusca_64
2004-09-23 12:16:52 UTC
Permalink
Post by Xlater
Io credo che se si dicesse chiaro e tondo agli italiani "Mangiate troppi
farinacei, troppi dolci, troppe schifezze industriali" non sarebbe un
messaggio così criptico.
sul troppo sono pienamente d'accordo
Post by Xlater
Se uno dicesse chiaro e tondo che non c'è alcun
bisogno di mangiare pasta tutti i giorni, soprattutto nelle quantità che
un qualsiasi italiano reputa "normali", si arriverebbe a comprendere senza
grosse difficoltà.
idem come sopra x le porzioni e quantità, ed in effetti loro parlano di qb
quota/quantità benessere , che non ha nulla di scientifico , ok

è imho cmq. già un primo passo....non sufficiente secondo te ok
ma già dire , fate delle porzioni che servono al vostro benessere
invece che dire mangiate carbo di qua e carbo di la , mangiate carbo
complessi
ecc è un passo nella direzione giusta o come dicevo io un tentativo
maldestro
di correggere errori del passato
Post by Xlater
Non è il livello semplificato del messaggio che contesto, è proprio la
sostanza delle indicazioni ad essere totalmente sballata.
non avevo dubbi :)
Post by Xlater
Post by rusca_64
quante persone credono ancora che mangiare mozzarella
corriponda a stare leggeri ? e senza grassi ?
Suvvia! Si può pure insegnare ad un bambino a "comportarsi bene" anche
senza fare un excursus sull'etica nella storia della filosofia.
ok te la concedo..
Post by Xlater
Sarà. Ma quando esce fuori qualche nuovo farmaco di dubbia utilità e di
dubbia innocuità (come gli ipocolesterolemizzanti, le c.d. statine) non
intravedo nella classe medica altrettanta inerzia nel rimuovere i macigni
e seguire il tumultuoso progresso della scienza...
verissimo , ma qui entri in una casta di privilegiati , che solo
la nostra politica ha mantenuto e vedo ,continuerà a mantenere
le lobby farmaceutiche sono tra le + potenti in italia ...
Post by Xlater
Xlater
rusca
C.B.
2004-09-24 10:32:53 UTC
Permalink
Post by Xlater
D'altra parte cosa farei io stesso se fossi un pezzo grosso del WHO, e
sapessi che il 70/80% del cibo che viene prodotto nel mondo è costituito
da cereali e derivati? Con quale responsabilità potrei scrivere su un
documento di linee guida mondiale di mangiare pochi carbo e pochi cereali?
Quali sarebbero le conseguenze? Posso sconvolgere l'economia mondiale solo
per migliorare la salute di pochi occidentali privilegiati che
stramangiano, mentre l'80% dell'umanità è denutrita?
Ecco è proprio questo il punto.
Premetto che apprezzo molto le diete low carb, penso che soddisfino meglio
il palato e consentano di prevenire malattie come il diabete.
Però uscendo dal mio piccolo e pensando a livello mondiale mi chiedo:
sarebbe mai concretamente possibile per tutti gli abitanti della terra
seguire diete low carb?
A parte il fatto dello sconvolgimento dell'economia che tu hai ben
spiegato, ammettiamo per assurdo che questo problema venga risolto e si
riesca a riconvertire l'economia, però esistono risorse sufficienti sulla
terra per nutrire con un regime low carb tutti i suoi abitanti?
Bisognerà allevare tantissimi animali, occorreranno molti più spazi per
pascolo e allevamento di cereali per la loro nutrizione. E' un sistema
sostenibile e realizzabile?
Non è forse più realistico pviluppare la ricerca scientifica verso
l'eliminazione degli effetti dannosi provocati dai carboidrati?

Ciao
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Günther Baur
2004-09-30 03:09:28 UTC
Permalink
On Wed, 22 Sep 2004 18:01:45 +0200, ***@hotmail.com (Xlater)
wrote:


[cut]
Post by Xlater
Quindi non c'è molto da sorprenderci se scopriamo che tutte queste linee
guida, italiane, americane e/o globali, sono ispirate prima di tutto da
pressanti motivi di opportunità politica ed economica, che hanno gioco
piuttosto facile a piegare alla loro ragione le risultanze della scienza,
sempre incerte e contraddittorie, sempre zeppe di congiuntivi e
condizionali. E non c'è bisogno di immaginare loschi scenari di corruzioni
e concussioni (che pure è difficile illudersi che non esistano), basta
pensare che gli estensori di quei documenti abbiano una loro percezione,
in perfetta buona fede, del Bene Comune.
[cut]

Sono molto d'accordo con quanto scrivi e come sempre riesci a fare un
analisi impeccabile delle cose.
Io aggiungerei però una un tocco di speranza, uno spiraglio che vedo
in tutta questa discussione. Da un po' di tempo sta affiorando con
molta insistenza la necessità di mangiare frutta e verdura, ed io
insisterei molto su questo fatto. Se la gente spostasse la frutta da
semplice sopramobile alla tavola e nei menu quotidiani, avremmo fatto
fato un salto di qualità di vita vero. Poi spingeremo sempre di più
affinché si presti attenzione che frutta e verdura sia mangiata cruda
e sia il più possibile naturale.

Pian piano ci arriviamo...

Ciao Gunther
Continua a leggere su narkive:
Loading...