Discussione:
low carb:esempi menù
(troppo vecchio per rispondere)
Dominique
2004-02-26 10:53:08 UTC
Permalink
Salve a tutti,
mi rivolgo prevalentemente a chi segue regimi low carb.
Mi scrivete se nè avete voglia, una vostra giornata tipo?
Possibilmente anche quantità, sopratutto quelle dei grassi, perchè ho
impressione di esagerare un pò nell'utilizzarli.

Ciao e grazie
D.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Xlater
2004-02-26 11:45:24 UTC
Permalink
Post by Dominique
Salve a tutti,
mi rivolgo prevalentemente a chi segue regimi low carb.
Mi scrivete se nè avete voglia, una vostra giornata tipo?
Possibilmente anche quantità, sopratutto quelle dei grassi, perchè ho
impressione di esagerare un pò nell'utilizzarli.
Colazione:
Toast di pan carrè integrale MOLTO imbottito di affettati e formaggio
(Diciamo un 60 gr di affettato e altrettanti di formaggio)

Oppure due fette di pan carrè integrale con burro abbondante (diciamo
25-30 gr) e 100-110 gr di salmone affumicato.

Oppure una fetta di pan carrè integrale con rosmarino ed olio EVO
più 250 ml di latte intero con proteine 99% in polvere.

Pranzo:
Pietanza proteica (carne, pesce, o formaggio) più piattone di insalata
(150-175 gr) condita con olio EVO

Merenda:
Spuntino proteico (di solito formaggio, o sgombro sott'olio)

Cena
Pietanza proteica e piattone di insalata, oppure minestrone di
verdure (con pezzettini di lardo o pancetta). Frutta.

Spuntino serale
Yogurt alla panna low-carb fatto in casa (250 ml)


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Dominique
2004-02-26 12:20:23 UTC
Permalink
Post by Xlater
Toast di pan carrè integrale MOLTO imbottito di affettati e formaggio
(Diciamo un 60 gr di affettato e altrettanti di formaggio)
MEGA CUT

Per prima cosa grazie.
Diciamo che ci siamo...tranne per l'uso di burro, prediligo olio EVO. Il
dubbio mi sorge nell'utilizzo di grassi animali.
Per esempio, il grasso della carne o (non linciatemi vi prego) la pelle del
pollo.

Altra cosa: Frutta

nè mangio 2 al dì, uno a colazione e l'altro nello spuntino pomeridiano.
In questo modo la quota di carbo giornalieri è ben sotto la soglia dei 100g.
Mantenendo una quota diciamo di circa 50g al di carbo, si va incontro alla
chetosi?
Da quel che nè sò, mi sembra di aver letto che la quota minima di carbo per
non andare in chetosi sia 50g, mi date conferma?

Approfitto ancora:

supponiamo che una donna, sedentaria quanto basta e pigra da far rabbia, si
avvicini ad un regime low carb, abbassando quindi la quota di carbo ma
aumentando notevolmente l'uso di grassi, secondo voi non rischia di
ingrassare di più?
E per arrivare al famoso switch (si scrive cosi?) il movimento fisico
potrebbe essere di maggior aiuto?

Grazie
D.



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Xlater
2004-02-26 16:37:07 UTC
Permalink
Post by Dominique
MEGA CUT
Per prima cosa grazie.
Diciamo che ci siamo...tranne per l'uso di burro, prediligo olio EVO. Il
dubbio mi sorge nell'utilizzo di grassi animali.
Per esempio, il grasso della carne o (non linciatemi vi prego) la pelle del
pollo.
Nessuno ti lincia. Ma non c'è nessuna ragione al mondo per temere
l'utilizzo dei grassi animali. Nessuna ragione al mondo.
Post by Dominique
Altra cosa: Frutta
nè mangio 2 al dì, uno a colazione e l'altro nello spuntino pomeridiano.
In questo modo la quota di carbo giornalieri è ben sotto la soglia dei 100g.
Mantenendo una quota diciamo di circa 50g al di carbo, si va incontro alla
chetosi?
Da quel che nè sò, mi sembra di aver letto che la quota minima di carbo per
non andare in chetosi sia 50g, mi date conferma?
Io credo che un paio di settimane in chetosi non solo aiutino a
mettere in moto i meccanismi che fanno funzionalre la dieta low carb,
ma sono convinto che facciano anche bene. E parlo seriamente.

Per il resto, la chetosi non è una cosa che c'è o non c'è. Esistono
dei livelli di chetonemia che possono essere più o meno alti.
Vedi come ti trovi con 50 gr, vedi se l'alito (o le urine) hanno
quel caratteristico odore. Se non c'è niente, significa cha va tutto
bene.
Post by Dominique
supponiamo che una donna, sedentaria quanto basta e pigra da far rabbia, si
avvicini ad un regime low carb, abbassando quindi la quota di carbo ma
aumentando notevolmente l'uso di grassi, secondo voi non rischia di
ingrassare di più?
No. Per due ragioni principali.

La prima è che è davvero difficile esagerare coi grassi quando sono
ristretti i carboidrati. I grassi sono molto sazianti e basta
essere sintonizzati sul normale senso di sazietà per smettere al
momento giusto. Alla fine, anche se in teoria potresti strafogarti di
grassi e proteine, ti ritrovi facilmente alla fine della giornata ad
aver assunto meno calorie. Ammesso che si vogli per forza ridurre tutto
ad un discorso di calorie.

La seconda è che riducendo i carboidrati si elimina quello stato
di impasse metabolico per cui il corpo non riesce a bruciare i grassi.
Superato questo problema, il corpo tornerà spontanuamente al peso
giusto, modulando sapientemente il tuo senso di appetito o di sazietà,
oppure segnalandoti un senso di energia per spingerti a muoverti
di più durante la giornata. Ecco perché (salvo nelle fasi iniziali)
chi è in low carb si sente pieno di energia, mentre chi è in regime
ipocalorico si sente stanco affamato ed imprigrito.
Forse la stessa tua pigrizia è frutto di un metabolismo pigro nel
mobilitare i grassi.
Post by Dominique
E per arrivare al famoso switch (si scrive cosi?) il movimento fisico
potrebbe essere di maggior aiuto?
Sicuramente sì. Bruciare glicogeno muscolare è abbastanza equivalente
ad assumerne meno. Ma tieni presente che nella fase di switch non
avrai tantissime energie da dedicare allo sport. E' meglio programmare
delle attività blande (passeggiate o corsa lenta).


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
rusca_64
2004-02-27 07:18:49 UTC
Permalink
Post by Xlater
Post by Dominique
E per arrivare al famoso switch (si scrive cosi?) il movimento fisico
potrebbe essere di maggior aiuto?
Sicuramente sì. Bruciare glicogeno muscolare è abbastanza
equivalente
Post by Xlater
ad assumerne meno. Ma tieni presente che nella fase di switch non
avrai tantissime energie da dedicare allo sport. E' meglio
programmare
Post by Xlater
delle attività blande (passeggiate o corsa lenta).
Xlater
ciao , questa è una parte che mi interessa molto,
corrisponde ad alcune note che mi sono segnato
leggendo il sito di Pasquale.
Quello che mi chiedo è questo:
questo capita solo nella fase do switch o anche in
parte successivamente ?
poi , con stanchezza intendi , gambe doloranti ,
dolori muscolari classsici di chi è molto stanco dopo
un allenamento intenso oppure sonno , necessità di riposo eccc ?

ciao
rusca
Xlater
2004-02-27 11:56:23 UTC
Permalink
Post by rusca_64
ciao , questa è una parte che mi interessa molto,
corrisponde ad alcune note che mi sono segnato
leggendo il sito di Pasquale.
questo capita solo nella fase do switch o anche in
parte successivamente ?
poi , con stanchezza intendi , gambe doloranti ,
dolori muscolari classsici di chi è molto stanco dopo
un allenamento intenso oppure sonno , necessità di riposo eccc ?
Ci sono due diversi ordini di problemi.

Il primo è l'abitudine del corpo a bruciare prevalentemente grassi.
Finché non c'è lo switch, è normale che ci si senta un po' in crisi.
Dopo, non c'è più problema.

Il secondo discorso riguarda l'attività fisica. Se si è in un regime
low carb si deve tener conto della necessità di rifornire comunque
le scorte di glicogeno dei muscoli. Si può fare in diversi modi:
aumentando la quota di carbo giornaliera, con ricariche mirate nei
dintorni della prestazione, oppure con ricariche cicliche.

Tuttavia le ricariche possono disturbare quando si sta cercando di
compiere lo switch metabolico. Quindi è meglio, in quel periodo,
prevedere un'attività blanda.


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
rusca_64
2004-02-27 12:29:57 UTC
Permalink
Post by Xlater
Ci sono due diversi ordini di problemi.
Il primo è l'abitudine del corpo a bruciare prevalentemente grassi.
Finché non c'è lo switch, è normale che ci si senta un po' in crisi.
Dopo, non c'è più problema.
Il secondo discorso riguarda l'attività fisica. Se si è in un regime
low carb si deve tener conto della necessità di rifornire comunque
aumentando la quota di carbo giornaliera, con ricariche mirate nei
dintorni della prestazione, oppure con ricariche cicliche.
Tuttavia le ricariche possono disturbare quando si sta cercando di
compiere lo switch metabolico. Quindi è meglio, in quel periodo,
prevedere un'attività blanda.
Xlater
ok grazie
rusca
Dominique
2004-02-27 08:17:07 UTC
Permalink
Post by Xlater
Nessuno ti lincia. Ma non c'è nessuna ragione al mondo per temere
l'utilizzo dei grassi animali. Nessuna ragione al mondo.
Il dubbio è sorto leggendo alcuni testi relativi alla Zona di Sears, che,
non li demonizza, ma certamente nè consiglia un uso, a mio avviso veramente
scarso. Al contrario, per esempio, di quanto afferma Di Pasquale.
Post by Xlater
La prima è che è davvero difficile esagerare coi grassi quando sono
ristretti i carboidrati. I grassi sono molto sazianti e basta
essere sintonizzati sul normale senso di sazietà per smettere al
momento giusto.
CUT

Forse non ho ben chiaro il concetto di esagerato...
Se qualcuno mi vedesse condire l'insalata, certamente mi farebbe notare che
forse stò esagerando con l'olio. E' vero però, che finito di mangiare
l'insalata, con l'olio che rimane nel piatto non faccio di certo la
"scarpetta" (a Roma si dice così, quando si intenge il pane nel sugo o
nell'olio rimasto nel piatto)
Post by Xlater
La seconda è che riducendo i carboidrati si elimina quello stato
di impasse metabolico per cui il corpo non riesce a bruciare i grassi.
CUT

Vedremo, vi terrò informati.

Grazie
D.



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Xlater
2004-02-27 12:01:08 UTC
Permalink
Post by Dominique
Post by Xlater
Nessuno ti lincia. Ma non c'è nessuna ragione al mondo per temere
l'utilizzo dei grassi animali. Nessuna ragione al mondo.
Il dubbio è sorto leggendo alcuni testi relativi alla Zona di Sears, che,
non li demonizza, ma certamente nè consiglia un uso, a mio avviso veramente
scarso. Al contrario, per esempio, di quanto afferma Di Pasquale.
E' vero. Tuttavia avrai notato anche tu che non c'è una particolare
motivazione nei principi di Sears per questa quasi-demonizzazione.
La spiegazione è nel fatto che la Zona è stata ideata e diffusa in
pieno periodo anti-fat, e se avesse mostrato eccessiva simpatia per
i grassi sarebbe stata massacrata immediatamente. In seguito più volte
Sears stesso ha avuto modo di ammorbidire la sua posizione sui grassi.
Post by Dominique
Forse non ho ben chiaro il concetto di esagerato...
Se qualcuno mi vedesse condire l'insalata, certamente mi farebbe notare che
forse stò esagerando con l'olio. E' vero però, che finito di mangiare
l'insalata, con l'olio che rimane nel piatto non faccio di certo la
"scarpetta" (a Roma si dice così, quando si intenge il pane nel sugo o
nell'olio rimasto nel piatto)
Me lo voi 'nsegna a me che vor di' fa 'a scarpetta??? ;-))

Non credo che l'olio EVO usato per condire le insalate possa mai
costituire un eccesso pericoloso.

Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Dominique
2004-02-27 12:35:06 UTC
Permalink
Post by Xlater
E' vero. Tuttavia avrai notato anche tu che non c'è una particolare
motivazione nei principi di Sears per questa quasi-demonizzazione.
La spiegazione è nel fatto che la Zona è stata ideata e diffusa in
pieno periodo anti-fat, e se avesse mostrato eccessiva simpatia per
i grassi sarebbe stata massacrata immediatamente. In seguito più volte
Sears stesso ha avuto modo di ammorbidire la sua posizione sui grassi.
Comunque quello che mi premeva sapere è se c'è un limite di tolleranza,
superato il quale, il fisico accumula i grassi, pur rimanendo in regime low
carb.
Personalmente ho riscontrato che se non limito il consumo di olio EVO, per
esempio, il senso di fame tra un pasto e l'altro tende ad essere quasi
nullo...quasi eh!
Post by Xlater
Me lo voi 'nsegna a me che vor di' fa 'a scarpetta??? ;-))
...magari qualcuno potrebbe non conoscere il termine :-))
Sono di Roma, e credo che certe espressioni ci siano solo da noi...


Grazie
D.


P.S. Scusatemi se faccio confusione nel postare le mie domande o
risposte...vedi messaggi doppi...


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Xlater
2004-02-27 13:33:21 UTC
Permalink
Post by Dominique
Comunque quello che mi premeva sapere è se c'è un limite di tolleranza,
superato il quale, il fisico accumula i grassi, pur rimanendo in regime low
carb.
Il grande salto di paradigma mentale che bisogna fare è proprio in
questo concetto: un organismo sano non accumula grassi a regime,
nemmeno con una sovranutrizione indotta. Sono stati fatti diversi
esperimenti in questo senso, sottoponendo ad una "dieta ingrassante"
per un certo periodo persone naturalmente magre e senza problemi di
sovrappeso.
C'è stato, ovviamente, un aumento di peso lì per lì, ma una volta
cessato l'esperimento, tutti i soggetti sono tornati in perfetto
peso forma senza doversi sottoporre ad alcun regime controllato.
Spontaneamente hanno mangiato meno, oppure hanno bruciato di più.
Alla fine erano tornati tutti al peso di partenza.
I meccanismi regolatori del corpo umano sono davvero potenti.

Se il fisico accumula grassi, significa che c'è qualcosa che è andato
in tilt in questi meccanismi di regolazione. Per cui la dieta non
deve essere un mero controllo artificiale delle calorie che si
assumono, bensì un sistema per rimettere in moto il normale meccanismo
di regolazione.
Una volta che tutto funziona, e una volta che si impara ad evitare ciò
che può far inceppare di nuovo il meccanismo, non ha più senso porsi
dei limiti. Bisogna solo vigilare perché le tentazioni della gola non
abbiano il sopravvento nei confronti delle normali sensazioni di
appetito e di sazietà.

E poi, pure se si cedesse una tantum alla gola, se il sistema di
regolazione è a posto non c'è nessun particolare problema.

Quindi, per rispondere in concreto, è teoricamente possibile
sovralimentarsi anche in un regime low carb. Ma è veramente difficile.
Bisogna fare un grosso sforzo.
Di dolci e di amidacei ci si può continuare ad ingozzare a lungo.
Grassi e proteine da soli, oltre una certa quantità, stancano anche
il più goloso. Non ci si può sovralimentare con solo grassi
e proteine a regime , se non c'è il preciso intento e la ferrea
volontà per farlo.
Post by Dominique
Personalmente ho riscontrato che se non limito il consumo di olio EVO, per
esempio, il senso di fame tra un pasto e l'altro tende ad essere quasi
nullo...quasi eh!
Non è un caso. I grassi sono sazianti.
Post by Dominique
...magari qualcuno potrebbe non conoscere il termine :-))
Sono di Roma, e credo che certe espressioni ci siano solo da noi...
Ricordo che la barzelletta (molto sconcia) di "Cenerentola e la
Scarpetta" (con un tremendo doppio senso) me l'ha raccontata un
commilitone di Torino. Quindi ho il sospetto che il concetto di
scarpetta non sia limitato alla sola Capitale.

Vabbè. Damose da fa'... ;-)


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Dominique
2004-02-27 08:59:06 UTC
Permalink
Post by Xlater
Nessuno ti lincia. Ma non c'è nessuna ragione al mondo per temere
l'utilizzo dei grassi animali. Nessuna ragione al mondo.
Il dubbio è sorto leggendo i testi di Sears sulla Zona. A mio avviso non nè
consiglia un uso smodato, al contrario invece di quanto afferma Di Pasquale
nella Metabolica.
Se anche la Zona può essere considerato un regime low carb, perchè allora
queste differenze sostanziali?
Post by Xlater
Io credo che un paio di settimane in chetosi non solo aiutino a
mettere in moto i meccanismi che fanno funzionalre la dieta low carb,
ma sono convinto che facciano anche bene. E parlo seriamente.
Ok. Dopo di che consigli di alzare la quota di carbo? E se invece la
mantengo più bassa dei 100g al dì, sono "costretta" in qualche modo a fare
ricariche di zuccheri?
Post by Xlater
Per il resto, la chetosi non è una cosa che c'è o non c'è. Esistono
dei livelli di chetonemia che possono essere più o meno alti.
Vedi come ti trovi con 50 gr, vedi se l'alito (o le urine) hanno
quel caratteristico odore. Se non c'è niente, significa cha va tutto
bene.
Per ora a me sembra tutto normale, ma 4gg sono pochi...vedremo.
Post by Xlater
No. Per due ragioni principali.
La prima è che è davvero difficile esagerare coi grassi quando sono
ristretti i carboidrati.
CUT

Forse sono legata al concetto di caloria, e in un certo senso ho la
sensazione di esagerare un pò nell'usarli (i grassi).


Grazie
D.


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Desconocido
2004-02-27 16:23:15 UTC
Permalink
Post by Dominique
Se anche la Zona può essere considerato un regime low carb, perchè allora
queste differenze sostanziali?
Premetto che conosco solo molto sommariamente la dieta metabolica e
DiPasquale. Detto questo, la spiegazione sta nel fatto che il fine
ultimo della zona (nonche' il primo obiettivo di Sears) e' la
modulazione ormonale tramite il cibo, in particolare la modulazione di
una classe di ormoni detta 'eicosanoidi'. I grassi non sono tutti
uguali, quelli di origine animale, se assunti in modo eccessivo,
tendono ad interferire negativamente nella modulazione degli
eicosanoidi.
Desconocido
2004-02-27 16:27:45 UTC
Permalink
On Fri, 27 Feb 2004 17:23:15 +0100, Desconocido
Post by Desconocido
I grassi non sono tutti
uguali, quelli di origine animale, se assunti in modo eccessivo,
tendono ad interferire negativamente nella modulazione degli
eicosanoidi.
Scusate, sostutuire 'grassi di origine animale' con 'grassi saturi'.
Prevalenti negli alimenti di origine animale, ma non presenti solo in
essi.
New Xlater
2004-02-27 16:40:30 UTC
Permalink
Post by Desconocido
Premetto che conosco solo molto sommariamente la dieta metabolica e
DiPasquale. Detto questo, la spiegazione sta nel fatto che il fine
ultimo della zona (nonche' il primo obiettivo di Sears) e' la
modulazione ormonale tramite il cibo, in particolare la modulazione di
una classe di ormoni detta 'eicosanoidi'. I grassi non sono tutti
uguali, quelli di origine animale, se assunti in modo eccessivo,
tendono ad interferire negativamente nella modulazione degli
eicosanoidi.
E questa da dove esce fuori??
Sears non ha mai detto niente di tutto questo.

La fonte principale dell'omega 3 (che per Sears riveste una certa
importanza...) è il grasso dei pesci, che è grasso animale a tutti gli
effetti. Invece Sears mette in guardia dal consumo eccessivo di omega
6, che sono quelli che si trovano negli oli di semi.


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Desconocido
2004-02-27 16:58:56 UTC
Permalink
On Fri, 27 Feb 2004 16:40:30 +0000 (UTC), "New Xlater"
Post by New Xlater
E questa da dove esce fuori??
Sears non ha mai detto niente di tutto questo.
La fonte principale dell'omega 3 (che per Sears riveste una certa
importanza...) è il grasso dei pesci, che è grasso animale a tutti gli
effetti. Invece Sears mette in guardia dal consumo eccessivo di omega
6, che sono quelli che si trovano negli oli di semi.
Ho gia' corretto la mia imprecisione: grassi SATURI, non grassi
animali in genere. Non conosco ancora a memoria l'opera searsiana, ne'
ho i sacri testi sottomano in questo momento. Appena possibile saro'
piu' preciso. D'accordo sugli omega 6.
Dominique
2004-02-26 12:25:22 UTC
Permalink
Post by Xlater
Toast di pan carrè integrale MOLTO imbottito di affettati e formaggio
(Diciamo un 60 gr di affettato e altrettanti di formaggio)
MEGA CUT

Per prima cosa grazie.
Diciamo che ci siamo...tranne per l'uso di burro, prediligo olio EVO. Il
dubbio mi sorge nell'utilizzo di grassi animali.
Per esempio, il grasso della carne o (non linciatemi vi prego) la pelle del
pollo.

Altra cosa: Frutta

nè mangio 2 al dì, uno a colazione e l'altro nello spuntino pomeridiano.
In questo modo la quota di carbo giornalieri è ben sotto la soglia dei 100g.
Mantenendo una quota diciamo di circa 50g al di carbo, si va incontro alla
chetosi?
Da quel che nè sò, mi sembra di aver letto che la quota minima di carbo per
non andare in chetosi sia 50g, mi date conferma?

Approfitto ancora:

supponiamo che una donna, sedentaria quanto basta e pigra da far rabbia, si
avvicini ad un regime low carb, abbassando quindi la quota di carbo ma
aumentando notevolmente l'uso di grassi, secondo voi non rischia di
ingrassare di più?
E per arrivare al famoso switch (si scrive cosi?) il movimento fisico
potrebbe essere di maggior aiuto?

Grazie
D.



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
MARA
2004-02-26 13:00:48 UTC
Permalink
Post by Xlater
Toast di pan carrè integrale MOLTO imbottito di affettati e formaggio
(Diciamo un 60 gr di affettato e altrettanti di formaggio)
Oppure due fette di pan carrè integrale con burro abbondante (diciamo
25-30 gr) e 100-110 gr di salmone affumicato.
Oppure una fetta di pan carrè integrale con rosmarino ed olio EVO
più 250 ml di latte intero con proteine 99% in polvere.
Pietanza proteica (carne, pesce, o formaggio) più piattone di insalata
(150-175 gr) condita con olio EVO
Spuntino proteico (di solito formaggio, o sgombro sott'olio)
Cena
Pietanza proteica e piattone di insalata, oppure minestrone di
verdure (con pezzettini di lardo o pancetta). Frutta.
Spuntino serale
Yogurt alla panna low-carb fatto in casa (250 ml)
No, dico, ma ti rendi conto di quanto e' sbilanciata? E la tanto decantata
frutta dove l'hai fatta finire? In un angolino nascosto della cena. E'
assurda la tua dieta, te lo dico senza polemica, lo penso sinceramente.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Xlater
2004-02-26 16:43:21 UTC
Permalink
Post by MARA
No, dico, ma ti rendi conto di quanto e' sbilanciata? E la tanto decantata
frutta dove l'hai fatta finire?
In questo periodo l'ho diminuita un po', aumentando in compenso la
verdura.
Post by MARA
E' assurda la tua dieta, te lo dico senza polemica, lo penso
sinceramente.
Non è per niente assurda. Centinaia di milioni di persone in tutto il
mondo stanno seguendo regimi analoghi, ottenendone tutti i benefici
possibili in termini di linea e di salute.
Tutto sembra assurdo per chi non sa guardare fuori dal ristretto
orticello dei suoi dogmi...

Comunque non vedo perché dovresti essere così sorpresa. Credo che
avessi già qualche sospetto sul fatto che seguissi una dieta low carb.
Cosa ti aspettavi di diverso?
Anzi, mi aspettavo complimenti da parte tua, visto che ci sono
anche un po' di maledetti cereali integrali a colazione!!! ;-)


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
MARA
2004-02-26 17:45:16 UTC
Permalink
E la tanto decantata
Post by Xlater
Post by MARA
frutta dove l'hai fatta finire?
In questo periodo l'ho diminuita un po', aumentando in compenso la
verdura.
Perche'?
Post by Xlater
Comunque non vedo perché dovresti essere così sorpresa. Credo che
avessi già qualche sospetto sul fatto che seguissi una dieta low carb.
E' troppo low!
Post by Xlater
Cosa ti aspettavi di diverso?
Anzi, mi aspettavo complimenti da parte tua, visto che ci sono
anche un po' di maledetti cereali integrali a colazione!!! ;-)
Pan carre'? Bleah, non lo tocco neanche con una mazza.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Xlater
2004-02-27 10:45:50 UTC
Permalink
Post by MARA
Post by Xlater
In questo periodo l'ho diminuita un po', aumentando in compenso la
verdura.
Perche'?
Perché è normale fare delle piccole variazioni cercando la soluzione
che sembra funzionare meglio. Diminuire un po' la frutta ed aumentare
le dosi di insalate e verdure non mi sembra un sacrilegio. L'apporto
di fibra antiossidanti e vitamine non ne risente in negativo.
Ed è anche una forma di protesta per i rincari pazzeschi della
frutta!!
Post by MARA
E' troppo low!
E cosa dovrebbe succedermi?
Post by MARA
Pan carre'? Bleah, non lo tocco neanche con una mazza.
Non ne vado entusiasta nemmeno io, ma a volte bisogna fare i conti
con la praticità.

Già che ci siamo, mi potresti dire in cosa consiste il tuo apporto
di cereali integrali in un tipico menù giornaliero? Grazie!


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
frick
2004-02-27 10:53:49 UTC
Permalink
Post by Xlater
Già che ci siamo, mi potresti dire in cosa consiste il tuo apporto
di cereali integrali in un tipico menù giornaliero?
fieno ;)
Ken75
2004-02-27 12:55:19 UTC
Permalink
Post by frick
fieno ;)
a parte gli scherzi..
il fieno greco germogliato in circolazione ,comunque, si trova
agilmente...

^__^
MARA
2004-02-27 14:15:04 UTC
Permalink
Post by frick
Post by Xlater
Già che ci siamo, mi potresti dire in cosa consiste il tuo apporto
di cereali integrali in un tipico menù giornaliero?
fieno ;)
Grazie per avermi dato del cavallo di razza!!!

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
frick
2004-02-27 19:27:35 UTC
Permalink
Post by MARA
Post by frick
Post by Xlater
Già che ci siamo, mi potresti dire in cosa consiste il tuo apporto
di cereali integrali in un tipico menù giornaliero?
fieno ;)
Grazie per avermi dato del cavallo di razza!!!
ehhh mi risulta che in puglia i quadrupedi indigeni siano
altri, il mercato di martina franca lo conoscerai, no? ;P
MARA
2004-02-27 14:13:43 UTC
Permalink
Post by Xlater
Perché è normale fare delle piccole variazioni cercando la soluzione
che sembra funzionare meglio. Diminuire un po' la frutta ed aumentare
le dosi di insalate e verdure non mi sembra un sacrilegio. L'apporto
di fibra antiossidanti e vitamine non ne risente in negativo.
No, non e' per quello, ma per variare un po'.
Post by Xlater
Ed è anche una forma di protesta per i rincari pazzeschi della
frutta!!
Certo, anche quello e' un problema, soprattutto da quando i prezzi sono
raddoppiati.Pero' non esagerare!
Post by Xlater
Pan carre' bleah>
Non ne vado entusiasta nemmeno io, ma a volte bisogna fare i conti
con la praticità.
Vero,il pane fresco bisogna acquistarlo ogni giorno, pero' ne vale la pena.
Post by Xlater
Già che ci siamo, mi potresti dire in cosa consiste il tuo apporto
di cereali integrali in un tipico menù giornaliero? Grazie!
Devo dire che hai appena toccato un tasto dolente.
Sono, infatti, in una fase di transizione,penso di convertirmi all'integrale
totale. Sempre per problemi di praticita' non l'ho ancora fatto, ma lo faro'
molto presto, perche' io quando decido...
Comunque mi consola il fatto che, benche'la pasta che mangio sia raffinata,
viene comunque sempre accompagnata da verdure, tipo minestrone,oppure
legumi, oppure mi piacciono molto i mix cereali-legumi. A volte li faccio
io, altre volte li trovo al super gia' miscelati, tipo per esempio 6 tipi di
fagioli diversi,orzo, farro, adzuki, tre tipi di lenticchie...
Altre volte faccio il grano, ma in sostanza quando si tratta di pasta e pane
non li compro integrali, perche' non mi convincono. La pasta, poi, sembra
piu' che altro piena di coloranti, forse sbaglio.
Seguiro' l'esempio di Ken.

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Ken75
2004-02-27 21:56:24 UTC
Permalink
Post by MARA
Altre volte faccio il grano, ma in sostanza quando si tratta di pasta e pane
non li compro integrali, perche' non mi convincono. La pasta, poi, sembra
piu' che altro piena di coloranti, forse sbaglio.
sul pane e pasta integrale in commercio, francamente nutro da tempo
sospetti.....spesso si tratta di farina 00 con un po' di crusca aggiunta.
(cosa che d'altro canto mi hanno confermato in via del tutto ufficiosa
parecchi panettieri della mia zona ; come anche il frequente utilizzo
di zucchero e strutto nel pane)

Salutissimi
MARA
2004-02-27 22:41:11 UTC
Permalink
Post by Ken75
sul pane e pasta integrale in commercio, francamente nutro da tempo
sospetti.....spesso si tratta di farina 00 con un po' di crusca aggiunta.
(cosa che d'altro canto mi hanno confermato in via del tutto ufficiosa
parecchi panettieri della mia zona ; come anche il frequente utilizzo
di zucchero e strutto nel pane)
Di quello mi ero accorta da tempo, sai ho un palato molto sensibile.Per non
parlare del pan carre', con quell'aroma di alcool...
Pero' io compro il pane casereccio pugliese, e' un po' piu' duro del pane
comune, ma e' piu' sano.


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Sculler
2004-02-28 08:38:14 UTC
Permalink
Post by MARA
Di quello mi ero accorta da tempo, sai ho un palato molto sensibile.Per non
parlare del pan carre', con quell'aroma di alcool...
Eh la madonna! Come fai a sentire l'aroma di alcool nel pancarrè?!? Io
dovrei mettermi a mangiare *solo* una fetta di pancarrè, gustandola e
assaporandola, eppure penso che non lo sentirei. In un toast non so come si
possa sentire.

Cmq, io quando sono all'univ. compro quello morbido a fette integrale della
linea Bio dell'Esselunga. Non sarà certo il massimo, ma se gli ingredienti
sono davvero quelli che ci sono scritti, non è peggio di quello che si
compra o della pasta comune. Anzi, forse è anche meglio.

Ciao
--
Sculler, ICQ# 147722075
"Ove c'è molta luce, l'ombra è più cupa"
"Le cose che amiamo, ci modellano"
Wolfgang Goethe
MARA
2004-02-28 16:19:02 UTC
Permalink
Post by Sculler
Post by MARA
Di quello mi ero accorta da tempo, sai ho un palato molto sensibile.Per
non
Post by MARA
parlare del pan carre', con quell'aroma di alcool...
Eh la madonna! Come fai a sentire l'aroma di alcool nel pancarrè?!?
Eh, palato raffinato!

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Sculler
2004-02-28 19:21:45 UTC
Permalink
Post by MARA
Post by Sculler
Eh la madonna! Come fai a sentire l'aroma di alcool nel pancarrè?!?
Eh, palato raffinato!
#@#@##
.....
(questa era una battuta stroncata sul nascere per evitare "sconcierie"
:-PPP).

Ciao
--
Sculler, ICQ# 147722075
"Ove c'è molta luce, l'ombra è più cupa"
"Le cose che amiamo, ci modellano"
Wolfgang Goethe
MARA
2004-02-29 09:44:33 UTC
Permalink
Post by Sculler
Post by MARA
Post by Sculler
Eh la madonna! Come fai a sentire l'aroma di alcool nel pancarrè?!?
Eh, palato raffinato!
.....
(questa era una battuta stroncata sul nascere per evitare "sconcierie"
:-PPP).
Bravo Sculler, continua a stroncare ed andremo sempre d'accordo.=)


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Sculler
2004-02-29 18:03:19 UTC
Permalink
Post by MARA
Post by Sculler
(questa era una battuta stroncata sul nascere per evitare "sconcierie"
:-PPP).
Bravo Sculler, continua a stroncare ed andremo sempre d'accordo.=)
Ah, ma allora te non vuoi far parlare nessuno! ;-)

Ciao
--
Sculler, ICQ# 147722075
"Ove c'è molta luce, l'ombra è più cupa"
"Le cose che amiamo, ci modellano"
Wolfgang Goethe
Ken75
2004-02-26 22:50:17 UTC
Permalink
Post by Xlater
Non è per niente assurda. Centinaia di milioni di persone in tutto il
mondo stanno seguendo regimi analoghi, ottenendone tutti i benefici
possibili in termini di linea e di salute.
siamo quasi al crudo di Guenther.... ^__^

allora è proprio vero che tutte le strade portano a Roma..


Salutissimi
Xlater
2004-02-27 10:28:22 UTC
Permalink
Post by Ken75
Post by Xlater
Non è per niente assurda. Centinaia di milioni di persone in tutto il
mondo stanno seguendo regimi analoghi, ottenendone tutti i benefici
possibili in termini di linea e di salute.
siamo quasi al crudo di Guenther.... ^__^
Beh non mi sembra che non sia solito portare argomentazioni più
dettagliate e scientifiche a supporto. Nello specifico mi stavo
difendendo da un apodittico "assurdo", ed ha un senso sottolineare
quanto oggi un certo approccio sia diffuso.

Inoltre, a differenza di Guenther, non ho posizioni del tipo "tutti
i cibi cotti fanno sempre male". Per me è perfettamente concepibile
che alcune persone tollerino molto bene regimi ad alto contenuto di
carboidrati.
Credo però che per moltissima gente, in particolare per almeno il
95% di quelli cui può capitare di avere problemi di sovrappeso, questo
approccio è quello ottimale.


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Sculler
2004-02-26 13:08:49 UTC
Permalink
Post by Xlater
Toast di pan carrè integrale MOLTO imbottito di affettati e formaggio
(Diciamo un 60 gr di affettato e altrettanti di formaggio)
Toh... facciamo la stessa colazione :-)
Beh, io aggiungo anche caffè, tazzone di thè verde aromatizzato (l'ho
trovato alla Coop: una confezione con vari tipi di thé verde a vari gusti...
"simpatica" :-) ), un kiwi e a volte un paio di quadrettini di cioccolato
fondente tanto per un vizio di gola ;-)

Io ho un problema tecnico: il toast in quel modo non mi entra nel tostapane
:-( Sembra una stronzata, ma non mi sono ancora messo ad escogitare
stratagemmi: lo presso un po' e basta :-P

Ciao
--
Sculler, ICQ# 147722075
"Ove c'è molta luce, l'ombra è più cupa"
"Le cose che amiamo, ci modellano"
Wolfgang Goethe
Xlater
2004-02-26 16:49:03 UTC
Permalink
Post by Sculler
Post by Xlater
Toast di pan carrè integrale MOLTO imbottito di affettati e formaggio
(Diciamo un 60 gr di affettato e altrettanti di formaggio)
Toh... facciamo la stessa colazione :-)
Beh, io aggiungo anche caffè, tazzone di thè verde aromatizzato (l'ho
trovato alla Coop: una confezione con vari tipi di thé verde a vari gusti...
"simpatica" :-) ), un kiwi e a volte un paio di quadrettini di cioccolato
fondente tanto per un vizio di gola ;-)
Ho dovuto fare una sintesi ed ho saltato qualche dettaglio.
Anche io prendo caffé a colazione (con mezzo cucchiaino di fruttosio,
ma sto per eliminarlo). E' l'unico caffè del giorno.
Dopo pranzo non sento più l'esigenza del caffé, perché non ho più
nemmeno il ricordo degli "abbiocchi" tipici della vecchia
alimentazione high carb. Però l'ho sostituito con due quadretti di
fondente (e da vecchi post mi sa che anche la marca è la stessa).
Sono due grammi di carbo in più, non è un dramma... ;-)
Post by Sculler
Io ho un problema tecnico: il toast in quel modo non mi entra nel tostapane
:-( Sembra una stronzata, ma non mi sono ancora messo ad escogitare
stratagemmi: lo presso un po' e basta :-P
Io uso come tostapane la bistecchiera elettrica, quindi non ho
problemi di spessore.


Xlater
--
Posted via Mailgate.ORG Server - http://www.Mailgate.ORG
Calimero
2004-02-27 13:35:43 UTC
Permalink
Post by Dominique
Mi scrivete se nè avete voglia, una vostra giornata tipo?
Possibilmente anche quantità, sopratutto quelle dei grassi, perchè ho
impressione di esagerare un pò nell'utilizzarli.
Io al mattino mangio uno yogurt e una tazza di latte, che sono circa 10 gr
di carbo.
Durante il giorno i caffé li dolcifico con dolcificanti acalorici.
A pranzo mangio : formaggio o pesce o uova con verdure varie ( mai le
patate! ), conditi con un filino di olio EVO, senza usare mai il pane, per
un totale di circa 10 gr di carbo dalle verdure.
Come spuntini di metà mattino e a merenda mi mangio un frutto, che apporta
circa 15 gr di carbo.
A cena insalatona con tonno, circa 10 gr di carbo.
Verso le 10 di sera ho assunto in tutta la giornata, un totale di circa 60
gr di carbo, e mi sento leggero fisicamente e lucido mentalmente.
A mezzanotte mi sfogo con spaghettate sproporzionate, così ricarico le
riserve di glicogeno e con l'abbiocco da carbo dormo anche meglio.
MARA
2004-02-27 13:59:01 UTC
Permalink
Post by Calimero
Io al mattino mangio uno yogurt e una tazza di latte, che sono circa 10 gr
di carbo.
Durante il giorno i caffé li dolcifico con dolcificanti acalorici.
A pranzo mangio : formaggio o pesce o uova con verdure varie ( mai le
patate! ), conditi con un filino di olio EVO, senza usare mai il pane, per
un totale di circa 10 gr di carbo dalle verdure.
Come spuntini di metà mattino e a merenda mi mangio un frutto, che apporta
circa 15 gr di carbo.
A cena insalatona con tonno, circa 10 gr di carbo.
Verso le 10 di sera ho assunto in tutta la giornata, un totale di circa 60
gr di carbo, e mi sento leggero fisicamente e lucido mentalmente.
A mezzanotte mi sfogo con spaghettate sproporzionate, così ricarico le
riserve di glicogeno e con l'abbiocco da carbo dormo anche meglio.
Mega ROFTL!!!
Devo ammettere che quando ti mantieni su un livello medio-alto in quanto a
classe, come troll sei divertente...
--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Continua a leggere su narkive:
Loading...