Discussione:
Zona, pro e contro
(troppo vecchio per rispondere)
Enrico C
2005-06-14 18:30:30 UTC
Permalink
Dopo aver cercato di vederci chiaro nella dieta del dr Sears, ecco alcune
mie personali conclusioni, [almeno finora, pronto a cambiare idea se mi
sbaglio]

Alcuni aspetti che mi sembrano buoni:

[elenco non completo, solo le prime cose che mi vengono in mente]

1-Ok. Aiuta a mettere ordine nella propria alimentazione attraverso una
serie di regole pratiche. Spesso il problema di chi ingrassa o mangia male
è proprio il mangiare in maniere sregolata, imho, e delle indicazioni
troppo generali e astratte non aiutano granché in questi casi.

2-Ok. Evita i pasti-abbuffata, che appesantiscono e stressano l'organismo,
distribuendo il cibo in maniera più omogenea su più pasti e spuntini;

3-Ok. E', in fase dimagrante, un regime ipocalorico con (almeno in teoria)
un buon potere saziante, grazie alla presenza di proteine e grassi in buone
quantità, e di fonti di carbo ricche di fibre, come frutta e verdura e
anche cereali, sia pur in modiche quantità e preferendo quelli a IG
medio-basso, ed evitando invece gli alimenti poco sazianti come le bibite
zuccherate o i formaggi molto grassi;

4-Ok. Evita grossi sbalzi insulinici, distribuendo i carboidrati su più
pasti e spuntini, privilegiando quelli a carico glicemico medio-basso, e
associandoli sempre a grassi;

5-Ok. Favorisce un miglior utilizzo delle proteine, credo, distribuendole
su più pasti, e così facendo affatica meno i reni di una dieta con le
stesse proteine ma distribuite meno uniformemente;

6-Ok. Non esclude alcun macronutriente, neanche i carboidrati che anzi
restano la quota principale del 40-30-30. (in realtà, a ben vedere, Sears
parla di un rapporto p/c tra proteine e carbo da individuare in un range da
0,6 a 1 a seconda delle proprie esigenze e delle proprie reazioni, quindi
anche all'interno della Zona è possibile un quantitativo di carbo quasi
doppio rispetto alle proteine).
Con i suoi esempi sulla "mezza fetta di torta" da dividere con gli amici,
fa capire che non è tanto un alimento in ad essere "male", ma il mangiarne
oltre certe quantità. Non escludendo troppi cibi dai menu, la Zona dovrebbe
assicurare anche l'apporto di un po' tutti i micronutrienti, minerali e
vitamine contenute nei diversi alimenti.

7-Ok. Privilegia alimenti come il pesce, l'olio d'oliva, la frutta e
verdura, la frutta secca a guscio, carni magre come quelle bianche, ecc.,
che vengono consigliati anche da molti nutrizionisti e trovano spazio nella
Dieta mediterranea tradizionale, inserendosi facilmente nelle nostre
abitudini e ricette a tavola.

8-Ok. Spinge, mi sembra, verso alimenti freschi e genuini rispetto a quelli
preconfezionati, fast-food e altre schifezze.

9-Ok. Si propone, [anche se non sempre con sufficiente chiarezza, imho],
non solo come dieta dimagrante ma anche come condotta alimentare a regime,
sottolineando che il mangiare bene è alla base di una buona salute, non
solo del dimagrimento fine a se stesso.

10-Ok. Sottolinea giustamente che l'importante è perdere massa grassa, se è
al di sopra di certi valori, e magari guadagnare massa magra, mentre è
sbagliato guardare solo ai chili del proprio peso complessivo.

11-Ok. Giustamente fa notare che i cibi non sono solo calorie, ma hanno
anche un complesso effetto metabolico e sugli equilibri ormonali.

12-Ok. Giustamente, AFAIK, consiglia prudenza con i grassi saturi.



Invece, ecco alcuni punti che mi convincono meno o cmq dubbi, almeno
secondo me.

1-No. Parte da una base di proteine non altissima ma cmq abbondante (da 1,1
a 2,2 g per Kg di massa magra secondo l'attività svolta, e almeno 77 g per
tutti, conteggiando per semplicità solo le proteine animali), senza tener
conto che alcune persone possono vivere bene con quantitativi minori, e che
anzi per alcune categorie le proteine andrebbero limitate...

2-No. Dà molta importanza al "corretto" rapporto tra proteine e carboidrati
in ogni singolo pasto e persino negli spuntini, per ottenere l'equilibrio
ideale di glucalone e insulina e quindi il corretto bilanciamento ormonale
degli eicosanoidi. Questo, al di là dei dubbi più "tecnici" (sulla teria di
Sears degli eicosanoidi buoni e cattivi, o sul fatto se non si possano
ottenere gli stessi rilasci di insulina anche con rapporti p/c diversi...).
diventa comunque una complicazione a livello pratico se deve essere
rispettata per ogni singolo spuntino. E questa "pignoleria", mi si passi il
termine, applicata persino al più piccolo spuntino, non è un bene, imho,
perché una dieta funziona sorprattutto se si può seguire facilmente.

3-No. Nella fase "a regime", per chi ha già raggiunto la linea desiderata,
Sears prevede un aumento calorico derivante soprattutto da grassi
monoinsaturi, e in particolare olio d'oliva. Pur apprezzando molto l'EVO,
credo che una dieta basata in percentuali troppo alte sull'EVO diventerebbe
un po' noiosa, come minimo. Inoltre, non prevede alcun aumento dei
carboidrati, neanche per chi sia in linea o faccia sport, e questo mi
sembra controproducente in certi casi (p.es. alcuni sportivi) e comunque
un'inutile limitazione troppo generalizzata, (mentre forse può avere un
senso per alcuni). Probabilmente, con una buona scelta delle fonti, anche
rapporti più alti in termini di carboidrati possono dare gli stessi
risultati di benessere, forse anche di controllo insulinico che tanto sta a
cuore Sears... e non per tutti i carboidrati sono un "inferno" che non si
riesce a gestire e che dà dipendenza!

4-No. "Spinge" forse un po' troppo sull'uso di integratori, con tutto
l'indotto commerciale che ci gira intorno, piuttosto che sull'assunzione
degli stessi principi nutritivi dagli alimenti.

5-No. Dà un ruolo quasi di medicina preventiva universale, per tutti i mali
di ogni genere, al controllo degli eicosanoidi buoni e cattivi attraverso i
livelli d'insulina e all'apporto degli omega 3. Di questa azione di
prevenzione e di miglioramento della condizione fisica e mentale parla anzi
in termini molto enfatici, addirittura come "supersalute".
Non dico che questi fattori non abbiano importanza, ma un ruolo così
fondamentale per tutte le malattie dal raffreddore al cancro a me pare che
sia ancora da dimostrare.

6-No. Pur prevedendo, ovviamente, l'attività fisica, non ne fa un perno
fondamentale e imprescindibile della dieta. Questa almeno l'impressione che
mi son fatto leggendo "The Zone" e consultando il sito ufficiale del Dr
Sears. L'accento è invece più sul ruolo del cibo, sorta di "medicina" che
può migliorare (anche) le prestazioni atletiche, piuttosto che sul ruolo
fondamentale dello sport e del movimento, che secondo me è persino più
importante del tipo esatto di alimentazione e di piccole differenze nella
distribuzione percentuale tra i macronutrienti. Non a caso, in piramidi
alimentari come quella di Harvard e in altre, l'attività fisica è il
livello alla base di tutto.

7-No. Il Dr Sears dice che il momento migliore per mangiare è quando non si
ha fame. Secondo me invece è proprio questo il principale errore che spinge
a ingrassare, mangiare quando non si ha vera fame fisica, ma solo fame
psicologica.

8-No. Sears prevede la stessa distribuzioni di macronutrienti per tutti gli
spuntini, e non distingue per quelli dopo l'allenamento, mentre su questo
newsgroup ho letto il consiglio di privilegiare un certo tipo di
alimentazione che reintegra rapidamente le energie senza appesantire la
digestione (per esempio un frutto).

9-No. Nella sua classificazione dei carboidrati in base all'indice
glicemico, nel libro 'The Zone', mette la pasta nella tabella dei cibi con
indice glicemico tra 50 e 80 (rispetto al pane bianco), mentre gli
spaghetti di grano duro all'italiana, cotti al dente, possono avere indice
glicemico inferiore a 50.

10-No. Non prevede periodi di reintegro con maggior apporto calorico (utili
per "cambiare il passo" dell'alimentazione e non abituare troppo il
metabolismo a "vivere con poche calorie").

11-No. Nei libri non è chiaro quando si parla di consigli per persone
sovrappeso o di regole per tutti.

12-No. Demonizzazione forse eccessiva dei grassi saturi.
chicchi
2005-06-15 08:36:50 UTC
Permalink
Post by Enrico C
Dopo aver cercato di vederci chiaro nella dieta del dr Sears, ecco alcune
mie personali conclusioni, [almeno finora, pronto a cambiare idea se mi
sbaglio]
mi è piaciuta molto questa analisi
Post by Enrico C
....
concordo su tutti
Post by Enrico C
Invece, ecco alcuni punti che mi convincono meno o cmq dubbi, almeno
secondo me.
2-No. Dà molta importanza al "corretto" rapporto tra proteine e carboidrati
in ogni singolo pasto e persino negli spuntini, per ottenere l'equilibrio
ideale di glucalone e insulina e quindi il corretto bilanciamento ormonale
degli eicosanoidi. Questo, al di là dei dubbi più "tecnici" (sulla teria di
Sears degli eicosanoidi buoni e cattivi, o sul fatto se non si possano
ottenere gli stessi rilasci di insulina anche con rapporti p/c
diversi...).
diventa comunque una complicazione a livello pratico se deve essere
rispettata per ogni singolo spuntino. E questa "pignoleria", mi si passi il
termine, applicata persino al più piccolo spuntino, non è un bene, imho,
perché una dieta funziona sorprattutto se si può seguire facilmente.
ti assicuro che con la pratica (basta un mese) diventa molto facile.
Post by Enrico C
3-No. Nella fase "a regime", per chi ha già raggiunto la linea desiderata,
Sears prevede un aumento calorico derivante soprattutto da grassi
monoinsaturi, e in particolare olio d'oliva. Pur apprezzando molto l'EVO,
credo che una dieta basata in percentuali troppo alte sull'EVO
diventerebbe
un po' noiosa, come minimo.
esistono anche le noccioline, le arachidi ecc, ecc...
Post by Enrico C
Inoltre, non prevede alcun aumento dei
carboidrati, neanche per chi sia in linea o faccia sport, e questo mi
sembra controproducente in certi casi (p.es. alcuni sportivi) e comunque
un'inutile limitazione troppo generalizzata, (mentre forse può avere un
senso per alcuni).
Non saprei dirti in che libro, ma io ho letto qualcosa del genere per
ciclisti e nuotatori.
Post by Enrico C
4-No. "Spinge" forse un po' troppo sull'uso di integratori, con tutto
l'indotto commerciale che ci gira intorno, piuttosto che sull'assunzione
degli stessi principi nutritivi dagli alimenti.
beh! lui spinge ma non sei obbligato.
Io periodicamente prendo dell'epa3, ma raramente.
Post by Enrico C
5-No. Dà un ruolo quasi di medicina preventiva universale, per tutti i mali
di ogni genere, al controllo degli eicosanoidi buoni e cattivi attraverso i
livelli d'insulina e all'apporto degli omega 3. Di questa azione di
prevenzione e di miglioramento della condizione fisica e mentale parla anzi
in termini molto enfatici, addirittura come "supersalute".
Non dico che questi fattori non abbiano importanza, ma un ruolo così
fondamentale per tutte le malattie dal raffreddore al cancro a me pare che
sia ancora da dimostrare.
Io ho notato un grande miglioramento.
Da quando seguo la zona, ho notato miglioramenti nei doloretti vari,
non ho più dolori mestruali e sono regolare come un orologio,
ho preso l'influenza una sola volta in 5 anni
(ero stata con i piedi a mollo per 3 ore con 3 gradi sopra lo zero!)
Poi sono migliorate tante cosette dell'aspetto estetico
(capelli e unghie più forti, pelle più luminosa,
spariti i foruncoletti,...).
Inosmma non so se parlare di supersalute,
ma sono cosette che fanno piacere.
Post by Enrico C
6-No. Pur prevedendo, ovviamente, l'attività fisica, non ne fa un perno
fondamentale e imprescindibile della dieta. Questa almeno l'impressione che
mi son fatto leggendo "The Zone" e consultando il sito ufficiale del Dr
Sears. L'accento è invece più sul ruolo del cibo, sorta di "medicina" che
può migliorare (anche) le prestazioni atletiche, piuttosto che sul ruolo
fondamentale dello sport e del movimento, che secondo me è persino più
importante del tipo esatto di alimentazione e di piccole differenze nella
distribuzione percentuale tra i macronutrienti. Non a caso, in piramidi
alimentari come quella di Harvard e in altre, l'attività fisica è il
livello alla base di tutto.
Mi pare di ricordare che in qualche libro c'era scritto che stando in zona,
occorre meno lavoro fisico per bruciare calorie.
Poi però consiglia sempre di fare dell'attività,
anche semplice come camminare.
Rivolgendosi magari a persone obese, non può proporre molto di più.
Post by Enrico C
7-No. Il Dr Sears dice che il momento migliore per mangiare è quando non si
ha fame. Secondo me invece è proprio questo il principale errore che spinge
a ingrassare, mangiare quando non si ha vera fame fisica, ma solo fame
psicologica.
seguendo la zona, ti capita raramente di avere fame.
Il consiglio è cercare di mangiare sempre alla stessa ora.
Se io faccio colazione alle 8, raramente alle 13 ho fame, ma è ora di
mangiare!
Il suo mangiare quando non si ha fame,
è da intendersi "sii regolare negli orari e mangia anche se non hai fame"
Post by Enrico C
8-No. Sears prevede la stessa distribuzioni di macronutrienti per tutti gli
spuntini, e non distingue per quelli dopo l'allenamento, mentre su questo
newsgroup ho letto il consiglio di privilegiare un certo tipo di
alimentazione che reintegra rapidamente le energie senza appesantire la
digestione (per esempio un frutto).
Io penso che il nostro orgasnismo sia una macchina perfetta.
Se segui la zona, si abitua ad avere sempre i tre componeneti,
e non hai nessuna fatica a "digerire" proteine dopo un allenamento.
Post by Enrico C
10-No. Non prevede periodi di reintegro con maggior apporto calorico (utili
per "cambiare il passo" dell'alimentazione e non abituare troppo il
metabolismo a "vivere con poche calorie").
beh sears consiglia ogni tanto di farsi una scorpacciata
anche se più che altro per renderti conto che non la reggi più.
Comunque senza che lo dica lui, penso capiti a tutti di avere un giorno in
cui mangi più del solito,
perchè magari sei con amici o perchè ti fai un piatto che di solito non
mangi.
Post by Enrico C
11-No. Nei libri non è chiaro quando si parla di consigli per persone
sovrappeso o di regole per tutti.
Penso che le cose siano buone un poò per tutti;
poi ci sono libri dove si rivolge ai bambini, alle donne incinte,
ai vecchi, ecc...
Post by Enrico C
12-No. Demonizzazione forse eccessiva dei grassi saturi.
Non mi sembra e comunque non credo sia un male.


ciao
Bluff
2005-06-15 10:49:10 UTC
Permalink
anche io sto cercando di farmi una cultura sulla zona, per curiosita
innanzitutto, e poi si vedrà.
Sto leggendo con molto interesse il libro "La nuova zona facile" del
dottor Perucci, mi sembra molto molto interessante, anche perche riesco a
capire facilmente certi meccanismi del corpo umano.
Sono molto curioso perche leggo spesso di gente che dimagrisce bene, si
trova in formissima ecc, ma anche io ho parecchi dubbi:

- ovviamente, non essendo un medico, spero che tutte le cose scritte sul
funzionamento di insulina-glucagone ecc siano "vere", cioe non smentite da
dottori che non approvino la zona, siano cioe scientificamente provate.

- la cosa che non mi piace, PER NIENTE, è il dover aggiungere ai pasti
proteine in polvere (quando necessario) e obbligatoriamente gli omega3
(che tra l'altro leggo sono molto costosi), perche DA IGNORANTE in
materia, non mi sembra una cosa del tutto naturale...mi sembra come
prendere dei farmaci...sbagliatemi se dico fesserie, ma questa è la mia
sensazione

Se invece tutto funzionasse come descritto nel libro, sarei molto contento
perche avrei comunque una visione globale (a grandi linee) di come
funziona l'organismo quando ci alimentiamo, cosa che invece non so
assolutamente...

tutto qui. E' una riflessione da un principiante, che sta cercando di
farsi una cultura.

Correggetemi se sbaglio
chicchi
2005-06-15 11:56:45 UTC
Permalink
"Bluff" ha scritto
Post by Bluff
Sto leggendo con molto interesse il libro "La nuova zona facile" del
dottor Perucci, mi sembra molto molto interessante, anche perche riesco a
capire facilmente certi meccanismi del corpo umano.
ho letto solo un libro sulla zona che non era di sears,
e ho deciso che non avrei più fatto.
Preferisco andare alla fonte.
Post by Bluff
- la cosa che non mi piace, PER NIENTE, è il dover aggiungere ai pasti
proteine in polvere (quando necessario)
io non ne aggiungo mai!
E quando sarebbero necessarie?
Devi usare le proteine in ogni pasto/spuntino,
ma con tutto quello che c'è a disposizione mi pare assurdo
ricorrere alle proteine in polvere.
Post by Bluff
e obbligatoriamente gli omega3
(che tra l'altro leggo sono molto costosi), perche DA IGNORANTE in
materia, non mi sembra una cosa del tutto naturale...mi sembra come
prendere dei farmaci...sbagliatemi se dico fesserie, ma questa è la mia
sensazione
non sono farmaci, i farmaci sono una cosa molto diversa...
si sostituiscono al tuo organismo...
Comunque non sono obbligatori.
Come dicevo io li prendo ogni tanto
tipo per un mese.
Se devo essere sincera non ho mai notato grandi differenza fra quando liu
prendo e quando no.


ciao
Filippo
2005-06-15 11:50:41 UTC
Permalink
Post by Bluff
- ovviamente, non essendo un medico, spero che tutte le cose scritte sul
funzionamento di insulina-glucagone ecc siano "vere", cioe non smentite da
dottori che non approvino la zona, siano cioe scientificamente provate.
Hanno una base scientifica. Purtroppo in questo campo la prova definitiva
non esiste come in altri.
Post by Bluff
- la cosa che non mi piace, PER NIENTE, è il dover aggiungere ai pasti
proteine in polvere (quando necessario) e obbligatoriamente gli omega3
(che tra l'altro leggo sono molto costosi), perche DA IGNORANTE in
materia, non mi sembra una cosa del tutto naturale...mi sembra come
prendere dei farmaci...sbagliatemi se dico fesserie, ma questa è la mia
sensazione
Le proteine in polvere puoi farne a meno, anzi devi.
Sono comode per esigenze particolari.
Gli omega 3. Sono un nutriente fondamentale per l'uomo. Le fonti
tradizionali purtroppo stanno diventando sempre più povere di omega 3. Di
qui l'esigenza di integrare.
Post by Bluff
Se invece tutto funzionasse come descritto nel libro, sarei molto contento
perche avrei comunque una visione globale (a grandi linee) di come
funziona l'organismo quando ci alimentiamo, cosa che invece non so
assolutamente...
Una cultura di certo leggendo quel libro te la fai, ma, a mio avviso, alcune
cose meritano maggiore approfondimento.
Filippo
2005-06-15 10:49:56 UTC
Permalink
Post by Enrico C
1-Ok. Aiuta a mettere ordine nella propria alimentazione attraverso una
serie di regole pratiche. Spesso il problema di chi ingrassa o mangia male
è proprio il mangiare in maniere sregolata, imho, e delle indicazioni
troppo generali e astratte non aiutano granché in questi casi.
2-Ok. Evita i pasti-abbuffata, che appesantiscono e stressano l'organismo,
distribuendo il cibo in maniera più omogenea su più pasti e spuntini;
3-Ok. E', in fase dimagrante, un regime ipocalorico con (almeno in teoria)
un buon potere saziante, grazie alla presenza di proteine e grassi in buone
quantità, e di fonti di carbo ricche di fibre, come frutta e verdura e
anche cereali, sia pur in modiche quantità e preferendo quelli a IG
medio-basso, ed evitando invece gli alimenti poco sazianti come le bibite
zuccherate o i formaggi molto grassi;
4-Ok. Evita grossi sbalzi insulinici, distribuendo i carboidrati su più
pasti e spuntini, privilegiando quelli a carico glicemico medio-basso, e
associandoli sempre a grassi;
5-Ok. Favorisce un miglior utilizzo delle proteine, credo, distribuendole
su più pasti, e così facendo affatica meno i reni di una dieta con le
stesse proteine ma distribuite meno uniformemente;
6-Ok. Non esclude alcun macronutriente, neanche i carboidrati che anzi
restano la quota principale del 40-30-30. (in realtà, a ben vedere, Sears
parla di un rapporto p/c tra proteine e carbo da individuare in un range da
0,6 a 1 a seconda delle proprie esigenze e delle proprie reazioni, quindi
anche all'interno della Zona è possibile un quantitativo di carbo quasi
doppio rispetto alle proteine).
Con i suoi esempi sulla "mezza fetta di torta" da dividere con gli amici,
fa capire che non è tanto un alimento in ad essere "male", ma il mangiarne
oltre certe quantità. Non escludendo troppi cibi dai menu, la Zona dovrebbe
assicurare anche l'apporto di un po' tutti i micronutrienti, minerali e
vitamine contenute nei diversi alimenti.
7-Ok. Privilegia alimenti come il pesce, l'olio d'oliva, la frutta e
verdura, la frutta secca a guscio, carni magre come quelle bianche, ecc.,
che vengono consigliati anche da molti nutrizionisti e trovano spazio nella
Dieta mediterranea tradizionale, inserendosi facilmente nelle nostre
abitudini e ricette a tavola.
8-Ok. Spinge, mi sembra, verso alimenti freschi e genuini rispetto a quelli
preconfezionati, fast-food e altre schifezze.
9-Ok. Si propone, [anche se non sempre con sufficiente chiarezza, imho],
non solo come dieta dimagrante ma anche come condotta alimentare a regime,
sottolineando che il mangiare bene è alla base di una buona salute, non
solo del dimagrimento fine a se stesso.
10-Ok. Sottolinea giustamente che l'importante è perdere massa grassa, se è
al di sopra di certi valori, e magari guadagnare massa magra, mentre è
sbagliato guardare solo ai chili del proprio peso complessivo.
11-Ok. Giustamente fa notare che i cibi non sono solo calorie, ma hanno
anche un complesso effetto metabolico e sugli equilibri ormonali.
12-Ok. Giustamente, AFAIK, consiglia prudenza con i grassi saturi.
Tutto vero.
Post by Enrico C
Invece, ecco alcuni punti che mi convincono meno o cmq dubbi, almeno
secondo me.
1-No. Parte da una base di proteine non altissima ma cmq abbondante (da 1,1
a 2,2 g per Kg di massa magra secondo l'attività svolta, e almeno 77 g per
tutti, conteggiando per semplicità solo le proteine animali), senza tener
conto che alcune persone possono vivere bene con quantitativi minori, e che
anzi per alcune categorie le proteine andrebbero limitate...
Tutto questo timore per le proteine, quando sono accompagnate da alte dosi
di alimenti alcalinizzanti a me pare ingiustificato.
Se abbassassimo anche le proteine ed aggiungessimo pane e pasta il carico
acidificante sarebbe lo stesso.
Post by Enrico C
2-No. Dà molta importanza al "corretto" rapporto tra proteine e carboidrati
in ogni singolo pasto e persino negli spuntini, per ottenere l'equilibrio
ideale di glucalone e insulina e quindi il corretto bilanciamento ormonale
degli eicosanoidi. Questo, al di là dei dubbi più "tecnici" (sulla teria di
Sears degli eicosanoidi buoni e cattivi, o sul fatto se non si possano
ottenere gli stessi rilasci di insulina anche con rapporti p/c
diversi...).
Post by Enrico C
diventa comunque una complicazione a livello pratico se deve essere
rispettata per ogni singolo spuntino. E questa "pignoleria", mi si passi il
termine, applicata persino al più piccolo spuntino, non è un bene, imho,
perché una dieta funziona sorprattutto se si può seguire facilmente.
Sears se ne è accorto ed infatti promuove il metodo ad occhio.
Post by Enrico C
3-No. Nella fase "a regime", per chi ha già raggiunto la linea desiderata,
Sears prevede un aumento calorico derivante soprattutto da grassi
monoinsaturi, e in particolare olio d'oliva. Pur apprezzando molto l'EVO,
credo che una dieta basata in percentuali troppo alte sull'EVO
diventerebbe
Post by Enrico C
un po' noiosa, come minimo. Inoltre, non prevede alcun aumento dei
carboidrati, neanche per chi sia in linea o faccia sport, e questo mi
sembra controproducente in certi casi (p.es. alcuni sportivi) e comunque
un'inutile limitazione troppo generalizzata, (mentre forse può avere un
senso per alcuni). Probabilmente, con una buona scelta delle fonti, anche
rapporti più alti in termini di carboidrati possono dare gli stessi
risultati di benessere, forse anche di controllo insulinico che tanto sta a
cuore Sears... e non per tutti i carboidrati sono un "inferno" che non si
riesce a gestire e che dà dipendenza!
4-No. "Spinge" forse un po' troppo sull'uso di integratori, con tutto
l'indotto commerciale che ci gira intorno, piuttosto che sull'assunzione
degli stessi principi nutritivi dagli alimenti.
Questo lo fa per vendere sul suo sito.
Nel libro la zona anti età, è più morigerato.
Post by Enrico C
5-No. Dà un ruolo quasi di medicina preventiva universale, per tutti i mali
di ogni genere, al controllo degli eicosanoidi buoni e cattivi attraverso i
livelli d'insulina e all'apporto degli omega 3. Di questa azione di
prevenzione e di miglioramento della condizione fisica e mentale parla anzi
in termini molto enfatici, addirittura come "supersalute".
Non dico che questi fattori non abbiano importanza, ma un ruolo così
fondamentale per tutte le malattie dal raffreddore al cancro a me pare che
sia ancora da dimostrare.
Forse è vero, ma gli studi di supporto ci sono. Lui porta avanti la sua
teoria.
Post by Enrico C
6-No. Pur prevedendo, ovviamente, l'attività fisica, non ne fa un perno
fondamentale e imprescindibile della dieta. Questa almeno l'impressione che
mi son fatto leggendo "The Zone" e consultando il sito ufficiale del Dr
Sears. L'accento è invece più sul ruolo del cibo, sorta di "medicina" che
può migliorare (anche) le prestazioni atletiche, piuttosto che sul ruolo
fondamentale dello sport e del movimento, che secondo me è persino più
importante del tipo esatto di alimentazione e di piccole differenze nella
distribuzione percentuale tra i macronutrienti. Non a caso, in piramidi
alimentari come quella di Harvard e in altre, l'attività fisica è il
livello alla base di tutto.
Nella sua piramide anti invecchiamento la mette appena sopra alla dieta.
Post by Enrico C
7-No. Il Dr Sears dice che il momento migliore per mangiare è quando non si
ha fame. Secondo me invece è proprio questo il principale errore che spinge
a ingrassare, mangiare quando non si ha vera fame fisica, ma solo fame
psicologica.
Il discorso è differente.
Sears non dice di mangiare dei dolcetti quando non si ha fame, dice di
prevenire la fame, mangiando ad orari prestabiliti, questo evita le fami di
difficile controllo.
A mio modo di vedere la fame psicologica non esiste, è solo questione di
glicemia ed eventualmente leptina. Mia personalissima opinione.
Post by Enrico C
8-No. Sears prevede la stessa distribuzioni di macronutrienti per tutti gli
spuntini, e non distingue per quelli dopo l'allenamento, mentre su questo
newsgroup ho letto il consiglio di privilegiare un certo tipo di
alimentazione che reintegra rapidamente le energie senza appesantire la
digestione (per esempio un frutto).
Vero.
Post by Enrico C
9-No. Nella sua classificazione dei carboidrati in base all'indice
glicemico, nel libro 'The Zone', mette la pasta nella tabella dei cibi con
indice glicemico tra 50 e 80 (rispetto al pane bianco), mentre gli
spaghetti di grano duro all'italiana, cotti al dente, possono avere indice
glicemico inferiore a 50.
In ogni modo la pasta è da evitare in un regime come la zona, pena patire la
fame.
Post by Enrico C
10-No. Non prevede periodi di reintegro con maggior apporto calorico (utili
per "cambiare il passo" dell'alimentazione e non abituare troppo il
metabolismo a "vivere con poche calorie").
Sono cose che forse, bisognerebbe sapere gestire da sè. Ma hai ragione
Post by Enrico C
11-No. Nei libri non è chiaro quando si parla di consigli per persone
sovrappeso o di regole per tutti.
Vero.
Post by Enrico C
12-No. Demonizzazione forse eccessiva dei grassi saturi.
Vero, ma non capisco il collegamento con il 12 dei positivi.

Ciao.
Enrico C
2005-06-15 11:09:01 UTC
Permalink
On Wed, 15 Jun 2005 10:49:56 GMT, Filippo wrote in
<news:oJTre.23956$***@news4.tin.it> on it.salute.alimentazione :

[...]
Post by Filippo
Post by Enrico C
12-Ok. Giustamente, AFAIK, consiglia prudenza con i grassi saturi.
Tutto vero.
[...]
Post by Filippo
Post by Enrico C
12-No. Demonizzazione forse eccessiva dei grassi saturi.
Vero, ma non capisco il collegamento con il 12 dei positivi.
Mi sta bene la "prudenza" verso i grassi saturi, non la demonizzazione.
Idem per la pasta e altri alimenti che diventano "sbagliati" quando si
eccede, ma possono avere un ruolo in una dieta equilibrata, imho.
--
Enrico C
chicchi
2005-06-15 12:04:10 UTC
Permalink
"Enrico C" ha scritto
Post by Enrico C
Mi sta bene la "prudenza" verso i grassi saturi, non la demonizzazione.
Idem per la pasta e altri alimenti che diventano "sbagliati" quando si
eccede, ma possono avere un ruolo in una dieta equilibrata, imho.
nella prima fase della zona,
sono stata attenta a scegliere sempre gli alimenti cosiddetti favorevoli
e a eliminare completamente pane, pasta, pizza e grassi saturi.
Ora, in fase di mantenimento,
dopo quasi 5 anni,
ti dirò che pane, pasta, pizza ecc,
non mi attirano più.
Ogni tanto però mangio questi piatti,
ma solo se sono invitata e non posso farne a meno.

Penso che alla fine, la zona sia difficile da seguire solo in termini
economici.
Una famiglia di 5 persone che deve seguire la zona
deve avere un badget elevato.
Mangiare pesce e/o carne, frutta e verdura (di qualità)
costa senz'altro di più che spararsi una gran piatto pasta con sugo,
accompagnato magari da un panino con mortadella o patate lesse e cipolle,
magari con dessert di gelato in vaschetta.

ciao
Enrico C
2005-06-15 12:12:40 UTC
Permalink
On Wed, 15 Jun 2005 12:04:10 GMT, chicchi wrote in
Post by chicchi
Penso che alla fine, la zona sia difficile da seguire solo in termini
economici.
Una famiglia di 5 persone che deve seguire la zona
deve avere un badget elevato.
Mangiare pesce e/o carne, frutta e verdura (di qualità)
costa senz'altro di più che spararsi una gran piatto pasta con sugo,
accompagnato magari da un panino con mortadella o patate lesse e cipolle,
magari con dessert di gelato in vaschetta.
Vero, ma si spendono i soldi per tante cavolate e cose inutili o comunque
non essenziali e poi si vuol risparmiare proprio su una cosa fondamentale
come il cibo? :)
Se ti trovi bene col menu più "costoso", sono soldi ben spesi, imho.
--
Enrico C
chicchi
2005-06-15 13:39:47 UTC
Permalink
"Enrico C" ha scritto
Post by Enrico C
Vero, ma si spendono i soldi per tante cavolate e cose inutili o comunque
non essenziali e poi si vuol risparmiare proprio su una cosa fondamentale
come il cibo? :)
Se ti trovi bene col menu più "costoso", sono soldi ben spesi, imho.
io si, ma ci sono famiglie che non spendono per cavolate
e che comunque la zona non se la possono permettere.
Ciao
Enrico C
2005-06-15 14:05:14 UTC
Permalink
On Wed, 15 Jun 2005 13:39:47 GMT, chicchi wrote in
Post by chicchi
"Enrico C" ha scritto
Post by Enrico C
Vero, ma si spendono i soldi per tante cavolate e cose inutili o comunque
non essenziali e poi si vuol risparmiare proprio su una cosa fondamentale
come il cibo? :)
Se ti trovi bene col menu più "costoso", sono soldi ben spesi, imho.
io si, ma ci sono famiglie che non spendono per cavolate
e che comunque la zona non se la possono permettere.
E' vero che con pane e pasta puoi spendere meno, ma se ce ci fai caso, al
supermercato, anche in quelli non per ricchi, va a ruba la roba
"industriale", piena di schifezze e in confezioni luccicanti, che costa più
di quella semplice e buona.

Una bottiglia di coca cola, per esempio, è fondamentalente acqua, zucchero,
colorante e qualche altra polverina. Eppure ricchi e poveri sono disposti a
pagare per un litro d'acqua colorata quanto pagherebbero un chilo di frutta
buona.

Cibi precucinati, 4 salti, pizze pronte, ecc.: costano molto di più dei
corrispondendenti ingredienti freschi (o surgelati ma non precucinati)
eppure anche quelli vendono sempre di più!

Un chilo di sardine costa sui 3 euro. Praticamente quanto qualche pacchetto
di gomme da masticare. Ma di cosa si vende di più?

Insomma, non siamo in Biafra. Se la gente mangia male, nutrizionalmente, è
perché è povera di cultura alimentare, non di portafoglio.

imho :)
chicchi
2005-06-15 16:20:22 UTC
Permalink
"Enrico C" ha scritto
Post by Enrico C
E' vero che con pane e pasta puoi spendere meno, ma se ce ci fai caso, al
supermercato, anche in quelli non per ricchi, va a ruba la roba
"industriale", piena di schifezze e in confezioni luccicanti, che costa più
di quella semplice e buona.
Una bottiglia di coca cola, per esempio, è fondamentalente acqua, zucchero,
colorante e qualche altra polverina. Eppure ricchi e poveri sono disposti a
pagare per un litro d'acqua colorata quanto pagherebbero un chilo di frutta
buona.
............
tutto vero quello che scrivi,
però dimentichi i discount, dove le "schifezze"
costano veramente poco, incrementandone la diffusione.
Magari le merendine del Mulino bianco cosatano molto,
ma merendine analoghe del sig nessuno, costano un terzo.

Chissa!

ciao
Enrico C
2005-06-15 11:41:15 UTC
Permalink
On Wed, 15 Jun 2005 10:49:56 GMT, Filippo wrote in
Post by Enrico C
Post by Enrico C
10-No. Non prevede periodi di reintegro con maggior apporto calorico
(utili
Post by Enrico C
per "cambiare il passo" dell'alimentazione e non abituare troppo il
metabolismo a "vivere con poche calorie").
Sono cose che forse, bisognerebbe sapere gestire da sè. Ma hai ragione
E' proprio l'impostazione che è diversa. Una cosa è dire che i giorni "over
the top" sono delle "cadute" di cui non preoccuparsi troppo perché basta
rimettersi in carreggiata dal giorno dopo (come dice Sears, come una sorta
di rassicurazione a chi tenderebbe a demoralizzarsi, lasciando però
intendere che l'ideale sarebbe quello di non sgarrare mai!), altra cosa è
spiegare che l'organismo può anzi trarre beneficio da quegli extra, perché
servono a cambiare il passo e tenere alto il metabolismo! :)
--
Enrico C
Enrico C
2005-06-15 11:41:16 UTC
Permalink
On Wed, 15 Jun 2005 10:49:56 GMT, Filippo wrote in
Post by Filippo
Post by Enrico C
5-No. Dà un ruolo quasi di medicina preventiva universale, per tutti i
mali
Post by Enrico C
di ogni genere, al controllo degli eicosanoidi buoni e cattivi attraverso
i
Post by Enrico C
livelli d'insulina e all'apporto degli omega 3. Di questa azione di
prevenzione e di miglioramento della condizione fisica e mentale parla
anzi
Post by Enrico C
in termini molto enfatici, addirittura come "supersalute".
Non dico che questi fattori non abbiano importanza, ma un ruolo così
fondamentale per tutte le malattie dal raffreddore al cancro a me pare che
sia ancora da dimostrare.
Forse è vero, ma gli studi di supporto ci sono. Lui porta avanti la sua
teoria.
Prima di usare termini tanto enfatici e perentori, non mi accontenterei di
studi e indizi, ma pretenderei prove più solide. In questo caso mi
riferisco soprattutto ai toni e alla perentorietà delle sue indicazioni su
come prevenire e affrontare certe malattie.
--
Enrico C
Enrico C
2005-06-15 11:41:17 UTC
Permalink
On Wed, 15 Jun 2005 10:49:56 GMT, Filippo wrote in
Post by Filippo
Post by Enrico C
1-No. Parte da una base di proteine non altissima ma cmq abbondante (da
1,1
Post by Enrico C
a 2,2 g per Kg di massa magra secondo l'attività svolta, e almeno 77 g per
tutti, conteggiando per semplicità solo le proteine animali), senza tener
conto che alcune persone possono vivere bene con quantitativi minori, e
che
Post by Enrico C
anzi per alcune categorie le proteine andrebbero limitate...
Tutto questo timore per le proteine, quando sono accompagnate da alte dosi
di alimenti alcalinizzanti a me pare ingiustificato.
Se abbassassimo anche le proteine ed aggiungessimo pane e pasta il carico
acidificante sarebbe lo stesso.
Un piatto di fagioli acidifica lo stesso?
--
Enrico C
Enrico C
2005-06-15 12:25:22 UTC
Permalink
On Wed, 15 Jun 2005 13:41:17 +0200, Enrico C wrote in
Post by Enrico C
On Wed, 15 Jun 2005 10:49:56 GMT, Filippo wrote in
Post by Filippo
Post by Enrico C
1-No. Parte da una base di proteine non altissima ma cmq abbondante (da
1,1
Post by Enrico C
a 2,2 g per Kg di massa magra secondo l'attività svolta, e almeno 77 g per
tutti, conteggiando per semplicità solo le proteine animali), senza tener
conto che alcune persone possono vivere bene con quantitativi minori, e
che
Post by Enrico C
anzi per alcune categorie le proteine andrebbero limitate...
Tutto questo timore per le proteine, quando sono accompagnate da alte dosi
di alimenti alcalinizzanti a me pare ingiustificato.
Se abbassassimo anche le proteine ed aggiungessimo pane e pasta il carico
acidificante sarebbe lo stesso.
Un piatto di fagioli acidifica lo stesso?
Mi riferisco al fatto che Sears punta soprattutto sulle proteine animali
per tutti, e consiglia semmai soia ai vegetariani, se non sbaglio.
--
Enrico C
chicchi
2005-06-15 13:41:32 UTC
Permalink
"Enrico C" ha scritto
Post by Enrico C
Mi riferisco al fatto che Sears punta soprattutto sulle proteine animali
per tutti, e consiglia semmai soia ai vegetariani, se non sbaglio.
e quello della soia è l'unico libro di sears che non ho letto.
Cerco di evitarla il più possibile in tutte le sue forme,
palesi e/o nascoste.
Ciao
Enrico C
2005-06-15 11:41:18 UTC
Permalink
On Wed, 15 Jun 2005 10:49:56 GMT, Filippo wrote in
Post by Enrico C
Post by Enrico C
7-No. Il Dr Sears dice che il momento migliore per mangiare è quando non
si
Post by Enrico C
ha fame. Secondo me invece è proprio questo il principale errore che
spinge
Post by Enrico C
a ingrassare, mangiare quando non si ha vera fame fisica, ma solo fame
psicologica.
Il discorso è differente.
Sears non dice di mangiare dei dolcetti quando non si ha fame, dice di
prevenire la fame, mangiando ad orari prestabiliti, questo evita le fami di
difficile controllo.
D'accordo con la regolarità. Sono d'accordo che si debba cercare di
regolarizzare il proprio appetito secondo orari fissati e con pasti
frequenti, quindi senza aspettare la grande fame e senza spizzicare fuori
pasto. Ma la regolarità - dopo un po' - dovrebbe portarmi ad avere fame al
momento giusto, non a non averla!
Sears invece dice che il momento migliore per mangiare è... quando non si
ha fame.
Mi starebbe bene se dicesse: non aspettate di avere una fame da lupi! :)
Post by Enrico C
A mio modo di vedere la fame psicologica non esiste, è solo questione di
glicemia ed eventualmente leptina. Mia personalissima opinione.
Credo che se uno ascolta il proprio corpo e mangia solo le cose di cui
sente veramente il bisogno, e si ferma quando comincia ad avvertire la
sazietà, difficilmente sbaglia di molto (se ha anche l'accortezza di usare
cibi sazianti e non quelli meno sazianti, tipo le bibite dolcificate, per
esempio!)

Il cibo invece viene usato anche come gratificazione psicologica, in molti
casi, quindi si mangia anche a prescindere dalla fame fisica, mi pare.
--
Enrico C
Enrico C
2005-06-15 14:45:09 UTC
Permalink
Post by Filippo
Post by Enrico C
4-No. "Spinge" forse un po' troppo sull'uso di integratori, con tutto
l'indotto commerciale che ci gira intorno, piuttosto che sull'assunzione
degli stessi principi nutritivi dagli alimenti.
Questo lo fa per vendere sul suo sito.
Nel libro la zona anti età, è più morigerato.
Sears è sempre stato onesto sul fatto che la sua ambizione fosse un
successo anche economico. E' simpatico, nel libro "The Zone" ("Come
raggiungere la zona"), il racconto di come si accaparrò il mercato mondiale
della borragine, anni fa, pensando che fosse una pianta fondamentale per
l'integrazione (poi le sue aspettative furono deluse almeno parzialmente,
racconta egli stesso).

Sul suo sito, tra parentesi, consiglia di integrare anche con coenzima Q10,
L'ho ho visto anche in alcuni succhi di frutta in commercio.
Che ne dite?

===================================

"Coenzyme Q"

A while back you posted an article that indicated that the restriction of
coenzyme Q in rats increased life span due to its pro-oxidative properties.
How is this different than the coenzyme Q-10 that you support and
distribute on your Web site?

Regards,

Scott


--------------------------------------------------------------------------------

Dear Scott,

The pro-oxidative properties of fat-soluble oxidants are usually due to
excessive levels of omega-6 fatty acids in the body. These pro-oxidative
effects are limited with more omega-3 fatty acids. Coenzyme Q10 at levels
recommended is an excellent supplement.

http://www.drsears.com/drsearspages/askdrsearsdetail.jsp?AskDrSearsID=2413


=======================================
"CoQ10"

Dear Dr. Sears, I am 70 yrs old with CHF and had by pass surgery with valve
replacement 3/30/99. I'm doing OK but I recently read about studies that
have been done with ubiquinone supplements and heart patients. I want to
start taking Q10 (200-300mg a day) and I would like to be sure I am using
the best formulation. (my primary care Dr. told me not to waste my money on
Q10.) Contacting several companies who sell nutritional supplements has me
confused as they all say their method of formulation is the best! Two say
that they use a method that makes the Q10 water soluble. They claim this
makes their product 3-9 times more bioavailable than when dissolved in oil.
One company sells pure crystalline powder and tells me I can take it with
peanut butter (this is the least expensive). Can you comment or offer
suggestions? Thank You, Dave S. P.S. I have followed the Zone for over 3
yrs. and feel it saved my life!


--------------------------------------------------------------------------------

Dear Dave: I feel that the data on CoQ10 and congestive heart failure is
impressive. I would start at 100 mg/day and then gradually increase to a
maximum of 300 mg/day. CoQ10 is a fat-soluble compound, and therefore its
absorption will be maximized in the presence of dietary fat. If you can't
find a CoQ10 supplement in an oil base, then plan to take the supplement
with a Zone meal so there will be sufficient dietary fat to help solubilize
the dry CoQ10 for better absorption.

http://www.drsears.com/drsearspages/askdrsearsdetail.jsp?AskDrSearsID=238
Enrico C
2005-06-15 14:51:09 UTC
Permalink
On Wed, 15 Jun 2005 10:49:56 GMT, Filippo wrote in
Post by Filippo
Post by Enrico C
9-No. Nella sua classificazione dei carboidrati in base all'indice
glicemico, nel libro 'The Zone', mette la pasta nella tabella dei cibi
con
Post by Enrico C
indice glicemico tra 50 e 80 (rispetto al pane bianco), mentre gli
spaghetti di grano duro all'italiana, cotti al dente, possono avere indice
glicemico inferiore a 50.
In ogni modo la pasta è da evitare in un regime come la zona, pena patire la
fame.
Perché patire la fame? Non è tra i cibi più sazianti, a parità di potere
calorico, ma neanche tra quelli meno, specie se utilizzata in ragionevoli
quantità in piatti unici insieme ad altri alimenti...
Certo, chi vuole dimagrire fa bene a ridurla, ovviamente.
--
Enrico C
chicchi
2005-06-15 16:25:21 UTC
Permalink
"Enrico C" ha scritto
Post by Enrico C
Post by Filippo
In ogni modo la pasta è da evitare in un regime come la zona, pena patire la
fame.
Perché patire la fame? Non è tra i cibi più sazianti, a parità di potere
calorico, ma neanche tra quelli meno, specie se utilizzata in ragionevoli
quantità in piatti unici insieme ad altri alimenti...
Certo, chi vuole dimagrire fa bene a ridurla, ovviamente.
se interpreto il pensiero di Filippo, mangiando la pasta patisci la fame
perchè,
nella zona, ne puoi mangiare poca.
Scegliendo una pasta integrale multifibre,
magari per 3 miniblocchi ne puoi mangiare 50-60 gr;
scegliendo altro puoi mangiare magari un terrina di insalata e la famosa
mela!
La seconda opzione è più saziante (e più gustosa, almeno per me).
Ciao
Marc
2005-06-15 17:02:14 UTC
Permalink
Post by chicchi
se interpreto il pensiero di Filippo, mangiando la pasta patisci la fame
perchè,
nella zona, ne puoi mangiare poca.
Scegliendo una pasta integrale multifibre,
magari per 3 miniblocchi ne puoi mangiare 50-60 gr;
scegliendo altro puoi mangiare magari un terrina di insalata e la famosa
mela!
La seconda opzione è più saziante (e più gustosa, almeno per me).
Ciao
Sono d'accordo. Anche nel mio caso trovo piu' soddisfazione a mangiare
altro.
Inoltre facendo la zona da ormai 6 mesi il bisogno di pane e pasta e'
diminuito fino quasi ad azzerarsi.

Marc
rusca_64
2005-06-15 15:26:09 UTC
Permalink
Post by Enrico C
[elenco non completo, solo le prime cose che mi vengono in mente]
1-Ok.
quoto
Post by Enrico C
2-Ok.
quoto
Post by Enrico C
3-Ok. E', in fase dimagrante, un regime ipocalorico con (almeno in teoria)
un buon potere saziante,
qui sono d'accordo sul fatto che sia un regime ipocalorico ( a meno di
abbuffarsi di grassi che i + non conteggiano ), non sono d'accordo invece
sul fatto che sia un lato positivo .....
come viene mostrata la zona , pare essere la panacea di tutti i mali...
qualunque regime ipocalorico discretamente bilanciato favorisce il
dimagrimento, non c'era bisogno di sears
Post by Enrico C
4-Ok.
quoto , anche se un pò tutti stanno enfatizzando il discorso degli sbalzi
di insulina....mica tutti siamo uguali....ognuno reagisce a modo suo
Post by Enrico C
5-Ok.
quoto in parte , cioè non mi pare cosi problematico assumere grandi
quantità
di proteine
Post by Enrico C
6-Ok.
quoto , ma con la storia dei rapporti ci si sguazza un pò troppo,
insomma tra lo 0.60 e l'1 la differenza non è affatto cosa di poco
conto, cioè prova a pensare se il tuo capo ti dicesse
" ho deciso di aumentarti lo stipendio "
e tu " quanto ? "
"mah , pensavo tra 1 e 1.67 di quello che prendi ora "
nel primo caso gli pianto un calcio nelle gengive
nel secondo cominci a preoccuparti della tua verginità :-)))
i numeri bisogna anche leggerli !!!
Post by Enrico C
7-Ok.
quoto
Post by Enrico C
8-Ok.
quoto
Post by Enrico C
9-Ok.
beh diciamo che lui infatizza un poco di +
lui l'ha chiamata zona , come la zona farmacologica
ossia l'utilizzo del cibo come "farmaco" che se
preso nelle giuste dosi ( zona ) da grossi benefici...
io qui sarei molto cauto
Post by Enrico C
10-Ok.
quoto
Post by Enrico C
11-Ok.
quoto
Post by Enrico C
12-Ok.
io credo che la demonizzazione di sears verso i grassi saturi
sia perlomeno eccessiva.....se provi a cercare i vecchi studi
che + volte il caro xlater ha postato , sembra proprio non essere
cosi...

piccolo appunto , molti di questi punti positivi non sono
proprio farina del sacco di sears ...o sbaglio ?
Post by Enrico C
Invece, ecco alcuni punti che mi convincono meno o cmq dubbi, almeno
secondo me.
1-No.
ripeto , il quantitativo di proteine è una cosa che è stata
consigliata , ma non è detto che quantitativi maggiori di
2 gr x kg , siano davvero pericolosi....
Post by Enrico C
2-No.
sono d'accordo in parte ....ma sostanzialmente ok
Post by Enrico C
3-No. Nella fase "a regime", per chi ha già raggiunto la linea desiderata,
Sears prevede un aumento calorico derivante soprattutto da grassi
monoinsaturi, e in particolare olio d'oliva. Pur apprezzando molto l'EVO,
credo che una dieta basata in percentuali troppo alte sull'EVO diventerebbe
un po' noiosa, come minimo.
grassi a parte , è come se dicesse
ora che sei arrivato qui , cambiamo regime
quindi mi domando io , e la famosa zona farmacologica ?
Post by Enrico C
Inoltre, non prevede alcun aumento dei
carboidrati, neanche per chi sia in linea o faccia sport, e questo mi
sembra controproducente in certi casi (p.es. alcuni sportivi) e comunque
un'inutile limitazione troppo generalizzata, (mentre forse può avere un
senso per alcuni). Probabilmente, con una buona scelta delle fonti, anche
rapporti più alti in termini di carboidrati possono dare gli stessi
risultati di benessere, forse anche di controllo insulinico che tanto sta a
cuore Sears... e non per tutti i carboidrati sono un "inferno" che non si
riesce a gestire e che dà dipendenza!
quoto , aggiungo
se non riprestinati immediatamente gli zuccheri ,
vi sono scompensi a livello muscolare , poi fondamentalmente
il ripristino degli zuccheri allontana i catabolismi e
consente l'effetto anabolizzante derivante dall'insulina
non credo sia aspetti secondari....
a me pare francamente una "appropriata" dimenticanza
non può certo dire che ci vorrebbero gli zuccheri...
che figura farebbe ?
Post by Enrico C
4-No.
beh gli integratori li prendi solo se sei comodo ,
non credo siano indispensabili
Post by Enrico C
5-No.
quoto
Post by Enrico C
6-No. L'accento è invece più sul ruolo del cibo, sorta di "medicina" che
può migliorare (anche) le prestazioni atletiche, piuttosto che sul ruolo
fondamentale dello sport e del movimento, che secondo me è persino più
importante del tipo esatto di alimentazione e di piccole differenze nella
distribuzione percentuale tra i macronutrienti.
è un pò quello che ho scritto io a proposito della zona
farmacologica.....questa a me è la cosa che + mi manda in
" bestia ".....cioè una piccola differenza di macronutrienti
condiziona in modo cosi notevole addirittura le prestazioni
sportive.....
chi fa sport seriamente , sa benissimo che la miglior
alimentazione può solo aiutare a non far danni....
altro che una dieta può portare miglioramenti prestazionali
Post by Enrico C
7-No.
qui non ti rispondo ....io mangerei
vitanaturaldurante .........
Post by Enrico C
8-No.
beh diciamo invece che è perlomeno coerente
io francamente lo metterei negli aspetti positivi
Post by Enrico C
9-No.
non credo sia cosi importante
Post by Enrico C
10-No.
io non sono d'accordo con i periodi di ricarica ,
fondamentalmente se ti nutri bene e a sufficienza
non dovresti averne bisogno
Post by Enrico C
11-No.
se lui è convinto che sia la risoluzione
a tutti i problemi è chiaro che non fa distinzioni...
non essendo io d'accordo con lui quoto quanto
hai scritto
Post by Enrico C
12-No. Demonizzazione forse eccessiva dei grassi saturi.
quoto


cmq. al di la degli aspetti negativi , se facciamo
il gioco della bilancia , io la zona la terrei.
Insomma sono troppi gli aspetti positivi rispetto
a quelli negativi....

rusca
p.s. io la zona ( classica ) non la seguo
tempo fa ricordo di aver calcolato quanto
mangiavo , e credo di essermi accorto di
mangiare circa 30 -32 blocchi al giorno
....ma quasi perfettamente in zona :-))
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
chicchi
2005-06-15 16:30:10 UTC
Permalink
"rusca_64" ha scritto
Post by rusca_64
p.s. io la zona ( classica ) non la seguo
tempo fa ricordo di aver calcolato quanto
mangiavo , e credo di essermi accorto di
mangiare circa 30 -32 blocchi al giorno
....ma quasi perfettamente in zona :-))
mi sembra impossibile!
Vuol dire che mangi un casino!

Vorresti dire che potresti mangiare, in una giornata
qualcosa come
1 Kg di pollo
15-16 mele
90 noccioline?

Non ci credo nemmeno se vedo!

Ciao
GP
2005-06-15 21:59:43 UTC
Permalink
Post by chicchi
"rusca_64" ha scritto
Post by rusca_64
p.s. io la zona ( classica ) non la seguo
tempo fa ricordo di aver calcolato quanto
mangiavo , e credo di essermi accorto di
mangiare circa 30 -32 blocchi al giorno
....ma quasi perfettamente in zona :-))
mi sembra impossibile!
Vuol dire che mangi un casino!
Vorresti dire che potresti mangiare, in una giornata
qualcosa come
1 Kg di pollo
15-16 mele
90 noccioline?
Non ci credo nemmeno se vedo!
Ne abbiamo parlato in privato....
...pare che sia un caso più unico che raro di
"pozzo senza fondo"

Ciao
Gianni
rusca_64
2005-06-16 06:45:16 UTC
Permalink
Post by GP
Ne abbiamo parlato in privato....
....pare che sia un caso più unico che raro di
"pozzo senza fondo"
Ciao
Gianni
ma come ?
mi sputtani cosi difronte a tutti ?
mi metti alla merce di tutti ??
e io che pensavo ......

:-))))

rusca
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
rusca_64
2005-06-16 06:43:35 UTC
Permalink
Post by chicchi
mi sembra impossibile!
Vuol dire che mangi un casino!
probabilmente hai ragione , ma io col
cibo ho un rapporto diverso dal vostro...
io godo come un maiale quando vedo i piatti
che mi prepara mia moglie ,
a me si illuminano gli occhi quando mia
moglie mi preparail mio piatto preferito
( filetto di merluzzo alle cipolle ...
non ti dico le porzioni :-))) )
mia suocera è la donna + felice del mondo
quando il suo macellaio le taglia le costate
x me , xchè è l'unica occasione nella quale
può tagliare le costate come vuole lei
( circa 1.2 kg )
e ti dirò di +.....
non mangio + pasta , e mi limito a mezzo panino
integrale al giorno....
evito i dolci della pasticceria della suocera
evito i salumi del suocero ( allevatore )
insomma , mi trattengo..., mi controllo
Post by chicchi
Vorresti dire che potresti mangiare, in una giornata
qualcosa come
1 Kg di pollo
15-16 mele
90 noccioline?
mamma mia che tristezza :-((
tu 3000 kcal le mangeresti in
quel modo ?
rotfl...
ma parli di un pollo di un kg in un
giorno o solo a cena ?
Post by chicchi
Non ci credo nemmeno se vedo!
guarda che l'ultimo che ha detto
una cosa del genere si è trovato
senza 30 euri in tasca x una scommessa
persa.....
non ti dico x cosa li ha spesi , x una questione
di decenza...
Post by chicchi
Ciao
scherzi a parte , io ho sempre tanta fame
ma non prima di mettermi a tavola...
il mio problema è che una volta che inizio
non mi fermerei mai..

vabbhe ...ognuno ha i suoi problemi...
piccolo particolare ....credo che sia
anche un problema genetico...
ho un fratello minore che sino a qualche
tempo fa veniva chiamato rotowasch !!!!

rusca
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Teopas
2005-06-16 09:17:20 UTC
Permalink
Post by rusca_64
Post by chicchi
mi sembra impossibile!
Vuol dire che mangi un casino!
Post by chicchi
Non ci credo nemmeno se vedo!
guarda che l'ultimo che ha detto
una cosa del genere si è trovato
senza 30 euri in tasca x una scommessa
persa.....
non ti dico x cosa li ha spesi , x una questione
di decenza...
io ho un amico che (penso) sia come te. è magro, però nn magro/rachitico, ma
mangia come un' idrovora. quando me lo raccontava io nn ci credevo. be',
siamo usciti a cena insieme... mamma mia! io ce l' ho messa tutta, ma lui: 4
pizze (supercondite, anche col mascarpone), una porzione di patate al forno,
farinata con stracchino, 2 cannoli ripieni con panna sopra e poi è voluto
andare a prendersi un bel gelato. oh, e per mettere su 2 kili di muscoli gli
ci vogliono dei mesi! mah, beati voi:-))

ciao
teopas
Davide Piras
2005-06-16 09:34:29 UTC
Permalink
Post by Teopas
io ho un amico che (penso) sia come te. è magro, però nn magro/rachitico, ma
mangia come un' idrovora. quando me lo raccontava io nn ci credevo. be',
siamo usciti a cena insieme... mamma mia! io ce l' ho messa tutta, ma lui: 4
pizze (supercondite, anche col mascarpone), una porzione di patate al forno,
farinata con stracchino, 2 cannoli ripieni con panna sopra e poi è voluto
andare a prendersi un bel gelato. oh, e per mettere su 2 kili di muscoli gli
ci vogliono dei mesi! mah, beati voi:-))
Beh, se per riempirsi devono mangiare così tanto beati NOI!!

spendiamo meno e facciamo prima! :-)

Davide.
rusca_64
2005-06-16 10:29:10 UTC
Permalink
Post by Teopas
Post by rusca_64
guarda che l'ultimo che ha detto
una cosa del genere si è trovato
senza 30 euri in tasca x una scommessa
persa.....
non ti dico x cosa li ha spesi , x una questione
di decenza...
io ho un amico che (penso) sia come te. è magro, però nn magro/rachitico,
un momento !! io non sono magro affatto !!!
anzi . sono basso 1,68 e peso tra i 64-66 kg
ho un torace da 114 cm due spalle della madonna
e gambe molto muscolose
ma non sono affatto magro , ho dei bei cuscinetti
e manigliette ! ho fatto conto di circa il 14-16 %
di grasso.....insomma dovrei dimagrire ! credo
almeno 5 kg.....solo che è durissima
Post by Teopas
mangia come un' idrovora. quando me lo raccontava io nn ci credevo. be',
siamo usciti a cena insieme...
invece io non sono ghiotto di pizze e carbo
io adoro la carne ed il pesce in primis
cmq. le 30 euro erano x la terza costata
secondo lui non ce la potevo fare a mangiare
ma rotfl !!!!

quando il suocero ammazza i maiali e ci facciamo
le costine , in genere conto una ventina di
ossa alla fine !
Post by Teopas
oh, e per mettere su 2 kili di muscoli gli
ci vogliono dei mesi! mah, beati voi:-))
ma io non voglio mettere su muscoli ...
vorrei ridurre il peso....
ma tra rinunciare ad una bella spigola (intiera ) al forno
o dover fare 20 km di corsa , preferisco
correrne 22 e mettermi anche una piattata di verdure
Post by Teopas
ciao
teopas
p.s. trovo che belinata sia un modo gentile
per dire certe cose , certo se volessi accentuare
potrei utilizzare minkiata !!

comunque non sono ne genovese ne purtroppo
tantomeno siciliano:-((
sono un panatello alias brianza lecchese

rusca
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
chicchi
2005-06-16 10:27:08 UTC
Permalink
Post by rusca_64
Post by chicchi
Vorresti dire che potresti mangiare, in una giornata
qualcosa come
1 Kg di pollo
15-16 mele
90 noccioline?
mamma mia che tristezza :-((
tu 3000 kcal le mangeresti in
quel modo ?
rotfl...
ma parli di un pollo di un kg in un
giorno o solo a cena ?
certo che sarebbe triste, era solo per farmi un'idea della quantità!

Ma che taglia hai?
Sei un tipo ipercinetico, cioè fai sempre piccoli movimenti
in continuazione?

Ciao
rusca_64
2005-06-16 10:39:08 UTC
Permalink
Post by chicchi
certo che sarebbe triste, era solo per farmi un'idea della quantità!
si l'avevo capito dai !!
Post by chicchi
Sei un tipo ipercinetico, cioè fai sempre piccoli movimenti
in continuazione?
cosa vuol dire ipercinetico con piccoli movimenti in continuazione ?
è una nuova definizione ?

oddio ....io sono piccolino , se tu intendi piccoli
movimenti i miei passi , beh allora dico si ! :-))

faccio molta attività fisica , quello si
ora sono in riposo attivo , faccio circa
40 km alla settimana di corsa , ma molto
blanda , a fine mese riprendo la preparazione
seria ( x me ) e mi troverò alle prese con i
miei soliti problemi di fame insaziabile !!!

tu pensa che ho dovuto smettere di andare in
bicicletta xchè mi metteva adosso una fame
da paura , mangiavo in continuazione e davvero
tanto , ma tanto davvero , non come ora ....
ti giuro !!! ho dovuto smettere di andare in bici !
quando lo racconto non ci crede nessuno....
ti assicuro che non è una bella sensazione !!!

x la mia taglia leggi la risposta a teopass
Post by chicchi
Ciao
ciao rusca
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
chicchi
2005-06-16 15:01:10 UTC
Permalink
Post by rusca_64
Post by chicchi
certo che sarebbe triste, era solo per farmi un'idea della quantità!
si l'avevo capito dai !!
Post by chicchi
Sei un tipo ipercinetico, cioè fai sempre piccoli movimenti
in continuazione?
cosa vuol dire ipercinetico con piccoli movimenti in continuazione ?
è una nuova definizione ?
no intendo di quelli che sono sempre in movimento anche quando stanno fermi
(giri la testa per guardarti intorno, prendi gli oggetti e ci giochi,
insomma
uno che non sta mai fermo.
Mio cognato è così: mangia un casino e non ingrassa. Non fa grande sport, ma
non è mai fermo un attimo!

Ma quanto spendi per maniare?

Ho visto che sei al sud (mi pare)
e questo ti aiuta sicuramente :-)

ciao
rusca_64
2005-06-16 15:25:30 UTC
Permalink
Post by chicchi
no intendo di quelli che sono sempre in movimento anche quando stanno fermi
(giri la testa per guardarti intorno, prendi gli oggetti e ci giochi,
insomma
uno che non sta mai fermo.
no niente di tutto questo , sono un mezzo sportivo ,
nel senso che faccio sempre qualcosa di sportivo ,
corro-scio -alpinismo
Post by chicchi
Ma quanto spendi per maniare?
beh....mica tanto...
mia moglie mangia molto poco
e le mie due scimmiette sono ancora
piccole....speriamo che non crescano
come il padre :-))
Post by chicchi
Ho visto che sei al sud (mi pare)
e questo ti aiuta sicuramente :-)
magari fossi al sud ...magari
miiiiiiii che scorpacciata di
roba buona mi farei....

qui da me ( brianza ) se magna da cane !!
Post by chicchi
ciao
rusca
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Continua a leggere su narkive:
Risultati di ricerca per 'Zona, pro e contro' (newsgroup and mailinglist)
129
risposte
Immersione solitaria: pro e contro
iniziato 2007-04-11 09:04:56 UTC
it.hobby.scuba
42
risposte
Tetto apribile: pro e contro? Vale la spesa?
iniziato 2009-05-06 20:18:38 UTC
it.discussioni.auto
19
risposte
AB KING Pro e Contro
iniziato 2006-09-11 18:39:40 UTC
it.sport.palestra
14
risposte
Pro e Contro tra Palm e PPC
iniziato 2004-08-29 15:30:00 UTC
it.comp.hardware.palmari
7
risposte
Allegri pro e contro
iniziato 2016-12-29 20:54:00 UTC
it-alt.sport.calcio.juventus
Risultati di ricerca per 'Zona, pro e contro' (Domande e Risposte)
4
risposte
pratico pro e contro per Nuvinci CVT soprattutto per terreni collinari
iniziato 2011-09-07 13:41:25 UTC
biciclette
9
risposte
Pro e contro del parto cesareo?
iniziato 2013-04-08 09:57:21 UTC
genitorialità
6
risposte
Quali sono i pro e i contro del raddoppio su due ottoni?
iniziato 2012-04-16 14:44:07 UTC
musica
5
risposte
Quali sono i pro ei contro del No-Cook Backpacking?
iniziato 2015-08-08 02:30:48 UTC
all'aperto
2
risposte
Quali sono i pro e i contro dell'utilizzo di Zibgee su BLE o viceversa per l'applicazione IOT?
iniziato 2015-08-08 04:31:06 UTC
ingegneria
Discussioni interessanti ma non correlate
1
rispondi
Quando qualcuno con il glaucoma vede arcobaleni intorno alle luci, cosa sta succedendo esattamente fisicamente?
iniziato 2015-04-24 02:04:39 UTC
1
rispondi
Quali sono i rischi derivanti dal fumo o dal bere e quindi dalla donazione del sangue?
iniziato 2015-04-24 04:41:47 UTC
2
risposte
Mangiare sano e sportivo, ingrassare
iniziato 2015-04-24 05:55:05 UTC
1
rispondi
Quali sono alcune procedure di trattamento per l'insufficienza aortica?
iniziato 2015-04-24 18:44:43 UTC
3
risposte
In che modo i dolcificanti artificiali influenzano la perdita di peso?
iniziato 2015-04-24 19:14:39 UTC
Loading...