Discussione:
un consiglio da silver
(troppo vecchio per rispondere)
jarod.77
2004-06-08 09:25:08 UTC
Permalink
Ciao, ho letto diverse discussioni sul fatto che spesso è difficile
dimagrire, pur facendo tanto sport o stando tanto attenti nel mangiare,
ovviamente sbaglio qualcosa o non seguo il giusto metodo di alimentazione
perchè se dimagrisco spesso perdo peso dove non ne ho bisogno, non sono
grasso ma vorrei "calare" la cosidetta pancetta e le "cosidette" maniglie
dell'amore, confido nel consiglio di qualcuno

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Silver
2004-06-08 11:41:03 UTC
Permalink
Post by jarod.77
Ciao, ho letto diverse discussioni sul fatto che spesso è difficile
dimagrire, pur facendo tanto sport o stando tanto attenti nel mangiare,
ovviamente sbaglio qualcosa o non seguo il giusto metodo di alimentazione
perchè se dimagrisco spesso perdo peso dove non ne ho bisogno,
cosa intendi con "dove non ne ho bisogno"? É stato deto molte volte che non
decidiamo noi dove perdere grasso così come non decidiamo dove accumularlo.
Se si è attenti alla dieta e si fa tanto sport è facilissimo dimagrire...ma
se con questo pensi cose del tipo 7 kg in 7 giorni allora sei fuori strada.

non sono
Post by jarod.77
grasso ma vorrei "calare" la cosidetta pancetta e le "cosidette" maniglie
dell'amore, confido nel consiglio di qualcuno
Se hai già lurkato un po' avrai capito che non postando i tuoi dati, la tua
dieta e l'attività che fai non possiamo darti nessun consiglio concreto ma
limitarci a un "cura l'alimentazione e fai lavoro aerobico"
jarod.77
2004-06-08 13:31:59 UTC
Permalink
Post by Silver
Se hai già lurkato un po' avrai capito che non postando i tuoi dati, la tua
dieta e l'attività che fai non possiamo darti nessun consiglio concreto ma
limitarci a un "cura l'alimentazione e fai lavoro aerobico"
Sono alto 1.80 e peso 87Kg, vorrei avere un consiglio su come regolare la
mia alimentazione nel modo più corretto, a pranzo solitamente mangio la
pasta e un po di pizza, niente spuntini tra i pasti e spesso a cena mangio
carne, ovviamente non è giusta via da seguire, come dovrei regolarmi, oltre
ovviamente a ridurre le dosi di quello che mangio? é giusto quello che si
dice che eliminando il pane dai pasti si aiuta a perdere peso? avendo un
metabolismo molto lento come posso accellerarlo se questo è possibile?
confido nei vostri consigli

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
mat
2004-06-08 16:54:17 UTC
Permalink
Post by jarod.77
pasta e un po di pizza, niente spuntini tra i pasti e spesso a cena mangio
carne, ovviamente non è giusta via da seguire, come dovrei regolarmi, oltre
ovviamente a ridurre le dosi di quello che mangio?
Se prendi una tabella alimentare noterai che pasta,pizza,pane mandano alle
stelle le kcalorie,quindi cerca di moderarli.
Prendi l'abitudine di verificare ogni giorno le kcalorie ed i macronutrienti
che assumi,calcolando il tuo metabolismo basale potrai subito farti un'idea
molto spannometrica sulle modifiche da apportare alla tua alimentazione.


avendo un
Post by jarod.77
metabolismo molto lento come posso accellerarlo se questo è possibile?
confido nei vostri consigli
Secondo la mia opinione,potrei consigliarti di fare +pasti giornalieri,ma
+contenuti.
Se vuoi dimagrire ricorda che l'attività aerobica è essenziale.
saluti
Silver
2004-06-09 11:45:50 UTC
Permalink
Post by jarod.77
Sono alto 1.80 e peso 87Kg, vorrei avere un consiglio su come regolare la
mia alimentazione nel modo più corretto, a pranzo solitamente mangio la
pasta e un po di pizza, niente spuntini tra i pasti e spesso a cena mangio
carne, ovviamente non è giusta via da seguire, come dovrei regolarmi, oltre
ovviamente a ridurre le dosi di quello che mangio?
Devi abituarti a fare 3 pasti principali (colazione, pranzo e cena) + 2
spuntini. Imho tenta di non fare pasti sbilanciati verso un macronutriente:
per esempio a pranzo solo pasta = carboidrati, a cene solo carne e verdura.
Diminuirre le razioni non è una frase corretta. Devi calcolare quanto mangi
attualmente e vedere dove eccedi, solo allora potrai decidere che
aggiustamenti fare.
Post by jarod.77
é giusto quello che si
dice che eliminando il pane dai pasti si aiuta a perdere peso?
Prenderla come regola assoluta è una cavolata. Poi sopra non hai detto di
mangiare anche il pane. Devi assumere la giusta quantità dei tre
macronutrienti. Ci sono diverse teorie su quali siano le giuste quantità,
tutte portano a dei risultati, non ti resta che informarti e scegliere
quella che si adatta meglio al tuo stile di vita.
Post by jarod.77
avendo un
metabolismo molto lento come posso accellerarlo se questo è possibile?
Mi spieghi come sei arrivato a questa conclusione? Fai ripartire il
metabolismo con dell'attività fisica da svolgerei regolarmente
Günther Baur
2004-06-11 20:12:30 UTC
Permalink
Carissimo,
Post by jarod.77
Sono alto 1.80 e peso 87Kg, vorrei avere un consiglio su come regolare la
mia alimentazione nel modo più corretto, [cut]
Ti rispondo perché i tuoi dati mi ricordano i miei di 11 anni fa. Vai
al mio sito www.salutenaturale.cc la trovi una foto di quando io avevo
87 kg e sono alto come te, 1.80!
Il modo più corretto sotto il profilo della salute e del benessere é
senza ombra di dubbio l'alimentazione per la quale il ns. organismo é
programmato, cioé il crudo naturale. Tutti i cibi manipolati
dall'intelligenza umana fanno male, non uccidono subito ma inquinano
l'organismo fino ad debilitarlo e a fargli soffrire malattie, prime le
più innocue e poi sempre più gravi! Non ci sono eccezioni e
scorciatoie.... basta leggere le statistiche dello stato di salute
della popolazione per rendersi conto delle strage del cibo cotto.

Ciao Gunther
Andrea Tibaldi
2004-06-08 12:11:33 UTC
Permalink
Post by jarod.77
Ciao, ho letto diverse discussioni sul fatto che spesso è difficile
dimagrire, pur facendo tanto sport o stando tanto attenti nel mangiare,
Il "mito delle calorie"... Non esiste. Se mangi meno di quello che consumi,
dimagrisci. Di più, ingrassi. Uguale, rimani tal quale.
Post by jarod.77
ovviamente sbaglio qualcosa o non seguo il giusto metodo di alimentazione
perchè se dimagrisco spesso perdo peso dove non ne ho bisogno, non sono
grasso ma vorrei "calare" la cosidetta pancetta e le "cosidette" maniglie
dell'amore, confido nel consiglio di qualcuno
Il grasso localizzato è l'ultimo ad andarsene, per mandare via le maniglie
devi prima mandare via tutto il resto: la tua linea rimane quella, si
assottiglia a poco a poco in modo proporzionale. E' ovvio che le maniglie
rischiano di vedersi ancora di più all'inizio del dimagrimento, perché non
vengono più "nascoste" dal resto del grasso.

Tutto ciò se la dieta è equilibrata... Se segui una dieta devi sapere quante
calorie e macronutrienti stai assumendo, altrimenti è ovvio che se ti limiti
e basta senza avere una idea del quanto e del come puoi ottenere risultati
grossolani ma sicuramente gli ultimi kg non li mandi via. Se sei sovrappeso
di 15 kg i primi 5 li butti giù evitando gli eccessi, altri 5 stando attento
a ciò che mangi, ma gli ultimi 5 ti devi mettere a contare tutto altrimenti
te li tieni.

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Marina
2004-06-08 19:53:04 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Se sei sovrappeso
di 15 kg i primi 5 li butti giù evitando gli eccessi, altri 5
stando attento a ciò che mangi, ma gli ultimi 5 ti devi mettere a
contare tutto altrimenti te li tieni.
Ma un approccio del tipo: "perdo 5 chili e mi stabilizzo poi ne perdo
altri 5, mi stabilizzo e infine attacco gli ultimi", e' corretto?
E perche', pur continuando a introdurre meno calorie del necessario la
perdita di peso si interrompe?
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Silver
2004-06-09 11:50:22 UTC
Permalink
Post by Marina
Ma un approccio del tipo: "perdo 5 chili e mi stabilizzo poi ne perdo
altri 5, mi stabilizzo e infine attacco gli ultimi", e' corretto?
Esponi meglio l'idea, intendi in X mesi perdo 5 chili, aspetto 1 mese in cui
faccio una dieta di mantenimento e poi riattacco per X mesi per perderne
altri 5? É un ragionamento per chi è destinato a fallire una dieta
imho...fare la "faticaccia" per pochi mesi e poi ritornare a mangiare di
più...si rischia facilemente di tornare agli standart predieta e riprendere
i kg persi.
Se si adotta una dieta equilibrata e poco ipocalorica abbianta a una
attività fisica reolare il dimagrimento avviene in maniera costante senza
subire flessioni di alcun genere e dimagrire non comporta eccessivi sforzi
ma solo tempo.
Post by Marina
E perche', pur continuando a introdurre meno calorie del necessario la
perdita di peso si interrompe?
Effetto carestia...il corpo si adatta consumando di meno. Intendere un
periodo di dimagrimento come un periodo in cui si mangia da fame non è,
imho, il giusto approccio, nè tantomento un metodo che dà risultati a lungo
termine.
Marina
2004-06-09 15:26:02 UTC
Permalink
Post by Silver
Esponi meglio l'idea, intendi in X mesi perdo 5 chili, aspetto 1
mese in cui faccio una dieta di mantenimento e poi riattacco per X
mesi per perderne altri 5? É un ragionamento per chi è destinato a
fallire una dieta imho...fare la "faticaccia" per pochi mesi e poi
ritornare a mangiare di più...si rischia facilemente di tornare
agli standart predieta e riprendere i kg persi.
Non tornare a mangiare di piu', fare mantenimento, non ingrassare non
dimagrire.
Per evitare appunto l'effetto carestia.
Post by Silver
Se si adotta una dieta equilibrata e poco ipocalorica abbianta a
una attività fisica reolare il dimagrimento avviene in maniera
costante senza subire flessioni di alcun genere e dimagrire non
comporta eccessivi sforzi ma solo tempo.
Non e' vero a un certo punto si smette di dimagrire nonostante la
dieta.
Post by Silver
Effetto carestia...il corpo si adatta consumando di meno.
Intendere un periodo di dimagrimento come un periodo in cui si
mangia da fame non è, imho, il giusto approccio, nè tantomento un
metodo che dà risultati a lungo termine.
No infatti, per questo proponevo di alternare momenti ipocalorici con
momenti normolalorici (si dice cosi'?)
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Silver
2004-06-09 23:58:23 UTC
Permalink
Post by Marina
Non tornare a mangiare di piu', fare mantenimento, non ingrassare non
dimagrire.
Per evitare appunto l'effetto carestia.
ah quello che pensavo.
Post by Marina
Post by Silver
Se si adotta una dieta equilibrata e poco ipocalorica abbianta a
una attività fisica reolare il dimagrimento avviene in maniera
costante senza subire flessioni di alcun genere e dimagrire non
comporta eccessivi sforzi ma solo tempo.
Non e' vero a un certo punto si smette di dimagrire nonostante la
dieta.
Ti sbagli; quando sei in questi periodi di stallo vuol dire che la dieta
fatta fino a adesso era approssimativa e ora va resa più precisa. Esempio:
partendo da una situazione di obesità....comincia a tagliare a casaccio i
tuoi pasti e comincia a fare sport-->dimagrisci per un tot poi arriva lo
stallo-->comincia a tagliare con razionalità pensando solo in termini di
"grassi da evitare"-->dimagrisci--->stallo-->riadatti l'introito calorico
(che ora calcoli) al tuo nuovo peso e scopri il mondo della nutrizione,
apprendi che una dieta a zero grassi non fa dimagrire perchè essi sono
essenziali (e con una dieta ipolipidica il corpo si guarda bene
dall'utilizzarli) e riduci la FC durante il lavoro aerobico-->dimagrisci
fino ad arrivare al 12% di massa grassa. Se vuoi continuare devi fare
calcoli scupolosi di cià che mangi e ottimizzare il lavoro aerobico; arrivi
anche al 7-8 % e se vuoi scendere ancora vuol dire che stai per andare a
gareggiare come BBer
Post by Marina
No infatti, per questo proponevo di alternare momenti ipocalorici con
momenti normolalorici (si dice cosi'?)
Se il defici calorico(rispetto al fabbisogno giornaliero e *non* rispetto al
metabolismo basale) è poco si dimagrisce costantemente senza temere nessun
effetto carestia.
Marina
2004-06-10 09:42:10 UTC
Permalink
Post by Silver
(e con una dieta ipolipidica il corpo si guarda bene
dall'utilizzarli) e riduci la FC durante il lavoro
aerobico-->dimagrisci fino ad arrivare al 12% di massa grassa. Se
vuoi continuare devi fare calcoli scupolosi di cià che mangi e
ottimizzare il lavoro aerobico; arrivi anche al 7-8 % e se vuoi
scendere ancora vuol dire che stai per andare a gareggiare come
BBer
Ma il limite da non oltrepassare (per una donna) non e' del 15%?
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Silver
2004-06-10 15:24:16 UTC
Permalink
Post by Marina
Post by Silver
(e con una dieta ipolipidica il corpo si guarda bene
dall'utilizzarli) e riduci la FC durante il lavoro
aerobico-->dimagrisci fino ad arrivare al 12% di massa grassa. Se
vuoi continuare devi fare calcoli scupolosi di cià che mangi e
ottimizzare il lavoro aerobico; arrivi anche al 7-8 % e se vuoi
scendere ancora vuol dire che stai per andare a gareggiare come
BBer
Ma il limite da non oltrepassare (per una donna) non e' del 15%?
Non credo, le ginnaste e le BBer donne mi sa che avranno % fat minore. Certo
deve essere sempre superiore a quella dell'uomo per evidenti ragioni.

Cmq lo ammetto, nell'esempio ho pensato a un individuo di sesso maschile.
Andrea Tibaldi
2004-06-09 15:17:40 UTC
Permalink
Post by Marina
Post by Andrea Tibaldi
Se sei sovrappeso
di 15 kg i primi 5 li butti giù evitando gli eccessi, altri 5
stando attento a ciò che mangi, ma gli ultimi 5 ti devi mettere a
contare tutto altrimenti te li tieni.
Ma un approccio del tipo: "perdo 5 chili e mi stabilizzo poi ne perdo
altri 5, mi stabilizzo e infine attacco gli ultimi", e' corretto?
Perché no... Stare a dieta non è semplice, leggi la metafora della scalata:
http://www.cibo360.it/cibo_salute/obesita/curare/scalata.htm
è specifica per gli obesi, ma vale per qualunque dimagrimento.
Anzi, per evitare l'effetto carestia potrebbe addirittura essere utile dare
una spinta al metabolismo con una alimentazione normocalorica inserita in
mezzo a due periodi di alimentazione ipocalorica.
Post by Marina
E perche', pur continuando a introdurre meno calorie del necessario la
perdita di peso si interrompe?
Per due motivi. Uno è il calo del metabolismo dovuto al cosiddetto effetto
carestia illustrato nel post di silver.
L'altro è semplicemente quello dovuto al calo del metabolismo causato dal
calo di peso: portarsi dietro 5 kg in più costa calorie, quindi dimagrire,
anche se solo di grasso, significa consumare meno.

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Post by Marina
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Marina
2004-06-09 15:26:56 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
L'altro è semplicemente quello dovuto al calo del metabolismo
causato dal calo di peso: portarsi dietro 5 kg in più costa
calorie, quindi dimagrire, anche se solo di grasso, significa
consumare meno.
Praticamente il fabbisogno calorico dimunuisce, a questo punto dovrebbe
essere importante l'attivita' fisica allora.
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Andrea Tibaldi
2004-06-09 18:05:46 UTC
Permalink
Post by Marina
Praticamente il fabbisogno calorico dimunuisce, a questo punto dovrebbe
essere importante l'attivita' fisica allora.
Diciamo che l'attività fisica è indispensabile per chiunque voglia rimanere
in peso forma senza dover letteralmente fare la fame. E purtroppo i classici
20 minuti di camminata non bastano...

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Post by Marina
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Marina
2004-06-10 12:08:47 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
E purtroppo i classici
20 minuti di camminata non bastano...
Di corsa direi.
Io preferisco i pesi per minimizzare la perdita di muscolatura.
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Andrea Tibaldi
2004-06-10 12:51:52 UTC
Permalink
Post by Marina
Post by Andrea Tibaldi
E purtroppo i classici
20 minuti di camminata non bastano...
Di corsa direi.
Io preferisco i pesi per minimizzare la perdita di muscolatura.
I pesi vanno bene per minimizzare la perdita di muscolatura, ma purtroppo
fanno consumare ben poco... Da soli non bastano per consumare una quantità
decente di calorie, vanno bene come integrazione al lavoro aerobico. 20 min
di corsa (non corsetta...) e mezzo'ora di pesi almeno 4 volte la settimana
inizia ad essere una attività fisica decente.

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Post by Marina
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Silver
2004-06-10 15:28:05 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
I pesi vanno bene per minimizzare la perdita di muscolatura, ma purtroppo
fanno consumare ben poco... Da soli non bastano per consumare una quantità
decente di calorie, vanno bene come integrazione al lavoro aerobico. 20 min
di corsa (non corsetta...) e mezzo'ora di pesi almeno 4 volte la settimana
inizia ad essere una attività fisica decente.
Anche se si consumassero 400 kcal coi pesi, queste non servirebbero a niente
se uno ha come scopo il dimagrimento. Per questo c'è solo da fare lavoro
aerobico, che se associato a sedute di pesi e una dieta che fornisce
abbastanza proteine permette di mantenere intatta la massa magra.

Imho nel dimagrimento bisogna fare molto lavoro aerobico(4-5 volte a
settimana) e poco coi pesi (2-3 volte a settimana, anche insieme
all'aerobica) ma solo per problemi di tempo.
Andrea Tibaldi
2004-06-11 10:21:14 UTC
Permalink
Post by Silver
Post by Andrea Tibaldi
I pesi vanno bene per minimizzare la perdita di muscolatura, ma purtroppo
fanno consumare ben poco... Da soli non bastano per consumare una quantità
decente di calorie, vanno bene come integrazione al lavoro aerobico. 20
min
Post by Andrea Tibaldi
di corsa (non corsetta...) e mezzo'ora di pesi almeno 4 volte la settimana
inizia ad essere una attività fisica decente.
Anche se si consumassero 400 kcal coi pesi, queste non servirebbero a niente
se uno ha come scopo il dimagrimento.
Capisco quello che dici, ma non sono daccordo. Per dimagrire basta consumare
più di quello che si assume. Come lo consumi centra ma relativamente. Il
problema è che bruciare 400 kcal solo con i pesi significa per molti fare un
ora e mezza di allenamento, e questo significa che devi lavorare con pesi
leggeri (se no hai dolori per una settimana!), e in definitiva questo
significa che stai facendo lavoro aerobico, ma con i pesi!

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it


Per questo c'è solo da fare lavoro
Post by Silver
aerobico, che se associato a sedute di pesi e una dieta che fornisce
abbastanza proteine permette di mantenere intatta la massa magra.
Imho nel dimagrimento bisogna fare molto lavoro aerobico(4-5 volte a
settimana) e poco coi pesi (2-3 volte a settimana, anche insieme
all'aerobica) ma solo per problemi di tempo.
Silver
2004-06-11 20:47:09 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Capisco quello che dici, ma non sono daccordo. Per dimagrire basta consumare
più di quello che si assume. Come lo consumi centra ma relativamente.
Lavorando con pesi pesanti 400 kcal si traducono in una perdita di muscoli
sul momento. Se mangi di meno di ciò che bruci il muscolo non si ricostruirà
e il peso perso non significherà una perdita di grasso, ma di
muscoli!
Post by Andrea Tibaldi
Il problema è che bruciare 400 kcal solo con i pesi significa per molti
fare un
Post by Andrea Tibaldi
ora e mezza di allenamento,
Direi che siamo sull'arco di 50-60 minuti...ma ribadisco che non c'entra
niente
Post by Andrea Tibaldi
e questo significa che devi lavorare con pesi
leggeri (se no hai dolori per una settimana!), e in definitiva questo
significa che stai facendo lavoro aerobico, ma con i pesi!
I dolori (DOMS) li puoi avere se parti da zero e provi subito a maneggiare
pesi pesanti...una volta fatta una scheda preparatoria di 2-3settimane sei
pronto per partire coi carichi.
É vero che lavorando con pesi leggeri faresti lavoro aerobico...ma ha senso
fare 1 ora di noia (molta più della corsa o cyclette imho) per sole 400 kcal
quando attività definite "aerobiche" (corsa per esempio) fanno bruciare
molto di più nello stesso tempo??
.
Post by Andrea Tibaldi
Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Andrea Tibaldi
2004-06-12 06:35:59 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Post by Andrea Tibaldi
Capisco quello che dici, ma non sono daccordo. Per dimagrire basta
consumare
Post by Andrea Tibaldi
più di quello che si assume. Come lo consumi centra ma relativamente.
Lavorando con pesi pesanti 400 kcal si traducono in una perdita di muscoli
sul momento. Se mangi di meno di ciò che bruci il muscolo non si ricostruirà
e il peso perso non significherà una perdita di grasso, ma di
muscoli!
Penso che stiamo dicendo la stessa cosa, motivandola in modo diverso cioè
cogliendo diverse sfumature di una cosa comunque sbagliata o non ottimale.
Infatti, riassumento quello che dico io e quello che dici tu si traccia un
discorso di questo tipo:

Durante un regime ipocalorico non ha alcun senso fare un programma di
potenziamento (come affermi giustamente sopra) QUINDI
l'allenamento con i pesi deve essere leggero ("di mantenimento") QUINDI
non è possibile consumare tante calorie solo con i pesi, a meno di non far
diventare il lavoro con i pesi un lavoro aerobico QUINDI
dato che non ha senso fare un lavoro aerobico con i pesi, bisogna fare un
lavoro aerobico classico durante il dimagrimento, associato a un lavoro
leggero o medio con i pesi.

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Post by Andrea Tibaldi
Post by Andrea Tibaldi
Il problema è che bruciare 400 kcal solo con i pesi significa per molti
fare un
Post by Andrea Tibaldi
ora e mezza di allenamento,
Direi che siamo sull'arco di 50-60 minuti...ma ribadisco che non c'entra
niente
Post by Andrea Tibaldi
e questo significa che devi lavorare con pesi
leggeri (se no hai dolori per una settimana!), e in definitiva questo
significa che stai facendo lavoro aerobico, ma con i pesi!
I dolori (DOMS) li puoi avere se parti da zero e provi subito a maneggiare
pesi pesanti...una volta fatta una scheda preparatoria di 2-3settimane sei
pronto per partire coi carichi.
É vero che lavorando con pesi leggeri faresti lavoro aerobico...ma ha senso
fare 1 ora di noia (molta più della corsa o cyclette imho) per sole 400 kcal
quando attività definite "aerobiche" (corsa per esempio) fanno bruciare
molto di più nello stesso tempo??
.
Post by Andrea Tibaldi
Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Marina
2004-06-12 07:43:20 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
l'allenamento con i pesi deve essere leggero ("di mantenimento")
QUINDI non è possibile consumare tante calorie solo con i pesi, a
meno di non far diventare il lavoro con i pesi un lavoro aerobico
QUINDI
Io credo che dimagrire con la ginnastica, seppure aerobica, sia pura
utopia.
Il lavoro fisico si fa per stare in forma, per tonificare; per
dimagrire bisogna mangiare bene.
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Andrea Tibaldi
2004-06-12 13:59:35 UTC
Permalink
Post by Marina
Post by Andrea Tibaldi
l'allenamento con i pesi deve essere leggero ("di mantenimento")
QUINDI non è possibile consumare tante calorie solo con i pesi, a
meno di non far diventare il lavoro con i pesi un lavoro aerobico
QUINDI
Io credo che dimagrire con la ginnastica, seppure aerobica, sia pura
utopia.
Dieta e esercizio fisico sono due concetti inscindibili per rimanere magri
(condizione necessaria per essere in forma).
Se mangi bene ma non fai attività fisica, o hai un'appetito da formica (e
alcuni ce l'hanno, ma pochi) oppure ingrassi perché prima o poi il tuo
metabolismo scende (con l'età, fisiologicamente).
Se fai anche tanto sport e poi ti abbuffi (e quando fai tanto sport hai
TANTA fame) ingrassi comunque, a meno che non fai 3-4 ore di sport
intensamente ogni giorno, allora scatta un meccanismo per il quale non hai
nemmeno tanto tempo per mangiare e quindi è facile che devi addirittura
integrare le calorie spese.

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Post by Marina
Il lavoro fisico si fa per stare in forma, per tonificare; per
dimagrire bisogna mangiare bene.
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Marina
2004-06-13 22:35:10 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Se fai anche tanto sport e poi ti abbuffi (e quando fai tanto
sport hai TANTA fame) ingrassi comunque, a meno che non fai 3-4
ore di sport intensamente ogni giorno,
Sono d'accordo ma il numero di persone che fanno tanto sport e'
risibile.
Normalmente la dieta deve essere accoppiata all'esercizio fisico.
La dieta per dimagrire (o restare magri)e l'esercizio per restare
tonici.
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Silver
2004-06-12 16:16:47 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Durante un regime ipocalorico non ha alcun senso fare un programma di
potenziamento (come affermi giustamente sopra)
Esatto, è impossibile potenziarsi in ipocalorica (tranne nei casi di grave
obesità) perchè, imho, ciò comprende oltre alle sedute con "carichi pesanti"
e basse ripetizioni anche il mangiare oltre ciò che si consuma per, appunto,
costruire muscoli e forza.
Se al mio programma di potenziamento sostituiamo il mangiar tanto col
mangiar poco allora si continuerà a fare lo stesso tipo di allenamento ma nè
la forza nè la massa aumentarenno.

QUINDI
Post by Andrea Tibaldi
l'allenamento con i pesi deve essere leggero ("di mantenimento")
Su ciò non sono d'accordo...sia nei periodi di massa sia in quelli di
definizione le serie degli esercizi devono essere portate a sfinimento pena
un maggior catabolismo muscolare dovuto al fatto che il corpo tenta di
disfarsi della materia in eccessi (non utilizzata) che gli chiede energia
non disponibile al momento (perchè in ipocalorica).
Con sedute sempre pesanti e un apporto proteico giornaliero adeguato (1.5/2
gr per kg) il catabolismo si riduce al minimo e si dimagrisce senza perdere
muscoli.
Post by Andrea Tibaldi
QUINDI
non è possibile consumare tante calorie solo con i pesi, a meno di non far
diventare il lavoro con i pesi un lavoro aerobico
forse è il contrario...con un lavoro anaerobico si consumano molte + calorie
che con un lavoro aerobico, solo che non sono a fini dimagranti.
Post by Andrea Tibaldi
QUINDI
dato che non ha senso fare un lavoro aerobico con i pesi, bisogna fare un
lavoro aerobico classico durante il dimagrimento, associato a un lavoro
leggero o medio con i pesi.
sul primo pezzo OK, per quanto riguarda il lavoro coi pesi ho esposto sopra
la mia idea.
Marina
2004-06-13 22:32:57 UTC
Permalink
Post by Silver
Con sedute sempre pesanti e un apporto proteico giornaliero
adeguato (1.5/2 gr per kg) il catabolismo si riduce al minimo e si
dimagrisce senza perdere muscoli.
Secondo te se io sto a dieta e faccio un lavoro normale con i pesi
perdo muscoli?
Nella mia personale esperienza ho notato che il lavoro con i pesi fa
spingere l'accelleratore del dimagrimento piu' del lavoro aerobico.
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Silver
2004-06-14 19:30:59 UTC
Permalink
Post by Marina
Secondo te se io sto a dieta e faccio un lavoro normale con i pesi
perdo muscoli?
Dipende dal tipo di dieta e dal tuo lavoro normale...se corrispondono alla
definizione di quello che avevo scritto allora non li perdi sicuramente;
altrimenti bisognerebbe fare delle distinzioni...per esempio se arrivi alla
fine del lavoro coi pesi che sei fresca come appena entrata in palestra
allora il lavoro fatto non è sufficiente a causare un catabolismo.
Post by Marina
Nella mia personale esperienza ho notato che il lavoro con i pesi fa
spingere l'accelleratore del dimagrimento piu' del lavoro aerobico.
Cosa intendi? Che facendo dieta + 3 volte pesi e basta dimagrisci di più che
fare dieta + aerobica 3 volte a settimana, dando per assodato che seduta di
pesi e seduta di aerobica durano entrambe 1 ora?
O semplicemente perdi + peso e basta?
Marina
2004-06-14 22:33:49 UTC
Permalink
Post by Silver
Dipende dal tipo di dieta e dal tuo lavoro normale...se
corrispondono alla definizione di quello che avevo scritto allora
non li perdi sicuramente; altrimenti bisognerebbe fare delle
distinzioni...per esempio se arrivi alla fine del lavoro coi pesi
che sei fresca come appena entrata in palestra allora il lavoro
fatto non è sufficiente a causare un catabolismo.
Eh no... sono stanca morta quando ho finito.
Tieni anche presente che sono femminuccia e ingrossare i muscoli non e'
nelle mie priorita'.
Pero' ho 42 anni e con l'eta' i muscoli tendono a diminuire, se si sta
a dieta peggio ancora.
Post by Silver
Post by Marina
Nella mia personale esperienza ho notato che il lavoro con i pesi
fa spingere l'accelleratore del dimagrimento piu' del lavoro
aerobico.
Cosa intendi? Che facendo dieta + 3 volte pesi e basta dimagrisci
di più che fare dieta + aerobica 3 volte a settimana, dando per
assodato che seduta di pesi e seduta di aerobica durano entrambe 1
ora?
Esatto, ma e' un'impressione, non ho verificato seriamente.
E' come se il lavoro con i pesi desse una spinta maggiore al
metabolismo.
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Silver
2004-06-14 23:09:26 UTC
Permalink
Post by Marina
Eh no... sono stanca morta quando ho finito.
Tieni anche presente che sono femminuccia e ingrossare i muscoli non e'
nelle mie priorita'.
Tu tieni presente che non ti svegli un giorno con 1 kg di muscoli in
più...già è difficile fare massa quando si è più giovani con una dieta
studiata apposta, figuriamoci con una dieta ipocalorica...stai tranquilla
che non corri pericoli di diventare BBer agonista.
Se la cosa ti interessa poi, imho, a molte ragazze e donne non guasterebbe
qualche muscolo in più che renderebbero più armonioso il corpo.
Post by Marina
Pero' ho 42 anni e con l'eta' i muscoli tendono a diminuire, se si sta
a dieta peggio ancora.
I muscoli diminuiscono più in fretta man mano che avanza l'età solo se non
li eserciti...al massimo diventa sempre più difficile metterne su ma come
già hai detto non è un tuo problema.
Post by Marina
Post by Silver
Cosa intendi? Che facendo dieta + 3 volte pesi e basta dimagrisci
di più che fare dieta + aerobica 3 volte a settimana, dando per
assodato che seduta di pesi e seduta di aerobica durano entrambe 1
ora?
Esatto, ma e' un'impressione, non ho verificato seriamente.
E' come se il lavoro con i pesi desse una spinta maggiore al
metabolismo.
La spinta la dà, ma per i 10 minuti successivi alla fine della seduta...può
darsi che ti senti meglio in generale, che ti appaghi di + un lavoro di
pesi, ma dati alla mano scoprirai che il metodo più veloce per perdere peso
è molta aerobica + dieta equilibrata leggermente ipocalorica.
Marina
2004-06-15 12:25:57 UTC
Permalink
Post by Silver
Tu tieni presente che non ti svegli un giorno con 1 kg di muscoli
in più...già è difficile fare massa quando si è più giovani con
una dieta studiata apposta, figuriamoci con una dieta
ipocalorica...stai tranquilla che non corri pericoli di diventare
BBer agonista.
Ma io mi riferivo all'effetto "dimagrisci perdendo muscolo e ingrassi
acquistando grasso" tipico di molte diete spinte e fatte senza abbinare
l'esercizio fisico.

Se la cosa ti interessa poi, imho, a molte ragazze
Post by Silver
e donne non guasterebbe qualche muscolo in più che renderebbero
più armonioso il corpo.
Ne sono convintissima.
Post by Silver
La spinta la dà, ma per i 10 minuti successivi alla fine della
seduta...può darsi che ti senti meglio in generale, che ti appaghi
di + un lavoro di pesi, ma dati alla mano scoprirai che il metodo
più veloce per perdere peso è molta aerobica + dieta equilibrata
leggermente ipocalorica.
Forse e' quello, gli esercizi aerobici fondamentalmente mi annoiano.
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Silver
2004-06-15 17:05:29 UTC
Permalink
Post by Marina
Ma io mi riferivo all'effetto "dimagrisci perdendo muscolo e ingrassi
acquistando grasso" tipico di molte diete spinte e fatte senza abbinare
l'esercizio fisico.
Imho in quei casi è solo colpa della dieta con troppe poche proteine.
Anch'io agli inizi cominciai a ridurmi, oltre che sui dolci, anche sui
secondi....per dimagrire dimagrivo perchè facevo tantissimo sport, ma quando
finii la dieta ero uno scheletrino privo sia di grasso sia di muscoli.
Post by Marina
Forse e' quello, gli esercizi aerobici fondamentalmente mi annoiano.
Come alla maggior parte...non farli in palestra, falli all'aria aperta (non
so dove tu viva, io vicino al centro di Milano quindi per non correre nel
trafficoli devo fare per forza in palestra, però che palle!)
Marina
2004-06-15 21:53:03 UTC
Permalink
Post by Silver
Imho in quei casi è solo colpa della dieta con troppe poche
proteine. Anch'io agli inizi cominciai a ridurmi, oltre che sui
dolci, anche sui secondi....per dimagrire dimagrivo perchè facevo
tantissimo sport, ma quando finii la dieta ero uno scheletrino
privo sia di grasso sia di muscoli.
Eh no, io ho diminuito i carbo, le proteine non si toccano.
Muscoli non ne ho persi, anzi ora si vedono anche gli addominali
perche' non c'e' piu' ciccia che li ricopre.
Post by Silver
Come alla maggior parte...non farli in palestra, falli all'aria
aperta (non so dove tu viva, io vicino al centro di Milano quindi
per non correre nel trafficoli devo fare per forza in palestra,
però che palle!)
Pago 65 euro al mese in palestra... e tu mi vuoi mandare a correre
gratis sul lungomare di Napoli? :)
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Silver
2004-06-15 22:26:15 UTC
Permalink
Post by Marina
Post by Silver
Come alla maggior parte...non farli in palestra, falli all'aria
aperta (non so dove tu viva, io vicino al centro di Milano quindi
per non correre nel trafficoli devo fare per forza in palestra,
però che palle!)
Pago 65 euro al mese in palestra... e tu mi vuoi mandare a correre
gratis sul lungomare di Napoli? :)
Non ho capito, tu solo perchè hai pagato 65 euro al mese (prezzo intermedio)
per una palestra fichissima che ha l'ultimo modello di tapis roulant della
technopalestra, che però non usi molto perchè ti annoi, non vuoi cambiare
metodo d'allenarti? Bho! Mi verrebbe da dire cambia palestra e corri
all'aperto...da qui hai capito che non so come è il lungomare di Napoli.
Ci saranno strade che collegano Napoli ai paesini della cerchia del Vesuvio
no? Fatti un pezzo di quelle, credo siano meno trafficate del centro no?
Marina
2004-06-16 08:45:41 UTC
Permalink
Post by Silver
Non ho capito, tu solo perchè hai pagato 65 euro al mese (prezzo
intermedio) per una palestra fichissima
Ma stavo scherzando! :-)
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Andrea Tibaldi
2004-06-14 07:50:46 UTC
Permalink
Post by Silver
Post by Andrea Tibaldi
Durante un regime ipocalorico non ha alcun senso fare un programma di
potenziamento (come affermi giustamente sopra)
Esatto, è impossibile potenziarsi in ipocalorica (tranne nei casi di grave
obesità) perchè, imho, ciò comprende oltre alle sedute con "carichi pesanti"
e basse ripetizioni anche il mangiare oltre ciò che si consuma per, appunto,
costruire muscoli e forza.
Se al mio programma di potenziamento sostituiamo il mangiar tanto col
mangiar poco allora si continuerà a fare lo stesso tipo di allenamento ma nè
la forza nè la massa aumentarenno.
QUINDI
Post by Andrea Tibaldi
l'allenamento con i pesi deve essere leggero ("di mantenimento")
Su ciò non sono d'accordo...sia nei periodi di massa sia in quelli di
definizione le serie degli esercizi devono essere portate a sfinimento pena
un maggior catabolismo muscolare dovuto al fatto che il corpo tenta di
disfarsi della materia in eccessi (non utilizzata) che gli chiede energia
non disponibile al momento (perchè in ipocalorica).
Io per esercizi "di mantenimento" considero "non potenziamento". Se lavori
in carenza di energia (perché sei a dieta) arrivi a sfinimento anche se i
carichi sono leggeri. Il mio "allenamento leggero" non significa che non
arrivi a sfinimento... E comunque in ogni caso bisogna stare attenti perché
in carenza di glicogeno gli infortuni sono più frequenti, quindi non puoi
nemmeno pensare di fare allenamento di resistenza, l'allenamento è leggero
rispetto a un allenamento serio, al pieno delle energie. Allo stesso modo
non puoi pensare di fare allenamento aerobico, stai dimagrendo e
l'allenamento è di conseguenza leggero, nel senso delle prestazioni. Poi è
ovvio che fatichi lo stesso (uguale, o di più...).
Post by Silver
forse è il contrario...con un lavoro anaerobico si consumano molte + calorie
che con un lavoro aerobico, solo che non sono a fini dimagranti.
Molte più calorie/tempo, ma totali no. 60 minuti di pesi molto intensi non
arrivi a 500 kcal, se sei allenato e corri un'ora sono almeno 700...

Andrea Tibaldi
www.cibo360.it
Silver
2004-06-14 19:42:09 UTC
Permalink
Post by Andrea Tibaldi
Io per esercizi "di mantenimento" considero "non potenziamento". Se lavori
in carenza di energia (perché sei a dieta) arrivi a sfinimento anche se i
carichi sono leggeri.
É qui che ti volevo....in carenza di energia ti esaurisci prima, ma comunque
riesce a maneggiare i pesi dell'ultima seduta; oppure della scuola di
pensiero definizione = 15-20 rip e massa = 6-10 rip? Perchè se è così ti
rispondo subito che non esistono schede di allenamento per definizione
specifiche...semplicemente si tiene quella di prima sopra ci si esaurisce
prima e non si ottengono risultati...ma neanche si perde ciò che si è
conquistato.
Post by Andrea Tibaldi
Il mio "allenamento leggero" non significa che non
arrivi a sfinimento...
Bisogna però vedere come si arriva a sfinimento: per troppo acido lattico o
per esaurimento muscolare.
Post by Andrea Tibaldi
E comunque in ogni caso bisogna stare attenti perché
in carenza di glicogeno gli infortuni sono più frequenti, quindi non puoi
nemmeno pensare di fare allenamento di resistenza, l'allenamento è leggero
rispetto a un allenamento serio, al pieno delle energie.
Per volume sicuramente sarà inferiore, ma come intensità dubito.

Allo stesso modo
Post by Andrea Tibaldi
non puoi pensare di fare allenamento aerobico, stai dimagrendo e
l'allenamento è di conseguenza leggero, nel senso delle prestazioni. Poi è
ovvio che fatichi lo stesso (uguale, o di più...).
Quando dico "aerobico" intendo finalizzato al consumo di grassi...perchè non
lo potrei fare? Se intendevi un allenamento per "fare fiato" allora devo
dire che in questo caso duri solo di meno, avendo uin maggiore catabolismo e
un minimo inpiego di grassi. Certo poi nessuno si mette a facilitare il
catabolismo se poi fa una dieta attenta proprio per evitarlo.
Post by Andrea Tibaldi
Post by Silver
forse è il contrario...con un lavoro anaerobico si consumano molte +
calorie> > che con un lavoro aerobico, solo che non sono a fini
dimagranti.
Post by Andrea Tibaldi
Molte più calorie/tempo, ma totali no. 60 minuti di pesi molto intensi non
arrivi a 500 kcal, se sei allenato e corri un'ora sono almeno 700...
Già ma perchè nei 60 min di pesi sono incluse tutte le pause....se si
potesse fare un lavoro anaerobico per 60 minuti di fila (ti vedi alla panca
uno? Mi fai fare l'ultima serie???? :-) ) le kcal consumate sarebbero
mostruosamente superiori agli sport aerobici.
Magnolia
2004-06-15 07:23:33 UTC
Permalink
Scusa, Silver, ma qualcosa non mi torna in quello che leggo.
Immagino che tutto dipenda da fattori molto personali.
Sono un soggetto sovrappeso che da due mesi sta seguendo un regime dietetico
preciso. Mangio in Zona, stando piuttosto attenta, e quindi, come tutte le
persone che si alimentano in questo modo il mio è un regime che molti
definiscono "ipocalorico" e se faccio un mero calcolo delle calorie, lo è.
Pratico attività aerobica quasi tutti i giorni (mezzora di cyclette e
mezzora di tapis roulant, circa), e stando a quello che dite dovrei
dimagrire ma non mettere su massa magra. Invece, oltre alla perdita di peso,
la mia massa magra sta aumentando, costantemente. In pratica sto perdendo
ESCLUSIVAMENTE grasso. E tieni presente che sono una donna di 43 anni. Voi,
invece, sostenete che con un regime ipocalorico questo è impossibile. Come
si spiega?
Io ritengo dipenda dal bilanciamento (a mio avviso) perfetto che la Zona
applica ai macronutrienti, in particolare alle proteine.
Che ne pensi? Mi interesserebbe un tuo parere.

ciao :-)

Magnolia

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Silver
2004-06-15 17:11:42 UTC
Permalink
Post by Magnolia
Scusa, Silver, ma qualcosa non mi torna in quello che leggo.
Immagino che tutto dipenda da fattori molto personali.
Sono un soggetto sovrappeso che da due mesi sta seguendo un regime dietetico
preciso. Mangio in Zona, stando piuttosto attenta, e quindi, come tutte le
persone che si alimentano in questo modo il mio è un regime che molti
definiscono "ipocalorico" e se faccio un mero calcolo delle calorie, lo è.
Pratico attività aerobica quasi tutti i giorni (mezzora di cyclette e
mezzora di tapis roulant, circa), e stando a quello che dite dovrei
dimagrire ma non mettere su massa magra. Invece, oltre alla perdita di peso,
la mia massa magra sta aumentando, costantemente. In pratica sto perdendo
ESCLUSIVAMENTE grasso. E tieni presente che sono una donna di 43 anni. Voi,
invece, sostenete che con un regime ipocalorico questo è impossibile. Come
si spiega?
Io ritengo dipenda dal bilanciamento (a mio avviso) perfetto che la Zona
applica ai macronutrienti, in particolare alle proteine.
Che ne pensi? Mi interesserebbe un tuo parere.
Premetto che non sono un esperto della Zona, ma comunque mi piacerebbe
sapere come hai fatto a calcolare gli aumenti di massa magra...hai fatto una
bioimpedenzometria? Oppure hai misurato la massa grassa in qualche modo e
hai visto che a una diminuzione di essa corrisponde comunque un aumento di
peso?
Per maggiore chiarezza potresti postare altezza, peso, massa grassa, livello
di attività aerobica, kcal giornaliere e se li conosci i gr dei 3
macronutrienti?

Io al momento rimango della mia opinione che senza surplus e una adeguata
quantità di proteine non si cresca muscolarmente...per un fatto
logico...come costruisce nuova massa magra il corpo se non ha i mattoni e
l'energia per farlo?
Magnolia
2004-06-15 21:31:38 UTC
Permalink
Post by Silver
Premetto che non sono un esperto della Zona, ma comunque mi piacerebbe
sapere come hai fatto a calcolare gli aumenti di massa magra...hai fatto una
bioimpedenzometria? Oppure hai misurato la massa grassa in qualche modo e
Ho misurato la massa grassa e la massa magra secondo i criteri dettati da un
libro italiano sulla Zona. Funziona con la misurazione di vita e addome. Ed
è il criterio a cui si rifanno praticamente tutti i zonisti che conosco.

All'inizio avevo una certa quantità di massa grassa e di massa magra,
quantificabile in chili, ovviamente. Dopo circa un mese la massa grassa è
sensibilmente diminuita e la magra aumentata (ovviamente non in pari
misura).
Post by Silver
Io al momento rimango della mia opinione che senza surplus e una adeguata
quantità di proteine non si cresca muscolarmente...per un fatto
logico...come costruisce nuova massa magra il corpo se non ha i mattoni e
l'energia per farlo?
Beh, io assumo 99 gr di carboidrati al giorni, 77 di calorie e 33 di grassi,
secondo i criteri classici della Zona: 40-30-30, frammentati in 6 pasti:
colazione, spuntino, pranzo, spuntino, cena, spuntino.
Probabilmente parte delle proteine vanno a finire proprio nella massa magra.
Non è possibile?

grazie

Magnolia

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Silver
2004-06-15 22:04:29 UTC
Permalink
Post by Magnolia
Ho misurato la massa grassa e la massa magra secondo i criteri dettati da un
libro italiano sulla Zona. Funziona con la misurazione di vita e addome. Ed
è il criterio a cui si rifanno praticamente tutti i zonisti che conosco.
Non ho ben capito....prendi solo le misure di vita e addome e da qui trai le
tue conclusioni? Bè come metodo lascia molto a desiderare...per niente
affidabile; insomma non volgio andare contro i dettami matematici della
zona, ma se io mangio di + un giorno la pancia risulterà gonfia e i calcoli
sballati.
Post by Magnolia
All'inizio avevo una certa quantità di massa grassa e di massa magra,
quantificabile in chili, ovviamente. Dopo circa un mese la massa grassa è
sensibilmente diminuita e la magra aumentata (ovviamente non in pari
misura).
Facendo una misurazione senza validità scientifica quello che dici perde
tutto il senso logico...mi fiderei piuttosto dello specchio e della
bilancia. Ti sembra di avere più muscoli? che diminuzione di peso c'è stata
dall'inizio della zona?
Post by Magnolia
Beh, io assumo 99 gr di carboidrati al giorni, 77 di calorie e 33 di grassi,
colazione, spuntino, pranzo, spuntino, cena, spuntino.
Probabilmente parte delle proteine vanno a finire proprio nella massa magra.
Non è possibile?
Non te lo posso dire finchè non mi dici altezza, peso, attività fisica. A
presto.
Più in generale, non puoi sostituire i calcoli matematici della zona per
determinare MG e MM con una bionpedenzometria?
Magnolia
2004-06-16 07:16:57 UTC
Permalink
Post by Silver
Non ho ben capito....prendi solo le misure di vita e addome e da qui trai le
tue conclusioni? Bè come metodo lascia molto a desiderare...per niente
Non esattamente. Si prendono queste due misure e l'altezza, si mettono in
relazione ad una tabella che affida loro una costante, si sommano la
costante dell'addome e della vita, e si sottrae da questa la costante
relativa all'altezza.
Il risultato fornisce la percentuale di massa grassa, che nel mio caso era
ben del 40%. Si procede poi a moltiplicare il peso corporeo per la
percentuale di massa grassa, quindi si divide per 100: il risultato è il
peso relativo al grasso corporeo. Dal peso totale si sottrae questo e si
ottiene il peso della massa magra.
A te sembrerà non affidabile, ma il medico che in Italia è il punto di
riferimento per la Zona, afferma che benché il suo studio sia dotato di
macchina per effettuare l'impedenzometria, egli continua ad avvalersi anche
dell'altro metodo. Ed io stessa devo confermarti che quando l'anno scorso la
eseguii presso uno studio, i risultati non erano molto diversi da quelli
ottenuti con questo metodo.
Post by Silver
bilancia. Ti sembra di avere più muscoli? che diminuzione di peso c'è stata
dall'inizio della zona?
Mi sento molto più forte. Ma in modo davvero evidentissimo. Ho perso circa 7
chili dal 7 aprile scorso, anche se il primo mese seguivo il nuovo regime in
modo meno rigido.
Da quando la seguo in modo più preciso ho rieseguito i calcoli e la massa
grassa è diminita al 36,5% e il peso della massa magra è aumentato di circa
1,5 Kg.
Riguardo la mia attività fisica posso dirti che pratico, quasi tutti i
giorni circa un'ora di aerobica, divisa fra mezzora di cyclette e mezzora di
tapis roulant.

ciao

Magnolia


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Silver
2004-06-16 09:46:49 UTC
Permalink
Se non posti altezza e peso non posso né confermare né smentire.
Massimo B.
2004-06-16 11:50:38 UTC
Permalink
Post by Magnolia
Post by Silver
Non ho ben capito....prendi solo le misure di vita e addome e da qui
trai
Post by Magnolia
le
Post by Silver
tue conclusioni? Bè come metodo lascia molto a desiderare...
Non esattamente. Si prendono queste due misure e l'altezza, si mettono in
relazione ad una tabella che affida loro una costante, si sommano la
costante dell'addome e della vita, e si sottrae da questa la costante
relativa all'altezza.
Il risultato fornisce la percentuale di massa grassa
1) Il metodo in questione lascia il tempo che trova. La relazione tra vita e
addome non può tener conto della distribuzione del grasso corporeo. Ad
esempio una donna tendente all'obesità di tipo ginoide avrà una
preponderanza di grasso nella zona cosce/glutei, mentre un uomo tendente
all'obesità di tipo androide avrà il grasso maggiormente localizzato nella
zona ventrale e nella parte bassa della schiena.

Possono aver benissimo la stessa percentuale di massa grassa ma ottenere
risultati completamente differenti se utilizzassero per misurarla il sistema
da te impiegato.

Può andar bene come riferimento rispetto alle misurazioni precedenti ma non
per ottenere numeri affidabili. Checchè ne dica il medico certificato dalla
combriccola capitanata da Sears.

2) L'attività aerobica NON è utile né per lo sviluppo né per il mantenimento
della massa muscolare. Fanno eccezione i primi giorni in cui si passa
dall'essere inattivi ad essere in un certo qual modo attivi. E' anzi
dimostrato come l'attività aerobica spinga la muscolatura ad essere meno
ipertrofica e più efficiente nell'utilizzo dell'ossigeno. Tecnicamente si
perde quindi massa muscolare e non la si guadagna.

3) L'aumento della massa muscolare a regimi ipocalorici è possibile a basso
livello, quando cioè si è principianti o quando si ricomincia l'allenamento
con i pesi dopo un certo periodo di inattività. Se si è ottenuto un certo
sviluppo muscolare, anche minimo, e poi si continuano gli allenamenti
portando il regime alimentare da ipercalorico ad ipocalorico i guadagni si
arrestano.

Ciao!!!

Massimo


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Magnolia
2004-06-16 13:45:41 UTC
Permalink
Post by Massimo B.
1) Il metodo in questione lascia il tempo che trova. La relazione tra vita e
addome non può tener conto della distribuzione del grasso corporeo. Ad
esempio una donna tendente all'obesità di tipo ginoide avrà una
preponderanza di grasso nella zona cosce/glutei, mentre un uomo tendente
all'obesità di tipo androide avrà il grasso maggiormente localizzato nella
zona ventrale e nella parte bassa della schiena.
Credo di aver capito quello che intendi.
Post by Massimo B.
Può andar bene come riferimento rispetto alle misurazioni precedenti ma non
per ottenere numeri affidabili. Checchè ne dica il medico certificato dalla
combriccola capitanata da Sears.
Beh... sarà pure una "combriccola", ma per la prima volta da più di 20 anni
io riesco a perdere peso con estrema serenità, riesco a seguire un regime
alimentare senza soffrire attacchi di fame e voglie improvvise, ma
soprattutto mi sento più forte, più lucida, più attenta e perfino più
giovane. E ti prego di credere che non ho motivi diversi da quelli che
dichiaro per affermare tutto ciò. Sono una donna di mezza età (43 anni)
sovrappeso da una vita, impiegata, che ha tentato di tutto per mettersi in
riga, con tutti i tentativi e i fallimenti che, ne sono sicura, conosci già.
Questo nuovo modo di gestire i miei pasti mi ha letteralmente cambiato la
vita. Non dico che sia l'ideale per tutti, ci mancherebbe. Di certo lo è per
me :-)
Post by Massimo B.
2) L'attività aerobica NON è utile né per lo sviluppo né per il mantenimento
della massa muscolare.
No.. no.. non ho mai pensato questo. Piuttosto mi è stato detto che è invece
utile per il dimagrimento.
Post by Massimo B.
3) L'aumento della massa muscolare a regimi ipocalorici è possibile a basso
livello, quando cioè si è principianti o quando si ricomincia
Ma è solo una banale questione di quantità di calorie? IL fatto che
provengano da proteine o da carboidrati cambia, o no?
Per esempio ho notato che contrariamente a quanto mi è sempre accaduto con
altre diete, in questo caso i tessuti non ne hanno risentito affatto, eppure
gli anni passano :-) . Anzi, sono molto tonica, malgrado i 7 chili persi in
due mesi.

grazie :-)

Magnolia

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Marina
2004-06-16 20:13:36 UTC
Permalink
Post by Magnolia
Beh... sarà pure una "combriccola", ma per la prima volta da più
di 20 anni io riesco a perdere peso con estrema serenità, riesco a
seguire un regime alimentare senza soffrire attacchi di fame e
voglie improvvise, ma soprattutto mi sento più forte, più lucida,
più attenta e perfino più giovane.
Io non riesco a seguirla, troppi calcoli da fare, mi scoccia.
--
Marina
Per discutere gli aspetti culturali legati al cibo, la cucina
internazionale, le preparazioni
d'autore, toccare i temi esposti nel Message-ID:
<***@id.news.nic.it> e
discussi nella RFD it.cultura.cibo, manda una mail vuota a
cibo_e_cultura-***@sossai.net

http://members.xoom.virgilio.it/bonta_mia/
Magnolia
2004-06-17 06:40:37 UTC
Permalink
Post by Marina
Io non riesco a seguirla, troppi calcoli da fare, mi scoccia.
Guarda, in realtà si tratta di impadronirsi dei criteri di base, poi è
tutt'altro che difficile e rigida. Puoi variare fra un'enormità di cibi, e
non devi seguire uno schema secondo il quale se non hai fatto la spesa non
puoi stare a dieta. Mangi quello che hai in frigo, purché rispetti
bilanciamento e quantità.
Ovviamente, poi, molto dipende dall'entusiasmo che ci metti, e da quanto sei
motivata. Ormai la seguo da circa due mesi e ti posso assicurare che sono
davvero molti gli alimenti che peso "a occhio".

Magnolia


--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Massimo B.
2004-06-17 15:54:22 UTC
Permalink
Post by Magnolia
Post by Massimo B.
Può andar bene come riferimento rispetto alle misurazioni precedenti ma
non
Post by Massimo B.
per ottenere numeri affidabili. Checchè ne dica il medico certificato
dalla
Post by Massimo B.
combriccola capitanata da Sears.
Beh... sarà pure una "combriccola", ma per la prima volta da più di 20 anni
io riesco a perdere peso con estrema serenità, riesco a seguire un regime
alimentare senza soffrire attacchi di fame e voglie improvvise, ma
soprattutto mi sento più forte, più lucida, più attenta e perfino più
giovane.
Non ne dubito, ma serebbe successo anche se mangiassi li stessi alimenti
mischiando a senso carbo proteine e grassi nello stesso pasto senza
attenerti alle rigide proporzioni imposte. Prima ancora che si diffondesse
la dieta a Zona esisteva la dieta isocalorica, ideata da Dan Duchane per i
bodybuilders e che seguiva la regola della ripartizione esatta delle calorie
tra i tre macronutrienti (33/34%). La differenza è che le proporzioni
andavano rispettate durante l'intera giornata e non ad ogni pasto. Non ebbe
molto successo proprio per la menata della precisa ripartizione dei
nutrienti, oltre che per il fatto che non si cercò di spingerla a livello
pubblicitario per farla diventare una dieta di massa, come invece è stato
fatto per la Zona.

Più volte si è scritto in questo NG come per qualcuno, me compreso, il
ritorno ad un tipo di alimentazione che ricordi da vicino quella dei nostri
antenati del paleolitico possa rappresentare un ottima via da perseguire
nella ricerca dell'alimentazione ideale. Anche Sears parte dallo stesso
presupposto, tradendolo poi in pieno con la stupida regola ferrea del
40-30-30. Ce lo vedi un cacciatore/raccoglitore di 100.000 anni fa calcolare
l'esatta ripartizione dei nutrienti? [:-)]
Post by Magnolia
Post by Massimo B.
3) L'aumento della massa muscolare a regimi ipocalorici è possibile a
basso
Post by Massimo B.
livello, quando cioè si è principianti o quando si ricomincia
Ma è solo una banale questione di quantità di calorie? IL fatto che
provengano da proteine o da carboidrati cambia, o no?
Solo in parte. Si è già discusso molto anche di questo. Del ruolo del
risparmio proteico operato dai carboidrati, dell'aumento della sintesi
proteica e del conseguente aumento dell'ossidazione delle proteine a seguito
di un aumento delle stesse nell'alimentazione, dell'azione di risparmio
della massa magra operato da un regime low-carb... ti consiglio di
divertirti un po' con Google! [:-)]
Post by Magnolia
Per esempio ho notato che contrariamente a quanto mi è sempre accaduto con
altre diete, in questo caso i tessuti non ne hanno risentito affatto, eppure
gli anni passano :-) . Anzi, sono molto tonica, malgrado i 7 chili persi in
due mesi.
Non sarebbe successa la stessa cosa seguendo una dieta dimagrante di tipo
"tradizionale", basata su molti carboidrati e pochi grassi. Specialmente se
non coadiuvata, come nel tuo caso, dall'allenamento con i pesi.

Ciao!!!

Massimo

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Magnolia
2004-06-21 08:06:59 UTC
Permalink
Post by Massimo B.
Non ne dubito, ma serebbe successo anche se mangiassi li stessi alimenti
mischiando a senso carbo proteine e grassi nello stesso pasto senza
attenerti alle rigide proporzioni imposte.
Ah.. su questo non ho dubbi, sono assolutamente d'accordo con te: prima la
mia giornata-tipo era più o meno così: colazione caffè macchiato, pranzo
piattone di pasta stracondita (anche 110-120 gr), cena tanta carne o tanto
pesce, poco pane, un po' di contorno...
E' evidente che stando così le cose qualsiasi regime dietetico più
bilanciato di questo mi avrebbe dato giovamento :-))
Post by Massimo B.
Più volte si è scritto in questo NG come per qualcuno, me compreso, il
ritorno ad un tipo di alimentazione che ricordi da vicino quella dei nostri
antenati del paleolitico possa rappresentare un ottima via da perseguire
nella ricerca dell'alimentazione ideale. Anche Sears parte dallo stesso
presupposto, tradendolo poi in pieno con la stupida regola ferrea del
40-30-30.
Esigenze commerciali?
Post by Massimo B.
Non sarebbe successa la stessa cosa seguendo una dieta dimagrante di tipo
"tradizionale", basata su molti carboidrati e pochi grassi. Specialmente se
non coadiuvata, come nel tuo caso, dall'allenamento con i pesi.
Beh... ma allora qualche pregio la Zona ce l'ha ;-))

ciao, e grazie di tutte le informazioni che mi hai dato!

Magnolia

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
MARA
2004-06-22 00:28:17 UTC
Permalink
Post by Magnolia
Sono un soggetto sovrappeso che da due mesi sta seguendo un regime dietetico
preciso.
Uhm...ma perche' hai cambiato nick?
Magnolia60
2004-06-26 09:36:48 UTC
Permalink
Post by Magnolia
Post by Magnolia
Sono un soggetto sovrappeso che da due mesi sta seguendo un regime
dietetico
Post by Magnolia
preciso.
Uhm...ma perche' hai cambiato nick?
Perché con quello di prima, la mia casella di posta era diventata
impraticabile per aver commesso l'errore di discutere con un deficiente di
Herbalife. Tutto qui.
Speriamo non accada anche con questa. Detesto dover inserire un indirizzo
"deviante" :-)

Magnolia



--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/

MARA
2004-06-08 20:38:38 UTC
Permalink
Post by jarod.77
Ciao, ho letto diverse discussioni sul fatto che spesso è difficile
dimagrire, pur facendo tanto sport o stando tanto attenti nel mangiare,
ovviamente sbaglio qualcosa o non seguo il giusto metodo di alimentazione
perchè se dimagrisco spesso perdo peso dove non ne ho bisogno
Questo lo credi tu, in realta' il dimagrimento e' uniforme, alla fine andra'
via anche la panza, certo non bisogna avere fretta, ma solo essere
determinati.
Continua a leggere su narkive:
Loading...