Discussion:
Quante uova al giorno?
(troppo vecchio per rispondere)
Enrico C
2005-03-15 16:36:59 UTC
C'è un limite di uova giornaliero da non superare?
Se mangio tre, quattro o addirittura sei uova in un sol giorno rischio
qualche strano effetto?
Attenzione: mi riferisco in particolare al numero di uova concentrato in un
solo giorno, non alla quantità totale...
Voglio dire, per esempio, 4 uova insieme e poi zero per una settimana, che
come quantità totale equivale a un uovo un giorno e uno no per una
settimana, quindi sempre 4 in una settimana, ma con la differenza della
concentrazione.
pinko
2005-03-15 22:51:34 UTC
Post by Enrico C
C'è un limite di uova giornaliero da non superare?
Se non ricordo male nelle linee guida si consiglia di non superare le 4-5
uova a settimana. (Riguardo alla quantità totale)
Credo che contengano troppi grassi saturi e colesterolo.
Post by Enrico C
Se mangio tre, quattro o addirittura sei uova in un sol giorno rischio
qualche strano effetto?
Non so. Magari sono un po' indigeste.
In palestra c'è uno che si fa 6 chiare d'uovo tutte le mattine.
L'albume è solo acqua e proteine.
Post by Enrico C
Attenzione: mi riferisco in particolare al numero di uova concentrato in
un solo giorno, non alla quantità totale...
--
Merdalife?
No, grazie: preferisco vivere
Enrico C
2005-03-16 10:16:38 UTC
On Tue, 15 Mar 2005 23:51:34 +0100, pinko wrote on it.salute.alimentazione
Post by pinko
Post by Enrico C
C'è un limite di uova giornaliero da non superare?
Se non ricordo male nelle linee guida si consiglia di non superare le 4-5
uova a settimana. (Riguardo alla quantità totale)
Credo che contengano troppi grassi saturi e colesterolo.
Secondo me non si deve nemmeno esagerare l'importanza del colesterolo
alimentare, che conta solo per una piccola parte di quello totale.


Cmq, leggo su www.dietamediterranea.it


=======================================================
Le Uova

Proteine di alto valore biologico, minerali (soprattutto magnesio,
potassio, fosforo e ferro), buon contenuto in vitamina A (2 uova coprono
circa un terzo del fabbisogno giornaliero) e in vitamine del gruppo B:
questa la miniera di nutrienti contenuta nell’uovo, un alimento considerato
di altissimo pregio dagli esperti di nutrizione e per questo inserito in
moltissimi regimi alimentari, specie in quelli raccomandati per alcune
categorie più vulnerabili dal punto di vista nutrizionale, come i bambini e
gli anziani.
Questo profilo nutrizionale d’eccezione è stato confermato dalle ultime
analisi di laboratorio dell’Istituto Nazionale della Nutrizione che, poco
più di un anno fa, ha aggiornato le tabelle di composizione chimica degli
alimenti. Dato più rilevante, riguardo all’uovo, è stato il tanto discusso
contenuto in colesterolo che, secondo le analisi dell’INN, è risultato
essere inferiore di circa un quarto rispetto al passato (185 mg contro 250
per ogni uovo della pezzatura abitualmente in commercio).
A mettere decisamente un punto sulla questione della presunta relazione tra
consumo di uova e incremento del rischio di cardiopatie è un recente studio
americano che ha portato ad un risultato di grande rilevanza pratica:
mangiare fino ad un uovo al giorno non influisce sull’incidenza delle
malattie cardiovascolari nelle persone sane. In altre parole non fa
aumentare il livello di colesterolo nel sangue.
Lo annunciano Frank Hu ed i suoi colleghi dell’Harvard School of Public
Health, sul Journal of the American Medical Association pubblicato
nell’aprile scorso. I ricercatori hanno tenuto sotto controllo per quindici
anni la salute di circa 120.000 persone (40.000 uomini e 80.000 donne)
delle quali hanno ricostruito le abitudini di vita e di alimentazione
attraverso dei questionari. Ad un gruppo di persone è stata fatta seguire
una dieta che prevedeva il consumo di un uovo al giorno. Confrontando i
dati provenienti da tale gruppo con quelli raccolti fra chi non aveva
inserito all’interno della propria dieta una simile quantità di uova, è
risultato evidente come all’interno del primo gruppo non vi fosse stato un
aumento del rischio di malattie cardiovascolari.
Secondo i ricercatori americani, a preoccupare i medici, tanto da indurli a
consigliare un consumo prudente di uova, è sempre stato il contenuto di
colesterolo presente in questo alimento (213 milligrammi a porzione secondo
il dato americano, di poco superiore rispetto a quello recentemente
indicato dalle analisi di laboratorio condotte in Italia dall’Istituto
Nazionale della Nutrizione ndr). Il colesterolo è un lipide presente negli
alimenti di origine animale ma completamente assente in quelli di origine
vegetale. Esso circola normalmente nel sangue, ma una sua eccessiva
concentrazione lo porta a depositarsi sulle pareti delle arterie causando
un loro inspessimento o un restringimento del loro calibro. Le conseguenze
sono note a tutti: ostacolo al normale fluire del sangue, aumento della
pressione arteriosa e rischio di aterosclerosi. Da qui la raccomandazione
dei medici di non superare i 300 milligrammi in media al giorno, e quindi
di non assumere più di quattro uova alla settimana. Non solo. Dalla dieta
delle persone a rischio di malattie cardiovascolari sono spesso banditi – o
fortemente ridotti – tutti gli alimenti a base d’uovo, dalla pasta ai
dolci. Ci sono poi altri fattori che incidono sul livello di colesterolo,
tra cui il fumo, la sedentarietà e le scorrette abitudini alimentari. Nella
loro ricerca, gli studiosi americani sono stati molto attenti a prendere in
considerazione tutti questi fattori, e sono giunti alla conclusione che non
esiste una relazione significativa fra il consumo di uova e il rischio di
malattie cardiovascolari. I nuovi studi infatti sembrano indicare che le
uova, anche se contengono una quantità di colesterolo maggiore rispetto ad
altri alimenti, non provochino un innalzamento del livello di questo lipide
nel sangue.
La comunità scientifica ha comunque accolto i risultati provenienti da
Harvard con cautela: lo studio infatti avrà bisogno di ulteriori
approfondimenti e ne sentiremo ancora parlare.
Frank Hu e i suoi colleghi non riescono ancora a dare una spiegazione
scientifica univoca ai loro risultati e avanzano per adesso solo delle
ipotesi. Ci sarebbero dei nutrienti contenuti nell’uovo che
controbilanciano l’effetto del colesterolo, e che quindi svolgerebbero
un’azione benefica nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. “È
plausibile pensare che gli effetti negativi del colesterolo presente in un
uovo sulla lipoproteina plasmatica a bassa densità, siano bilanciati dagli
effetti benefici sulla lipoproteina ad alta densità e sui trigliceridi”. Di
più. Mangiare uova al posto di cibi ricchi di carboidrati farebbe aumentare
il livello di colesterolo HDL e diminuire i livelli di glucosio nel sangue.
Ovviamente tutto questo vale per le persone in buona salute. Un discorso a
parte va fatto per i soggetti diabetici. La ricerca americana non ha
tralasciato neanche questo aspetto e un sottogruppo di pazienti diabetici è
stato inserito nel monitoraggio. I dati provenienti da questi pazienti
hanno evidenziato un aumento del rischio di una patologia cardiovascolare a
seguito dell’assunzione giornaliera di uova. A causare l’incremento del
rischio cardiovascolare sarebbe, secondo gli autori dello studio, il
cattivo funzionamento del trasporto del colesterolo dovuto ai livelli
decrescenti di apolipoproteina E, e a quelli crescenti dell’apolipoproteina
C-III, tipiche dei pazienti diabetici.
L’incidenza delle malattie cardiovascolari è tale, soprattutto in America,
dove le ricerche scientifiche su questo argomento si susseguono
velocemente.
In ogni caso, ciò che sembra emergere con chiarezza è che per limitare il
dilagare delle malattie cardiovascolari non serve “demonizzare” un solo
alimento, quanto piuttosto ripensare a il proprio stile di vita. Per
esempio, concludono i ricercatori di Harvard, dei risultati si potrebbero
ottenere limitando l’assunzione dei grassi saturi e non semplicemente
diminuendo l’apporto complessivo di grassi e colesterolo con la dieta.

=======================================================




Sul sito dei produttori leggo poi

http://www.pianetapollo.com/


========================
Vero o falso?
Le uova vanno evitate perché contengono molto colesterolo
Lo pensa il 36% degli italiani
Non è corretto. Se è innegabile, infatti l’elevato tenore in colesterolo
del tuorlo delle uova, anche se oggi ridotto di un quarto rispetto al
passato, altrettanto vero è che nell'uovo la prevalenza - fra gli acidi
grassi - di quelli insaturi ne diminuisce l’impatto sulla lipemia e perciò
sul rischio di malattie cardiovascolari.

===============
5. È vero che le uova contengono troppo colesterolo?

A fornire un contributo decisivo a fugare i dubbi relativi alla presunta
relazione tra consumo di uova e incremento del rischio di cardiopatie è uno
studio condotto da Frank Hu e dai suoi collaboratori dell’Harvard School of
public Health pubblicato dal Journal of the American Medical Association
nell’aprile del 1999. Questo studio ha condotto a risultati di grande
rilevanza pratica: mangiare fino a un uovo al giorno non influisce
sull’incidenza delle malattie cardiovascolari nelle persone sane. In parole
semplici: non fa aumentare il livello di colesterolo nel sangue.
Il colesterolo dell’uovo è presente solo nel tuorlo, in ragione di circa
185 mg per uovo (valore recentemente aggiornato dall'Istituto Nazionale
della Nutrizione). Tale quantità copre buona parte della quota di
colesterolo assunto con gli alimenti, che si consiglia in genere come dose
"prudente" (300 mg/ die). Tuttavia spesso il consumatore è portato a
rinunciare a questo alimento perché lo ritiene ricco di grasso e di
colesterolo. In realtà il contenuto in grassi va guardato senza pregiudizi,
per quanto riguarda i riflessi sulla salute. Infatti, contrariamente a
quanto si potrebbe pensare trattandosi di grassi di origine animale, la
composizione in acidi grassi delle uova (determinata recentemente con
metodologie sensibili ed accurate) ha mostrato una scarsa presenza di acidi
grassi saturi ed una presenza più elevata di acidi grassi insaturi con
prevalenza di acido linoleico e di acido arachidonico.
Tutto ciò ha un’influenza diretta sul significato del contenuto in
colesterolo dell’uovo per l’alimentazione umana, in quanto è ormai
dimostrato che la qualità nutrizionale dei lipidi alimentari va valutata
non solo e non tanto sulla base del tenore in colesterolo (anch’esso un
lipide), quanto soprattutto sulla base del contenuto in acidi grassi
saturi, monoinsaturi e polinsaturi.
Pertanto, se è innegabile l’elevato tenore in colesterolo del tuorlo delle
uova, anche se oggi ridotto di un quarto rispetto al passato, altrettanto
vero è che nell'uovo la prevalenza - fra gli acidi grassi - di quelli
insaturi ne diminuisce l’impatto sulla lipemia e perciò sul rischio di
malattie cardiovascolari. D’altro canto, recenti studi hanno dimostrato che
è comunque possibile ridurre il tenore in colesterolo delle uova giocando
su diversi parametri quali la razza di ovaiole, la composizione dei
mangimi, l'età delle galline e quindi il peso delle uova. Così, ad esempio,
si è visto che uova più piccole hanno un contenuto in colesterolo
sensibilmente più basso non solo in valore assoluto, ma anche in valore
percentuale rispetto alle uova più grandi.
==================================================






La composizione nutrizionale di 100 gr di uova intere (sulla parte edibile)
secondo l'INN è la seguente:



================================
Codice: 181100
Alimento: Uova di gallina - intero
pesa mediamente 61g, il guscio 8g, l'albume 37g, il tuorlo 16g


Ripartizione percentuale dell'energia

Composizione chimica e valore energetico per 100g di parte edibile
Parte edibile (%): 87
Acqua (g): 77,1
Proteine (g): 12,4
Lipidi(g): 8,7
Colesterolo (mg): 371
Carboidrati disponibili (g): tr
Amido (g): 0
Zuccheri solubili (g): tr
Fibra totale (g): 0
Fibra insolubile (g): 0
Fibra solubile (g): 0
Alcool (g): 0

Energia (kcal): 128
Energia (kJ): 535

Sodio (mg): 137
Potassio (mg): 133
Ferro (mg): 1,5
Calcio (mg): 48
Fosforo (mg): 210
Magnesio (mg): 13
Zinco (mg): 1,20
Rame (mg): 0,06
Selenio (µg): 5,8

Tiamina (mg): 0,09
Riboflavina (mg): 0,30
Niacina (mg): 0,10
Vitamina A retinolo eq. (µg): 225 retinolo e caroteni variano
notevolmente con la composizione del mangime
Vitamina C (mg): 0
Vitamina E (mg):

Composizione in aminoacidi mg/100g di parte edibile g/100g Proteine
Proteine (%): 12,4
Lisina: 880 7,10
Istidina: 298 2,40
Arginina: 767 6,18
Acido aspartico: 1209 9,75
Treonina: 623 5,03
Serina: 842 6,79
Acido glutamico: 1508 12,16
Prolina: 496 4,00
Glicina: 416 3,35
Alanina: 719 5,80
Cistina: 323 2,61
Valina: 823 6,63
Metionina: 437 3,53
Isoleucina: 657 5,30
Leucina: 1041 8,40
Tirosina: 503 4,06
Fenilalanina: 662 5,34
Triptofano: 197 1,59
Indice Chimico: 100
Aminoacido limitante: Lis.

Composizione in acidi grassi g/100g di parte edibile
Lipidi totali (%): 8,7
Saturi totali (%): 3,17
C4:0÷C10:0 0
C12:0 0
C14:0 0,03
C16:0 1,90
C18:0 1,21
C20:0 0
C22:0 0

Monoinsaturi totali (%): 2,58
C14:1 0
C16:1 0,23
C18:1 2,35
C20:1 0
C22:1 0

Polinsaturi totali (%): 1,26
C18:2 1,06
C18:3 0,04
C20:4 0,16
C20:5 0
C22:6 0
Rapporto Polinsaturi/Saturi: 0,4

Altri componenti

Acido fitico (g): 0
============================
Post by pinko
Post by Enrico C
Se mangio tre, quattro o addirittura sei uova in un sol giorno rischio
qualche strano effetto?
Non so. Magari sono un po' indigeste.
Credo che questo dipende da come sono preparate e condite.

In camicia, cioè cotte in tegame in un dito d'acqua, e condite con EVO a
crudo e succo di limone, personalmente le trovo digeribili.
Post by pinko
In palestra c'è uno che si fa 6 chiare d'uovo tutte le mattine.
Non mi alletta molto dal punto di vista gastronomico, però ;)
Post by pinko
L'albume è solo acqua e proteine.
Post by Enrico C
Attenzione: mi riferisco in particolare al numero di uova concentrato in
un solo giorno, non alla quantità totale...
Enrico C
2005-03-16 10:28:44 UTC
Post by Enrico C
http://www.pianetapollo.com/
<snip>
Post by Enrico C
colesterolo. In realtà il contenuto in grassi va guardato senza pregiudizi,
per quanto riguarda i riflessi sulla salute. Infatti, contrariamente a
quanto si potrebbe pensare trattandosi di grassi di origine animale, la
composizione in acidi grassi delle uova (determinata recentemente con
metodologie sensibili ed accurate) ha mostrato una scarsa presenza di acidi
grassi saturi ed una presenza più elevata di acidi grassi insaturi con
prevalenza di acido linoleico e di acido arachidonico.
E questo non è tanto un bene, però, secondo quanto diceva Filippo sugli
acidi grassi omega 6 come l'arachidonico, vero??
Post by Enrico C
La composizione nutrizionale di 100 gr di uova intere (sulla parte edibile)
<snip>
Post by Enrico C
Composizione in acidi grassi g/100g di parte edibile
Lipidi totali (%): 8,7
Saturi totali (%): 3,17
C4:0÷C10:0 0
C12:0 0
C14:0 0,03
C16:0 1,90
C18:0 1,21
C20:0 0
C22:0 0
Monoinsaturi totali (%): 2,58
C14:1 0
C16:1 0,23
C18:1 2,35
C20:1 0
C22:1 0
Polinsaturi totali (%): 1,26
C18:2 1,06
C18:3 0,04
C20:4 0,16
C20:5 0
C22:6 0
Rapporto Polinsaturi/Saturi: 0,4
E qui dice i nomi degli acidi grassi a partire dalle "sigle":


======================
Elenco dei più comuni acidi grassi

N° ATOMI DI CARBONIO
: N° DOPPI LEGAMI NOME COMUNE

Saturi C 4:0 butirrico
C 6:0 capronico
C 8:0 caprilico
C 10:0 caprinico
C 12:0 laurico
C 14:0 miristico
C 16:0 palmitico
C 18:0 stearico
C 20:0 arachidico
C 22:0 beenico
C 24:0 lignocerico

Monoinsaturi C 14:1 w 5 miristoleico
C 16:1 w 7 palmitoleico
C 18:1 w 9 oleico
C 20:1 w 11 eicosaenoico
C 22:1 w 9 erucico

Polinsaturi C 18:2 w 6 linoleico
C 18:3 w 6 g -linolenico
C 18:3 w 3 a -linolenico
C 20:4 w 6 arachidonico
C 20:5 w 3 eicosapentaenoico (EPA)
C 22:6 w 3 docosaesaenoico (DHA)
======================
Tsubo
2005-03-17 22:01:37 UTC
Post by pinko
Credo che contengano troppi grassi saturi e colesterolo.
Troppi grassi saturi?
Enrico C
2005-03-17 22:56:16 UTC
On Thu, 17 Mar 2005 23:01:37 +0100, Tsubo wrote on it.salute.alimentazione
Post by Tsubo
Post by pinko
Credo che contengano troppi grassi saturi e colesterolo.
Troppi grassi saturi?
Credo che un uovo da 50 gr dovrebbe contenere circa 1,6 g di grassi saturi,
a occhio e croce.
Infatti, secondo la tabella di composizione degli alimenti dell'INN
| Composizione in acidi grassi g/100g di parte edibile

| Saturi totali (%): 3,17

3,17 * 50 / 100 = 1,585

poco più di quelli che si trovano in un vasetto da 125 g di yogurt magro,
mi pare

| Yogurt da latte - parzialmente scremato
| Composizione in acidi grassi g/100g di parte edibile

| Saturi totali (%): 0,95

0,95 * 125 / 100 = 1,1875
--
Enrico C

======================================
it-alt.politica.elezioni
Alle urne! Politiche, regionali, amministrative, Ue
Tsubo
2005-03-20 21:26:21 UTC
On Thu, 17 Mar 2005 23:56:16 +0100, Enrico C
Post by Enrico C
Post by Tsubo
Post by pinko
Credo che contengano troppi grassi saturi e colesterolo.
Troppi grassi saturi?
poco più di quelli che si trovano in un vasetto da 125 g di yogurt magro,
mi pare
Appunto! Non sono quindi troppi, soprattutto se uno rinuncia a un uovo
e poi fa colazione con latte e yogurt.
DonJuan
2005-04-01 11:01:08 UTC
Post by Tsubo
Post by pinko
Credo che contengano troppi grassi saturi e colesterolo.
Troppi grassi saturi?
il problema non sono tanto i grassi quanto l'acido arachidonico, che si
trova nel tuorlo d'uova e che non fa tanto bene. per questo motivo si
consigliano un paio di uova a settimana io sapevo. Anche perchè di cibi
a base di uova ne siamo circondati a partire dalla maionese.
--
« C'è chi la fuma e chi se la spara in vena,
a me basta un salto ! »
-----------------------------------------------
"We urge the organization of a coordinated, worldwide,
and systematic search for extraterrestrial intelligence"

"We wish to find the truth, no matter where it lies.
But to find the truth we need imagination and skepticism both.
We will not be afraid to speculate, but we will be careful
to distinguish speculation from fact." Carl Sagan

Truth is Out There
DonJuan
EU_MAN
2005-04-01 11:11:01 UTC
Anche i avevo sentito che non bisogna mangiare più di 2 o 3 uova alla
settimana!

Credo che questo numero si riferisca a uova intere cucinate in modo
classico, tipo fritte, in tegame, frittata etc...

Personalmente, ho letto che per un body builders è consigliato/permesso
mangiarne anche sei assieme, ma SOLO gli albumi!

L'albume dell'uovo ha un apporto calorico simile allo yogurt magro (circa 47
kcal/100g), ed è composto al 100% da proteine.

Io non riesco a berlo crudo per cui faccio le uova sode e separate le parti,
magio l'albume e butto il tuorlo, con grande fastidio di mia madre, quando
presente, che dice che non ho vissuto la fame del 48 e i tuorli li vuole
lei... tuttavia siccome il tuorlo è praticamente 100% grassi, io lo butto
negandole il piacere di mangiarlo e poi classica ramanzina! :-)

Secondo voi, cucinando l'uovo in acqua bollente per circa 10 minuti, vado a
perdere parte delle proteine dell'albume?

Grazie, ciao, Davide.
DonJuan
2005-04-01 23:19:06 UTC
EU_MAN wrote:

Tua madre non ha poi torto :)
Cmq sia che io sappia anche il tuorlo dell'uovo che sostanzialmente è
come il nucleo di un enorme cellula, è ricco di proteine e molte
sostanze nutritive, ma allo stesso tempo anche di acido arachidonico, è
quello che delle uova fa male. ecco perchè gli sportivi mangiano un paio
di tuorli alla settimana e per il resto solo albume.
Per il discorso del grasso non ricordo la locazione precisa, ma credo ce
ne sia molto più nell'albume che nel tuorlo, cmq sia cedo la parola ad
un nutrizionista più preparato sulla cosa :)
--
« C'è chi la fuma e chi se la spara in vena,
a me basta un salto ! »
-----------------------------------------------
"We urge the organization of a coordinated, worldwide,
and systematic search for extraterrestrial intelligence"

"We wish to find the truth, no matter where it lies.
But to find the truth we need imagination and skepticism both.
We will not be afraid to speculate, but we will be careful
to distinguish speculation from fact." Carl Sagan

Truth is Out There
DonJuan
Tsubo
2005-04-03 13:13:12 UTC
Post by EU_MAN
Io non riesco a berlo crudo per cui faccio le uova sode e separate le parti,
magio l'albume e butto il tuorlo, con grande fastidio di mia madre,
E ha ragione, povera donna! Ma stiamo scherzando? ;)
Post by EU_MAN
tuttavia siccome il tuorlo è praticamente 100% grassi,
Ma chi l'ha detto?

mao mao

Tsubo
2005-04-03 13:13:12 UTC
Post by DonJuan
Post by Tsubo
Post by pinko
Credo che contengano troppi grassi saturi e colesterolo.
Troppi grassi saturi?
il problema non sono tanto i grassi quanto l'acido arachidonico,
...che è un polinsaturo: è un tetraenoico, quindi ha ben 4
insaturazioni.
Post by DonJuan
che si
trova nel tuorlo d'uova e che non fa tanto bene.
Perché? L'organismo sa gestire benissimo l'acido arachidonico per
quanto riguarda la sintesi di prostaglandine et similia ;)
Ranablu
2005-03-16 07:27:08 UTC
Post by Enrico C
Attenzione: mi riferisco in particolare al numero di uova concentrato in un
solo giorno, non alla quantità totale...
A casa mia la tradizione prevede per il giorno di Pasquetta di preparare un
cestino di uova sode e metterlo come centro tavola: quando ti và ne mangi
uno. Sicuramente alcuni anni ho mangiato ben più di 4 uova e non ricordo di
aver mai avuto mal di pancia o problemi vari......certo il giorno dopo non
sono andata a fare esami del sangue o altro ;-)

Silvia